Azoospermìa. Significato del termine medico 'Azoospermìa' presente nel dizionario medico online gratuito.   
Dizionario medico online

Significato termine medico Azoospermìa

Assenza di spermatozoi nello sperma, con conseguente sterilità. Può essere dovuta a mancata formazione di spermatozoi nel testicolo, oppure a mancata emissione di spermatozoi per ostruzione delle vie spermatiche. Nel primo caso può essere dovuta a infiammazioni (orchiti), traumi, varicocele, criptorchidismo, ipogonadismo, abuso di alcolici o di farmaci (cimetidina, chemioterapici antitumorali), irradiazione locale, assenza congenita delle cellule produttrici di spermatozoi, presenza di anticorpi antispermatozoi. Nel secondo caso sono responsabili soprattutto infezioni (tubercolosi genitale, gonorrea), traumi, difetti congeniti.Assenza di spermatozoi nello sperma, con conseguente sterilità. Può essere dovuta a mancata formazione di spermatozoi nel testicolo, oppure a mancata emissione di spermatozoi per ostruzione



delle vie spermatiche. Nel primo caso può essere dovuta a infiammazioni (orchiti), traumi, varicocele, criptorchidismo, ipogonadismo, abuso di alcolici o di farmaci (cimetidina, chemioterapici antitumorali), irradiazione locale, assenza congenita delle cellule produttrici di spermatozoi, presenza di anticorpi antispermatozoi. Nel secondo caso sono responsabili soprattutto infezioni (tubercolosi genitale, gonorrea), traumi, difetti congeniti.

Commenti

Altri termini medici nel dizionario medico che iniziano con la 'A'

  • Anoressia nervosa
  • Vedi anoressia [...]
  • Aerofagìa
  • Eccessiva deglutizione di aria, che raggiunge lo stomaco e l’intestino. Questa condizione si sviluppa in persone ansiose (somatizzazione) o affette da dispepsia, e si [...]
  • Adenoidi
  • Termine comunemente usato per indicare la tonsilla faringea o vegetazioni adenoidee. È una formazione contenuta nel rinofaringe e costituita da tessuto linforeticolare, diffuso e nodulare; raggiunge le coane, il tubercolo faringeo, la fossetta di Rosenmüller e l’orifizio faringeo della tuba. Le adenoidi sono evidenti soprattutto durante l’infanzia; poi, per un processo di involuzione fisiologica, [...]
  • Anabolizzanti
  • Farmaci che stimolano l’anabolismo proteico, cioè la costruzione delle proteine. Le sostanze più usate sono gli ormoni sessuali maschili e i loro derivati, responsabili dell’aumento di statura e delle masse muscolari che si verifica in pubertà. Aumentano a livello dei muscoli il contenuto di azoto, glicogeno, fosforo a elevato potenziale energetico. Aumentano la ritenzione di calcio, sodio, potassio e cloro. Stimolano la sintesi di anticorpi, potenziando le difese dell’organismo. Facilitano la rigenerazione cellulare, e perciò sono usati per curare piaghe torpide. Stimolano la produzione di globuli rossi e di emoglobina nel sangue. Sono anabolizzanti, per esempio, metenolone, nandrolone, oxabolone, oxandrolone, quinbolone, stanazolo, etilestrenolo, fluossimesterone, mesterolone, metitestosterone. Sono usati nei casi di magrezza, ritardi [...]
  • Altea
  • (Althaea officinalis, famiglia Malvacee), pianta medicinale, di cui si usano le radici in decotto. Costituenti principali sono le mucillagini, insieme a betaina e asparagina. [...]
  • Antispàstici
  • (o spasmolitici), farmaci che provocano il rilasciamento della muscolatura liscia, inibendo gli effetti muscarinici dell’acetilcolina. Sono usati in caso di coliche renali e biliari, bradicardia, chinetosi, ulcera peptica, dolori addominali e alcune malattie oculari. Possono avere importanti e gravi effetti secondari, [...]
  • Ateromasìa
  • (o ateromatosi), quadro clinico caratterizzato dalla presenza di lesioni di carattere [...]
  • Aldosteronismo
  • Termine che indica una serie di quadri clinici riferibili a un’alterata concentrazione [...]
  • Assone
  • (o cilindrasse), il prolungamento di maggior lunghezza della cellula nervosa, o neurone; è deputato alla trasmissione dell’impulso nervoso ad altri neuroni, con cui si mette in rapporto per [...]
  • Antidiftèrico, vaccino
  • Preparazione contenente la tossina difterica inattivata (anatossina) in modo da perdere totalmente il potere tossico ma che conserva la capacità di indurre una risposta immunitaria sufficiente a proteggere dalla malattia. Sono rari gli effetti [...]
Seguici
facebook twitter google+ rss
Ricerca termini medici
Seguici su facebook
Questi termini medici li conosci?
Altri dizionari medici
do you network?