Citrati. Significato del termine medico 'Citrati' presente nel dizionario medico online gratuito.   
Dizionario medico online

Significato termine medico Citrati

Sali dell’acido citrico usati in terapia. Il citrato di magnesio, costituito da carbonato di magnesio e acido citrico, è dotato di proprietà purganti; il citrato di sodio, costituito da bicarbonato di sodio e acido citrico in soluzione, è dotato di proprietà antiacide; è anche usato come anticoagulante nelle trasfusioni, in soluzione al 4%, oppure per rendere incoagulabile il sangue conservato.Sali dell’acido citrico usati in terapia. Il citrato di magnesio, costituito da carbonato di magnesio e acido citrico, è dotato di proprietà purganti; il citrato di



sodio, costituito da bicarbonato di sodio e acido citrico in soluzione, è dotato di proprietà antiacide; è anche usato come anticoagulante nelle trasfusioni, in soluzione al 4%, oppure per rendere incoagulabile il sangue conservato.

Commenti

Altri termini medici nel dizionario medico che iniziano con la 'C'

  • Capdepont, sìndrome di
  • Sinonimo di displasia [...]
  • Cinètica
  • Studio della velocità a cui si svolgono le reazioni chimiche e [...]
  • Caffeina
  • Alcaloide contenuto nel caffè, nel tè, nel matè, nelle noci di cola. A dosi terapeutiche (100-200 mg) produce una lieve stimolazione del sistema nervoso centrale, che può facilitare il lavoro fisico e intellettuale. Stimola i centri respiratori, incrementa la secrezione acida e la diuresi, accresce la forza di contrazione e la frequenza cardiaca. Una tazza di caffè comune all’italiana (5-7 g di caffè in polvere per tazza) può contenere da 0,05 a 0,15 g di caffeina (il caffè casalingo ne contiene circa 0,12-0,15 g; l’espresso [...]
  • Cistectasìa
  • Dilatazione normale o patologica [...]
  • Claudicazione
  • Deambulazione anormale, per alterazioni anatomiche o funzionali di uno [...]
  • Catetere
  • Attrezzo a forma di tubo aperto alle due estremità, usato per arrivare alle cavità interne dell’organismo a scopo diagnostico o terapeutico (cateterismo). Ha aspetto e dimensioni diverse; è rigido, semirigido o flessibile, a seconda dell’impiego. [...]
  • Citrullina
  • Aminoacido presente allo stato libero nei limoni e in altri vegetali. È un prodotto intermedio del ciclo dell’urea. Se manca [...]
  • Calorìa
  • Quantità di energia necessaria per innalzare la temperatura di 1 g d’acqua distillata da 14,5 a 15,5 °C. In fisiologia è impiegata come unità di misura della quantità di energia utilizzabile contenuta negli alimenti: tale energia può essere misurata bruciando le sostanze alimentari in presenza di ossigeno, per mezzo di un calorimetro. Il Sistema Internazionale impiega come unità di misura dell’energia il joule (j): per passare da un’unità di misura a un’altra si usano i seguenti fattori di conversione: 1 caloria (cal) = [...]
  • Capillari linfàtici
  • Vasi sottilissimi, con la stessa costituzione dei capillari della circolazione [...]
  • Colon-retto, tumore del
  • Neoplasia maligna che colpisce con frequenza quasi equivalente uomini e donne, a partire dai 30 anni di età. La sua frequenza, stabile da alcuni decenni, è seconda solo al tumore polmonare nell’uomo, terza, dopo cancro della mammella e dell’utero, nella donna. Le cause sono ignote, ma si sa che colpisce maggiormente le popolazioni dei paesi più sviluppati, in cui la dieta è ricca di grassi e povera di scorie, e accresce di molto la produzione di sali biliari; fattori di rischio altrettanto incidenti sono la predisposizione familiare e la presenza di lesioni precancerose (polipi, poliposi ereditarie, colite ulcerosa cronica e, in minor misura, malattia di Crohn). Macroscopicamente il tumore può essere vegetante, ulcerato, anulare, stenosante o ricco di muco; microscopicamente si tratta di adenocarcinomi, a vario grado di differenziazione, nel 95% dei casi. La sintomatologia è subdola, variando a seconda della localizzazione. Nel caso di tumori del colon destro (12% dei casi) si hanno dolori locali, una massa palpabile, anemia e perdita di peso. I tumori del colon trasverso (4%), quelli del colon sinistro (10%), e quelli del sigma (32%) danno dolori locali e modificazioni dell’alvo (stitichezza alternata a diarrea all’inizio, poi stitichezza sempre più ostinata). Infine le forme che interessano il retto (42% dei pazienti) causano modificazioni dell’alvo e sanguinamento rettale. Le metastasi vanno, per via linfatica, [...]
Seguici
facebook twitter google+ rss
Ricerca termini medici
Seguici su facebook
Questi termini medici li conosci?
Altri dizionari medici
do you network?