Cardiopalmo. Significato del termine medico 'Cardiopalmo' presente nel dizionario medico online gratuito.   
Dizionario medico online

Significato termine medico Cardiopalmo

Percezione soggettiva del battito cardiaco. Si verifica normalmente in caso di sforzo fisico intenso o di eccitazione; in condizioni patologiche è avvertibile in presenza di aritmia iper- o ipocinetica. Frequentemente viene avvertito in caso di extrasistole, ma non è necessariamente da considerare patologico.Per il trattamento del cardiopalmo la fitoterapia propone il biancospino e la cardiaca. Il biancospino (Crataegus oxyacantha) è usato per normalizzare il ritmo cardiaco, ma anche per migliorare il flusso coronarico; è indicato nei disturbi del ritmo cardiaco dei soggetti ansiosi, ma non è un rimedio a effetto rapido. Nonostante il biancospino possieda un discreto grado di sicurezza per un uso prolungato, si raccomanda di ricorrere a trattamenti medici specialistici in caso di aritmie persistenti o angina pectoris o altre patologie cardiache di una certa gravità. L’attività sedativa della cardiaca (Leonurus cardiaca) era già nota agli antichi Greci. È indicata in caso di palpitazioni, specie nei soggetti ansiosi, ipereccitabili, ipertesi. Gli erboristi la utilizzano anche nei disturbi della menopausa.Percezione soggettiva del battito cardiaco. Si verifica normalmente in caso di sforzo fisico intenso o di eccitazione; in condizioni patologiche è avvertibile in presenza di aritmia



iper- o ipocinetica. Frequentemente viene avvertito in caso di extrasistole, ma non è necessariamente da considerare patologico.Per il trattamento del cardiopalmo la fitoterapia propone il biancospino e la cardiaca. Il biancospino (Crataegus oxyacantha) è usato per normalizzare il ritmo cardiaco, ma anche per migliorare il flusso coronarico; è indicato nei disturbi del ritmo cardiaco dei soggetti ansiosi, ma non è un rimedio a effetto rapido. Nonostante il biancospino possieda un discreto grado di sicurezza per un uso prolungato, si raccomanda di ricorrere a trattamenti medici specialistici in caso di aritmie persistenti o angina pectoris o altre patologie cardiache di una certa gravità. L’attività sedativa della cardiaca (Leonurus cardiaca) era già nota agli antichi Greci. È indicata in caso di palpitazioni, specie nei soggetti ansiosi, ipereccitabili, ipertesi. Gli erboristi la utilizzano anche nei disturbi della menopausa.

Commenti

Altri termini medici nel dizionario medico che iniziano con la 'C'

  • Commessura
  • (o commissura), termine impiegato per indicare il punto in cui due parti combaciano (per [...]
  • Cànnabis ìndica
  • Sinonimo di canapa [...]
  • Creatinfosfochinasi
  • (o CPK), enzima presente in concentrazioni particolarmente elevate nei muscoli striati e nella muscolatura del miocardio, oltre che nel tessuto cerebrale. È l’enzima che interviene nel metabolismo del creatinfosfato per dare luogo, in presenza di ADP, a creatina e ATP (adenosintrifosfato). La misurazione della concentrazione di questo enzima nel sangue (tasso ematico di CPK) viene utilizzata per valutare la presenza e l’entità di un danno muscolare (muscolatura scheletrica o miocardica) con necrosi delle cellule e conseguente liberazione in circolo di sostanze enzimatiche in esse contenute. In particolare, il tasso di CPK è innalzato [...]
  • Cilindrasse
  • Sinonimo di [...]
  • Colite da antibiòtici
  • (o colite pseudomembranosa), infiammazione del colon provocata da una prolungata assunzione di antibiotici. La flora batterica normalmente presente nel colon subisce una riduzione, con modificazione dei tipi prevalenti di microrganismi: più spesso a prendere il sopravvento è Clostridium difficile, batterio capace di produrre una tossina in grado di danneggiare la mucosa del colon; altre volte, invece, hanno la meglio i miceti, specialmente quelli del genere Candida. [...]
  • Cassoni, malattìa dei
  • Vedi barotraumatismo. [...]
  • Cromatòfori
  • Cellule dell’iride dell’occhio, contenenti i granuli di [...]
  • Cavìglia
  • Termine privo di significato anatomico ma genericamente usato per indicare la parte [...]
  • Coccigodinìa
  • (o nevralgia coccigea), nevralgia caratterizzata da dolori continui con parossismi a partenza dal coccige e irradiati alle [...]
  • Cuore
  • Organo cavo che ha la funzione di centro propulsore del sistema circolatorio grazie alla contrazione del tessuto muscolare striato (miocardio) che ne costituisce la struttura. Il cuore si trova nel mediastino, cavità posta fra i due polmoni. Ha la forma di un cono con l’apice in basso, leggermente spostato verso sinistra e in avanti. La cavità interna del cuore è suddivisa in due atri e due ventricoli. Gli atri comunicano con i sottostanti ventricoli mediante le valvole atrioventricolari (tricuspide a destra, bicuspide o mitrale a sinistra). Nell’atrio destro sboccano le vene cave e la grande vena coronaria, nel sinistro le quattro vene polmonari. Un setto (con due porzioni: interatriale e interventricolare) divide completamente la parte destra del cuore dalla sinistra (nell’embrione invece il foro di Botallo, chiuso da una valvola di cui rimane un rudimento, mette in comunicazione i due atri). Dal ventricolo destro parte l’arteria polmonare, dal sinistro l’arteria aorta, ambedue munite all’origine di valvole (valvole semilunari o sigmoidee). Il cuore è avvolto da una membrana sierosa detta pericardio, il cui foglietto interno è detto epicardio. Il miocardio, o muscolo cardiaco, è assai robusto e forma nei ventricoli delle sporgenze dette colonne carnose, di 1°, 2°, 3° ordine a seconda che aderiscano alle pareti con 1 capo, [...]
Seguici
facebook twitter google+ rss
Ricerca termini medici
Seguici su facebook
Questi termini medici li conosci?
Altri dizionari medici
do you network?