Bronzino. Significato del termine medico 'Bronzino' presente nel dizionario medico online gratuito.   
Dizionario medico online

Significato termine medico Bronzino

Termine generico che indica patologie caratterizzate da una colorazione brunastra dei tessuti. In particolare: morbo bronzino, vedi morbo di Addison; diabete bronzino, vedi emocromatosi.

Commenti

Altri termini medici nel dizionario medico che iniziano con la 'B'

  • Blefaroclono
  • Spasmo involontario del muscolo orbicolare dell’occhio, che [...]
  • Biodegradàbile
  • Si dice di un materiale costituito da un composto chimico organico che può subire una degradazione da parte di microrganismi, della luce [...]
  • Bilancio energètico
  • Parametro di valutazione del ricambio materiale costituito dal rapporto tra le entrate e le uscite dei diversi costituenti organici dell’organismo. Il valore delle entrate è fornito dalla quantità totale dei materiali alimentari assimilati, mentre le uscite si ricavano dalla somma dei componenti organici (carboidrati, lipidi, proteine) che nello stesso intervallo di tempo vengono perduti attraverso processi di escrezione e di secrezione. In stretto rapporto con il bilancio energètico varia anche il bilancio organico, la cui determinazione dipende dalla qualità e dalla quantità dei costituenti chimici degli alimenti e dal loro valore calorico; [...]
  • Bubbone
  • Termine generico per indicare l’ipertrofia di un [...]
  • Broncopneumopatìa
  • Denominazione generica di qualsiasi processo patologico a carico dell’albero bronchiale e del tessuto polmonare. Può essere classificato secondo l’agente eziologico (infettivo, neoplastico, da esposizione lavorativa, idiopatico) o secondo l’andamento (acuto o cronico). Spesso con questo termine [...]
  • Brachiocefàlico
  • Detto di una formazione anatomica che ha rapporti con l’arto superiore e [...]
  • Blocco antàlgico
  • Anestesia locale ottenuta mediante l’infiltrazione di una soluzione di anestetico in un nervo periferico. L’operazione può essere effettuata direttamente o, in caso di localizzazioni profonde, sotto la guida di un ecografo o di un amplificatore [...]
  • Blumberg, segno di
  • Accentuazione del dolore in seguito al rilascio immediato della pressione delle dita [...]
  • Biliari, àcidi
  • Composti derivati dal colesterolo, prodotti dal fegato; costituiscono circa il 12% della bile. Gli àcidi biliari si dividono in primari, cioè formati direttamente dal fegato (acido colico e acido chenodesossicolico), e secondari (acido litocolico e acido desossicolico), formati nell’intestino a partire da quelli primari. Prima di essere secreti nella bile gli àcidi biliari vengono coniugati nel fegato con gli aminoacidi glicina e taurina, per formare i cosiddetti sali biliari. Dalla bile passano poi nell’intestino: la quota più importante viene assorbita nella parte terminale dell’intestino tenue (ileo distale). La porzione che non viene assorbita passa nel colon, dove la flora batterica metabolizza gli àcidi biliari primari e li trasforma in secondari: parte di questi viene riassorbita e portata al fegato tramite il sangue portale, dove si ha captazione e nuova [...]
  • Brachiale, vena
  • Vaso che decorre nei piani profondi del braccio, come prosecuzione della vena ascellare, nel [...]
Seguici
facebook twitter google+ rss
Ricerca termini medici
Seguici su facebook
Questi termini medici li conosci?
Altri dizionari medici
do you network?