Addison, morbo di. Significato del termine medico 'Addison, morbo di' presente nel dizionario medico online gratuito.   
Dizionario medico online

Significato termine medico Addison, morbo di

Sindrome determinata da insufficienza corticosurrenalica cronica (ridotta produzione di corticosteridi). Si distinguono forme primitive, denominate morbo di Addison in senso stretto, in cui l’alterazione colpisce il surrene direttamente; e forme secondarie, causate da alterata produzione dell’ormone ipofisario ACTH, o adrenocorticotropina, per danno ipofisario o ipotalamico. In questo secondo caso alcuni studiosi parlano di morbo di Addison “bianco”, in quanto il colore della cute non varia, mentre nelle forme primitive la cute si presenta generalmente scura, per aumento della deposizione di melanina. La malattia è cronica e insorge lentamente, generalmente in persone di mezza età, perlopiù donne. Le cause più frequenti delle forme primitive sono tubercolosi del surrene o malattie autoimmuni; quelle delle forme secondarie, radioterapia del cranio, interventi chirurgici sull’ipofisi, tumore cerebrale. La sintomatologia è caratterizzata da facilità a stancarsi, a volte con crampi e dolori muscolari, difficoltà di concentrazione, instabilità emotiva e depressione dell’umore. Il malato non ha appetito; spesso si presentano nausea e vomito. La pressione arteriosa è bassa, tanto da causare a volte episodi di collasso cardiocircolatorio. Caratteristica della forma primitiva è l’iperpigmentazione con effetto di intensa abbronzatura, soprattutto alle palme delle mani e dei piedi, e alle pieghe cutanee (per questo, un tempo era denominato “mal bronzino”). Nella donna può inoltre comparire amenorrea e nell’uomo impotenza e perdita della libido. La terapia è cronica ed è costituita dalla somministrazione di corticosteroidi.Sindrome determinata da insufficienza corticosurrenalica cronica (ridotta produzione di corticosteridi). Si distinguono forme primitive, denominate morbo di Addison in senso stretto, in cui l’alterazione colpisce il



surrene direttamente; e forme secondarie, causate da alterata produzione dell’ormone ipofisario ACTH, o adrenocorticotropina, per danno ipofisario o ipotalamico. In questo secondo caso alcuni studiosi parlano di morbo di Addison “bianco”, in quanto il colore della cute non varia, mentre nelle forme primitive la cute si presenta generalmente scura, per aumento della deposizione di melanina. La malattia è cronica e insorge lentamente, generalmente in persone di mezza età, perlopiù donne. Le cause più frequenti delle forme primitive sono tubercolosi del surrene o malattie autoimmuni; quelle delle forme secondarie, radioterapia del cranio, interventi chirurgici sull’ipofisi, tumore cerebrale. La sintomatologia è caratterizzata da facilità a stancarsi, a volte con crampi e dolori muscolari, difficoltà di concentrazione, instabilità emotiva e depressione dell’umore. Il malato non ha appetito; spesso si presentano nausea e vomito. La pressione arteriosa è bassa, tanto da causare a volte episodi di collasso cardiocircolatorio. Caratteristica della forma primitiva è l’iperpigmentazione con effetto di intensa abbronzatura, soprattutto alle palme delle mani e dei piedi, e alle pieghe cutanee (per questo, un tempo era denominato “mal bronzino”). Nella donna può inoltre comparire amenorrea e nell’uomo impotenza e perdita della libido. La terapia è cronica ed è costituita dalla somministrazione di corticosteroidi.

