Attìnica, terapìa. Significato del termine medico 'Attìnica, terapìa' presente nel dizionario medico online gratuito.   
Dizionario medico online

Significato termine medico Attìnica, terapìa

Utilizzazione a scopo terapeutico delle radiazioni ultraviolette. Trova impiego in molte patologie cutanee, come la psoriasi e l’acne. È controindicata nelle fasi acute delle dermatosi e nei soggetti che presentano fotosensibilità.nei soggetti che presentano fotosensibilità.

Commenti

Altri termini medici nel dizionario medico che iniziano con la 'A'

  • AST
  • (aspartatoaminotransferasi, o SGOT), enzima del gruppo delle transaminasi, presente nel fegato e in molti tessuti come il miocardio, il muscolo scheletrico, e nel sistema nervoso centrale: da questi tessuti si libera in seguito al danneggiamento [...]
  • Aptene
  • Sostanza in grado di reagire con gli anticorpi, ma capace di indurne la produzione [...]
  • AIDS
  • Indice:Diffusione e “mappa” dell’AIDSDiagnosi e progressione della malattiaTerapia e contagiositàTerapie alternativesigla di Acquired Immuno-Deficiency Syndrome, sindrome da immunodeficienza acquisita (da cui anche la sigla SIDA, meno usata). Malattia in cui è implicato il virus HIV-1, retrovirus capace di infettare selettivamente i linfociti T, i macrofagi e le cellule dendritiche che esprimono un particolare recettore virale. Una reazione di tipo autoimmune sommata all’effetto del virus fa sì che le cellule infettate vengano distrutte, con conseguente scompaginamento di tutto il sistema immunitario (immunodeficienza). I soggetti infettati che contraggono la malattia diventano suscettibili a numerose infezioni, specialmente fungine (candidosi, aspergillosi, criptococcosi), protozoarie (toxoplasmosi, pneumocistosi) e virali (infezione da Herpes e Cytomegalovirus); anche la suscettibilità a particolari tipi di tumori (sarcoma di Kaposi, linfoma non-Hodgkin) è notevolmente aumentata.Diffusione e “mappa” dell’AIDSI primi casi di malattia (probabilmente originaria dell’Africa centrale) sono stati segnalati fra il 1979 e il 1981 ad Haiti e nelle grandi città degli Stati Uniti, in modo più evidente nelle comunità di omosessuali. Attualmente la malattia è diffusa in quasi tutti i Paesi europei, in Africa, negli Stati Uniti e nell’America Meridionale, mentre è ancora rara in Asia. I gruppi cosiddetti “a rischio” sono le persone omosessuali, i tossicodipendenti e coloro che, eterosessuali o bisessuali, hanno frequenti rapporti con estranei, dei quali non sanno se siano sieropositivi. In Italia la fascia più colpita è quella dei tossicodipendenti a causa della diffusa usanza di scambiarsi la siringa. Il contagio avviene mediante il contatto con i liquidi organici (in particolare sangue, sperma, secrezioni vaginali) di soggetti portatori del virus. In passato un certo numero di casi di malattia sono derivati da trasfusione o infusione di emoderivati infetti: da alcuni anni tutto il sangue impiegato per trasfusioni e per preparare emoderivati è rigidamente controllato: non dovrebbe perciò più esistere il rischio di contagio per questa via. Sono ancora numerosi invece i casi di AIDS trasmesso da madre sieropositiva al figlio durante la gravidanza. Diagnosi e progressione della malattiaLa diagnosi viene effettuata mediante un test sul siero che ricerca gli anticorpi antivirus prodotti dall’individuo: la presenza di tali anticorpi viene definita sieropositività. In caso di riscontro di test ELISA positivo, in alcuni laboratori specializzati si effettuano test più sofisticati (Western blot, immunofluorescenza, radioimmunoprecipitazione) per avere diagnosi di certezza. È anche possibile determinare la carica virale presente nel sangue (il numero delle 'copie' virali) attraverso la PCR (Polymerase Chain Reaction). La semplice sieropositività non è indice di malattia in atto, ma solo di avvenuto contagio; questa fase può durare anche molti anni poiché il virus, che appartiene alla famiglia dei Lentivirus, impiega molto tempo a determinare i danni all’organismo. La fase successiva è detta LAS (linfoadenopatia sistemica) ed è caratterizzata dall’ingrossamento di più stazioni linfonodalisenza altri sintomi clinici. Segue la fase di AIDS conclamato con graduale indebolimento, febbre e successive infezioni opportunistiche. Terapia e contagiositàSecondo le informazioni più recenti (CDC, Center for Disease Control, 2003) non siamo ancora in grado di eradicare l'infezione da HIV con gli attuali farmaci antiretrovirali. Tuttavia è possibile una riduzione sensibile e duratura del livello di infezione, riprostinare e mantenere una buona funzione immunologica, una [...]
  • Aneuploidìa
  • Anomalia cromosomica, per cui i cromosomi nelle cellule sono in numero diverso dal normale corredo cromosomico diploide, doppi rispetto al corredo aploide dei gameti. Sono esempi di aneuploidìa le monosomie, in cui un cromosoma è rappresentato in copia singola [...]
  • Ateroma
  • Principale manifestazione dell’aterosclerosi. Consiste in una placca di materiale lipidico (colesterolo, fosfolipidi, grassi neutri), proteico e fibroso, dovuta a un processo progressivo di degenerazione dell’intima arteriosa. Quando predomina il contenuto in lipidi, l’ateroma si presenta di colore giallastro, non rilevato; in seguito alla proliferazione dell’intima, aumenta di consistenza, di grandezza e diventa di colore biancastro; in uno stadio più avanzato si hanno fenomeni di lipolisi e di necrosi centrale. In altri casi, alla superficie dell’ateroma si deposita fibrina, [...]
  • Antifibrinolìtici
  • Farmaci antiemorragici che inibiscono l’attività fibrinolitica del sangue. La loro azione si esplica inibendo direttamente la fibrinolisina o il plasminogeno (suo precursore). Sono: l’acido aminocaproico, [...]
  • Anastomosi
  • Comunicazione tra due o più elementi anatomici vascolari o nervosi (arterie, vene, vasi linfatici, nervi ecc.), che può essere diretta o può attuarsi attraverso formazioni collaterali. Le anastomosi naturali, a livello dei vasi sanguigni, permettono un facile ripristino della circolazione in caso di ostruzione di un’arteria o di una vena; più complesso è il significato delle anastomosi tra arterie e vene che possono verificarsi in numerosi organi: si tratta di veri e propri cortocircuiti che contribuiscono alla regolazione locale dell’afflusso ematico. Le anastomosi artificiali, dette anche by-pass, sono realizzate mediante interventi chirurgici quando occorre mettere in rapporto organi cavi, [...]
  • Antiaggreganti piastrìnici
  • Farmaci in grado di ostacolare il fenomeno dell’aggregazione delle piastrine che è concausa di molte affezioni di origine vascolare, in particolare delle vasculopatie cerebrali (TIA, ictus cerebrale) e delle cardiopatie ischemiche (angina pectoris, infarto del miocardio ecc.). Il meccanismo d’azione è da ricercarsi nell’inibizione transitoria e reversibile dell’enzima [...]
  • Angiorrafìa
  • Intervento di sutura di [...]
  • Arbovirus
  • Gruppo di virus (che prende nome dalla contrazione dell’inglese Arthropod-borne viruses), trasmessi da insetti artropodi [...]
Seguici
facebook twitter google+ rss
Ricerca termini medici
Seguici su facebook
Questi termini medici li conosci?
Altri dizionari medici
do you network?