Adrenèrgici. Significato del termine medico 'Adrenèrgici' presente nel dizionario medico online gratuito.   
Dizionario medico online

Significato termine medico Adrenèrgici

Strutture o formazioni che producono adrenalina, o sono sollecitate ad agire da tale sostanza. Nelle fibre adrenergiche, proprie del sistema nervoso simpatico, l’impulso nervoso è trasmesso mediante secrezione di adrenalina; il sistema adrenergico, o cromaffine, è l’insieme della sostanza midollare, delle ghiandole surrenali e di tessuto producente adrenalina. In farmacologia gli adrenèrgici costituiscono un gruppo di farmaci (detti anche adrenalinosimili) che agiscono sul simpatico in modo simile alle fibre adrenergiche. Hanno vasto impiego in terapia, perlopiù come simpaticomimetici: sono usati come vasocostrittori, analettici circolatori, ipertensivi, spasmolitici, anoressizzanti ed eccitanti del sistema nervoso centrale. Sono adrenèrgici: adrenalina, noradrenalina, isoprenalina, efedrina, idrossiamfetamina, foledrina, fenilefrina, amfetamina, propilesedrina, nafazolina.Strutture o formazioni che producono adrenalina, o sono sollecitate ad agire da tale sostanza. Nelle fibre adrenergiche, proprie del sistema nervoso simpatico, l’impulso nervoso è trasmesso



mediante secrezione di adrenalina; il sistema adrenergico, o cromaffine, è l’insieme della sostanza midollare, delle ghiandole surrenali e di tessuto producente adrenalina. In farmacologia gli adrenèrgici costituiscono un gruppo di farmaci (detti anche adrenalinosimili) che agiscono sul simpatico in modo simile alle fibre adrenergiche. Hanno vasto impiego in terapia, perlopiù come simpaticomimetici: sono usati come vasocostrittori, analettici circolatori, ipertensivi, spasmolitici, anoressizzanti ed eccitanti del sistema nervoso centrale. Sono adrenèrgici: adrenalina, noradrenalina, isoprenalina, efedrina, idrossiamfetamina, foledrina, fenilefrina, amfetamina, propilesedrina, nafazolina.

Commenti

Altri termini medici nel dizionario medico che iniziano con la 'A'

