Acetone. Significato del termine medico 'Acetone' presente nel dizionario medico online gratuito.   
Dizionario medico online

Significato termine medico Acetone

Liquido organico dal caratteristico odore di frutta matura. Fa parte di un gruppo di composti chimici definiti corpi chetonici (acetone, acido beta-idrossibutirrico, acido acetilacetico, acidi aminici), che si formano durante i processi di degradazione degli acidi grassi da parte dell’organismo e che, in presenza di carboidrati, sono a loro volta degradati (donde il nome di composti intermedi) sino alla completa combustione, con produzione di molta energia chimica. Quando il tasso di carboidrati è insufficiente, i corpi chetonici si accumulano nel sangue e nelle urine. Il termine è usato nel linguaggio comune per definire una sindrome infantile, l’acetonemia.Liquido organico dal caratteristico odore di frutta matura. Fa parte di un gruppo di composti chimici definiti corpi chetonici (acetone, acido beta-idrossibutirrico, acido acetilacetico, acidi aminici),



che si formano durante i processi di degradazione degli acidi grassi da parte dell’organismo e che, in presenza di carboidrati, sono a loro volta degradati (donde il nome di composti intermedi) sino alla completa combustione, con produzione di molta energia chimica. Quando il tasso di carboidrati è insufficiente, i corpi chetonici si accumulano nel sangue e nelle urine. Il termine è usato nel linguaggio comune per definire una sindrome infantile, l’acetonemia.

Commenti

Altri termini medici nel dizionario medico che iniziano con la 'A'

  • Acqua
  • Composto chimico largamente diffuso allo stato liquido, solido e di vapore. Rappresenta circa il 70% del peso di un organismo umano, ripartita in acqua intracellulare ed extracellulare (secrezioni, liquidi interstiziali, torrente ematico). Perché abbiano luogo i normali processi metabolici, funzionino regolarmente i vari organi, siano mantenuti costanti la termoregolazione, l’equilibrio acido-base, l’eliminazione di scorie, dev’esserci un ricambio continuo dell’acqua presente nell’organismo, in modo però che essa si mantenga costante nella quantità complessiva e nella distribuzione. L’acqua quindi va regolarmente assunta (in quantità di 2-3 litri al giorno, di cui la maggior parte sarà contenuta negli alimenti ingeriti e almeno un litro bevuta direttamente) ed eliminata attraverso i reni (la media è 800 ml [...]
  • Antitetànica, vaccinazione
  • Vaccinazione contro il tetano. È stata resa obbligatoria dal 1968 per tutti i bambini entro il 2° anno di vita; dal 1981 è obbligatoria entro il 3° mese di vita la prima somministrazione, ed entro il 1° anno il ciclo completo; è obbligatoria inoltre per quanti sono esposti al rischio di infezione tetanica e per gli sportivi affiliati al CONI. Lo schema vaccinale prevede 3 somministrazioni entro il 1° anno: 3°, 4° e 6° mese, in associazione con vaccinazione antidifterica e [...]
  • Abduttori
  • Muscoli che allontanano un arto o parte di esso dall’asse [...]
  • Aspergillus fumigatus
  • Fungo patogeno; è il [...]
  • Arbovirus
  • Gruppo di virus (che prende nome dalla contrazione dell’inglese Arthropod-borne viruses), trasmessi da insetti artropodi [...]
  • Allattamento
  • Indice:Allattamento materno e allattamento artificiale:primo tipo di alimentazione del bambino, a base di latte. L’alimentazione deve essere il più possibile precoce e incentrata sull’allattamento materno, o allattamento naturale. Nelle prime sei ore di vita il bambino deve essere attaccato al seno; queste suzioni hanno scarso valore nutritivo, apportando al neonato solo piccole quantità di colostro, ma stimolano la secrezione lattea e aiutano la madre a entrare in rapporto col figlio dopo la separazione del parto. Nel bimbo normale sono necessari sei pasti al giorno durante il primo mese di vita, poi cinque sino al divezzamento. Nei primi giorni di vita l’allattamento dovrebbe essere dato in poppate di 5-10 minuti a entrambe le mammelle ogni 4 ore. È opportuno integrare l’alimentazione con somministrazioni di soluzione glucosata al 5-10%. Per 4-5 mesi, dopo la prima settimana, il neonato dovrebbe assumere giornalmente circa 150 g di latte per ogni kg di peso (cioè 450 g quando pesa 3 kg, 600 g quando pesa 4 kg ecc.). Il sistema della doppia pesata del neonato (prima e dopo la poppata) permette di accertare se ha mangiato quanto previsto.Allattamento materno e allattamento artificialeL’allattamento materno è da preferire in quanto permette un contatto madre-bambino più intimo, molto importante per lo sviluppo psicoaffettivo, e fondamento della vita di relazione del bambino. Il latte materno è privo di fattori allergizzanti [...]
  • Anatossina
  • Tossina batterica che, mediante trattamento con formolo, è stata privata del potere tossico ma conserva la sua capacità d’indurre, una volta che viene introdotta nell’organismo, la produzione di anticorpi specifici neutralizzanti. Le anatossine vengono impiegate come vaccini [...]
  • Acuità visiva
  • Capacità dell’occhio di distinguere due punti vicini, misurata dall’angolo minimo sotto cui devono essere visti perché l’occhio li percepisca separatamente. Se tale angolo vale 1’, le loro immagini si trovano sulla retina a una distanza di 5 µm e stimolano due elementi non contigui della stessa, condizione indispensabile perché siano visti distinti da un occhio normale. La valutazione dell’acuità visiva si effettua mediante il riconoscimento di segni o simboli, detti ottotipi. La misura si esprime in valori reciproci dell’angolo visivo minimo che sottende la distanza alla quale due punti non appaiono più separati. Per esempio, se tale angolo è di 2’, anziché di 1’, l’acuità visiva [...]
  • Adinamìa
  • Perdita della forza muscolare, causata da un insufficiente apporto di ossigeno e di sostanze energetiche al muscolo, [...]
  • Andrògeni
  • Ormoni steroidei derivati dal nucleo della struttura del colesterolo. Sono prodotti dalle gonadi e dalle ghiandole surrenali. In particolare, nell’uomo vengono sintetizzati in grande quantità dalle cellule interstiziali di Leydig del testicolo, mentre nella donna sono prodotti dalle cellule della teca e dello stroma ovarico (e in gravidanza dalla placenta), dove costituiscono il substrato chimico per la sintesi degli estrogeni da parte delle cellule della granulosa ovarica. Circolano nel sangue, sia legati a una globulina prodotta dal fegato detta SHBG (Sex Hormone Binding Globuline), sia liberi; la frazione libera è quella attiva. Sono metabolizzati e resi idrosolubili dal fegato; successivamente vengono escreti per via renale. I principali andrògeni naturali sono: il testosterone, il diidrotestosterone, l’androstenedione, l’androsterone e il deidroepiandrosterone (o DHEA). Le principali funzioni degli andrògeni consistono nei processi di differenziazione sessuale dell’individuo. Nel sesso maschile orientano, nel periodo fetale, la differenziazione del testicolo e di tutto l’apparato genitale; alla pubertà determinano [...]
Seguici
facebook twitter google+ rss
Ricerca termini medici
Seguici su facebook
Questi termini medici li conosci?
Altri dizionari medici
do you network?