Commenti

Altri termini medici nel dizionario medico che iniziano con la 'A'

  • Anotìa
  • Malformazione congenita dell’orecchio caratterizzata dalla mancanza dell’abbozzo del padiglione, associata ad [...]
  • Anònime, vene
  • (o tronchi venosi brachiocefalici), i due vasi sanguigni, destro e sinistro, che raccolgono il sangue venoso degli arti superiori e della testa; prendono origine [...]
  • Aspartame
  • Sostanza di sapore dolce con potere dolcificante circa 200 volte superiore a quello dello zucchero. Privo di calorie, è usato nelle [...]
  • Accrescimento
  • Indice:Fattori interni ed esterni:I tempi dell’accrescimentoin biologia e in medicina, lo sviluppo dell’individuo inteso sia come crescita delle dimensioni corporee, dovuta alla moltiplicazione cellulare e all’aumento della massa muscolare e scheletrica, sia come processo di differenziazione e sviluppo delle funzioni organiche e biochimiche. Questi processi sono regolati da fattori interni ed esterni.Fattori interni ed esterni:Tra i fattori interni della massima importanza sono i fattori genetici e ormonali. Un esempio di influenza genetica sono le differenze di statura e proporzioni corporee tra popolazioni diverse. Nel singolo l’influenza genetica condiziona la reattività del tessuto periferico agli stimoli favorenti la crescita: per esempio, nell’acondroplasia la mutazione genetica determina modificazioni strutturali delle cartilagini di coniugazione. Tra gli ormoni, sono molto importanti nel determinare l’accrescimento: l’ormone somatotropo (somatropina, o STH, o GH), gli ormoni tiroidei e gli ormoni sessuali (androgeni ed estrogeni). La loro azione si esplica con modalità diverse e in diversi periodi della vita: l’ormone somatotropo è della massima importanza nella seconda e terza infanzia, stimolando armonicamente l’accrescimento. Un suo eccesso o difetto durante lo sviluppo causano rispettivamente gigantismo o nanismo armonico. L’ormone tiroideo, la cui azione si esplica sin dalla nascita, influenza non solo l’accrescimento muscolare e scheletrico, ma anche quello di tutti gli apparati, compreso il sistema nervoso centrale. Ne consegue che una sua carenza può causare, oltre che insufficienza di sviluppo corporeo, anche grave insufficienza mentale. Androgeni ed estrogeni aumentano durante la pubertà, favorendo sia la maturazione sessuale, sia quella scheletrica con la saldatura delle cartilagini di coniugazione delle ossa lunghe, ma se aumentano nel periodo prepubere causano una precoce saldatura delle cartilagini con conseguente bassa statura. Tra i fattori esterni, della massima importanza è l’alimentazione: una dieta ipercalorica e ricca di proteine favorisce l’accrescimento. Anche l’esercizio fisico, l’attenersi a norme igieniche di vita e il clima possono influire sull’accrescimento.I tempi dell’accrescimentoNella specie umana i processi di crescita e differenziazione seguono tempi diversi per i diversi apparati. Il sistema nervoso [...]
  • Adrenocorticotropina
  • Sinonimo di [...]
  • Antibattèrici
  • Farmaci capaci di svolgere un’azione inibente sulla vita o sulla riproduzione dei microrganismi batterici. La classificazione più comune tiene conto delle loro modalità di impiego e pertanto essi vengono distinti in generali, locali e ambientali. Sono antibattèrici generali i composti che mostrano la tendenza ad agire selettivamente in senso tossico sui batteri senza produrre effetti dannosi a carico dell’ospite: possiedono tale requisito gli antibiotici, i chemioterapici antibattèrici di sintesi, i sieri, i vaccini, i mezzi immunitari aspecifici, i concorrenti vitali, cioè agenti microbici innocui per [...]
  • Acarbose
  • Farmaco non assorbibile, che agisce nell’intestino inibendo gli enzimi della parete intestinale che trasformano i polisaccaridi in [...]
  • Antiluètici
  • Farmaci impiegati nel trattamento della sifilide. Il più usato per tutti gli stadi della malattia [...]
  • Antagonista
  • In anatomia, si dice di organo o sistema che sia anatomicamente o funzionalmente contrapposto a un altro: per esempio, i muscoli antagonisti sono quelli che in un determinato [...]
  • Antimonoaminossidàsici
  • Nome per esteso [...]
Seguici
facebook twitter google+ rss
Ricerca termini medici
Seguici su facebook
Questi termini medici li conosci?
Altri dizionari medici
do you network?