  • Atetosi
  • Sindrome neurologica, caratterizzata da movimenti lenti, irregolari, continui, soprattutto della faccia e delle estremità degli arti. Tali sintomi risultano accentuati dalle emozioni e dai movimenti volontari, e scompaiono nel sonno. [...]
  • Anorchidìa
  • Vedi anorchia. [...]
  • Angina pèctoris
  • Indice:Quadro clinico:Le misure terapeutiche(o angina di petto), sindrome provocata da una insufficiente ossigenazione del cuore a causa di una transitoria deficienza di flusso sanguigno attraverso le arterie coronarie. La causa più frequente dell’ischemia è l’ostruzione del vaso a opera di una placca aterosclerotica (vedi anche aterosclerosi).Quadro clinicoL’accumulo nel tessuto di metaboliti tossici provocato dall’ischemia transitoria è in grado di scatenare il dolore, caratterizzato da un senso profondo di oppressione o costrizione, lancinante, abitualmente localizzato dietro lo sterno ma con diverse possibili irradiazioni (braccio sinistro, spalle, mandibole, bocca dello stomaco, scapole) e della durata di pochi minuti. In molti casi, ma non sempre, può essere individuato un fattore scatenante (esercizio fisico, freddo, pasti abbondanti, rapporti sessuali). Il dolore è in genere alleviabile dalla somministrazione di trinitrina. Il quadro descritto corrisponde all’angina pèctoris classica, che può essere suddivisa in stabile o instabile: la prima è cronica, prevedibile nella sua frequenza e intensità e nelle misure da adottare per prevenire o far cessare l’attacco; la seconda è una condizione più grave e si riferisce a un’angina pèctoris di recente insorgenza o di frequenza e intensità progressivamente più gravi. L’angina pèctoris variante (o di Prinzmetal) è più rara: i pazienti manifestano episodi anginosi a riposo, e non durante sforzi fisici anche faticosi. La metà circa di questi pazienti non presenta arteriosclerosi delle coronarie e la comparsa dell’ischemia viena attribuita a un improvviso spasmo delle coronarie. La diagnosi di angina pèctoris deve innanzitutto escludere altre cause del dolore toracico: un dolore toracico simile a quello anginoso può derivare da molteplici cause, poiché numerose strutture toraco-addominali rispondono a stimoli irritativi con sensazioni dolorose: fra queste l’esofago (esofagiti, spasmi), lo stomaco (ulcera peptica), le vie biliari (coliche), la parete toracica (pleuriti, sindromi dolorose a carattere reumatologico). Tuttavia, poiché, fra i pazienti affetti da angina pèctoris, quelli con forme atipiche rappresentano una piccola minoranza, la maggior parte dei pazienti che lamentano sintomi intermedi tra i due quadri estremi (dolore certamente anginoso e certamente non anginoso) in realtà non soffrono di [...]
  • Acyclovìr
  • Farmaco antivirale, indicato nel trattamento delle infezioni cutanee (genitali, labiali) da Herpes simplex, della gengivo-stomatite erpetica e della cheratocongiuntivite erpetica. È somministrabile per via orale o endovenosa e per applicazione locale. È importante iniziare il trattamento il più precocemente [...]
  • Acidificanti
  • Sostanze usate in cosmetica per mantenere o ripristinare l’acidità fisiologica della pelle. Acido lattico, citrico, ascorbico, borico, o miscele di aminoacidi e [...]
  • Antiseborroici
  • Farmaci che inibiscono l’azione secretrice delle ghiandole sebacee situate su cuoio capelluto, viso, tronco. Si usano sostanze cheratolitiche, composti mercuriali, prodotti a base di zolfo e selenio. L’acido retinoico o vitamina A, introdotto [...]
  • Apparato
  • Insieme di organi destinati a realizzare una particolare funzione (per esempio, apparato cardiocircolatorio, digerente, nefro-urinario, riproduttivo, respiratorio). Nel caso in cui le varie formazioni anatomiche [...]
  • Ammònio
  • Derivato dell’ammoniaca presente nell’organismo per catabolismo delle proteine e i cui sali concorrono al mantenimento dell’equilibrio acido-base e del pH nei liquidi extracellulari. In varie circostanze patologiche o per effetto di diete squilibrate ad alto contenuto carneo, oppure in [...]
  • Ascoltazione
  • (o auscultazione), metodo di diagnosi delle affezioni respiratorie, cardiache e addominali, nonché per il rilievo del battito cardiaco fetale (si cerca di stabilire la validità dei toni cardiaci per individuare eventuali sofferenze fetali). L’ascoltazione toracica può essere praticata in modo diretto (appoggiando alla parete l’orecchio) o indiretto (mediante un fonendoscopio). È così possibile rilevare rumori respiratori (ronchi, rantoli, sibili) e caratteri della tosse. L’ascoltazione eseguita per rilevare i fenomeni acustici cardiaci ha come punti di riferimento i cosiddetti focolai [...]
  • Anticorpi
  • Proteine presenti nel sangue, appartenenti al gruppo delle gammaglobuline. Gli anticorpi sono prodotti e liberati nel sangue dai linfociti B, quando raggiungono lo stadio differenziativo terminale di plasmacellula. La loro caratteristica fondamentale è data dalla capacità di riconoscere in modo specifico sostanze estranee [...]
Seguici
facebook twitter google+ rss
Ricerca termini medici
Seguici su facebook
Questi termini medici li conosci?
Altri dizionari medici
do you network?