Colangiografìa. Significato del termine medico 'Colangiografìa' presente nel dizionario medico online gratuito.   
Dizionario medico online

Significato termine medico Colangiografìa

Esame radiologico mediante mezzo di contrasto, per visualizzare le vie biliari e la colecisti. Nella colangiografìa endovenosa il mezzo di contrasto, iniettato in una vena periferica, si concentra e viene escreto a livello epatico. Nella colangiografìa intraoperatoria si ha l’accesso diretto all’albero biliare mediante iniezione del mezzo di contrasto nel dotto cistico o nel coledoco, nel corso dell’intervento operatorio sulle vie biliari. Nella colangiografìa transepatica percutanea il mezzo di contrasto viene iniettato direttamente all’interno delle vie biliari intraepatiche, per mezzo di un sottile ago introdotto nel loro lume attraverso la cute dall’esterno: sotto controllo ecografico, l’operatore fa avanzare l’ago nel tessuto epatico (come per realizzare una biopsia), finché non incontra una via biliare: a questo punto esegue l’iniezione del mezzo di contrasto. Per la colangiografìa retrograda endoscopica vedi ERCP.Esame radiologico mediante mezzo di contrasto, per visualizzare le vie biliari e la colecisti. Nella colangiografìa endovenosa il mezzo di contrasto, iniettato in una vena periferica,



si concentra e viene escreto a livello epatico. Nella colangiografìa intraoperatoria si ha l’accesso diretto all’albero biliare mediante iniezione del mezzo di contrasto nel dotto cistico o nel coledoco, nel corso dell’intervento operatorio sulle vie biliari. Nella colangiografìa transepatica percutanea il mezzo di contrasto viene iniettato direttamente all’interno delle vie biliari intraepatiche, per mezzo di un sottile ago introdotto nel loro lume attraverso la cute dall’esterno: sotto controllo ecografico, l’operatore fa avanzare l’ago nel tessuto epatico (come per realizzare una biopsia), finché non incontra una via biliare: a questo punto esegue l’iniezione del mezzo di contrasto. Per la colangiografìa retrograda endoscopica vedi ERCP.

Commenti

Altri termini medici nel dizionario medico che iniziano con la 'C'

  • Contagiosità
  • Capacità di un microrganismo patogeno di trasferirsi da un soggetto, nel quale alberga, a un altro soggetto, mediante l’eliminazione (tramite le [...]
  • Circolo polmonare
  • (o piccola circolazione), circolo sanguigno composto dall’arteria polmonare, dalle sue ramificazioni [...]
  • Conservanti alimentari
  • Sostanze chimiche aggiunte agli alimenti per evitarne il deperimento a causa dell’azione di microrganismi o dell’ossidazione da parte dell’ossigeno contenuto nell’aria. Si possono suddividere in antimicrobici, antiossidanti e sostanze il cui effetto conservante è secondario. I conservanti alimentari antimicrobici vengono a loro volta suddivisi in conservanti alimentari innocui, conservanti alimentari accettabili e conservanti alimentari da riservare al trattamento in superficie dei prodotti. Tra i conservanti alimentari innocui si possono citare solo l’acido sorbico (anche come sorbato di potassio o di sodio) con effetto antibatterico e antifungino; il propionato di potassio (azione antimuffa); il propionato di calcio usato per contrastare la crescita di batteri e muffe nel pane. Poiché pochi sono i conservanti alimentari veramente innocui, si ricorre alla denominazione di conservanti alimentari accettabili per indicare sostanze il cui uso può [...]
  • Chiodo
  • Asta di acciaio inossidabile o di lega metallica (vitallium), materiali perfettamente tollerati dall’organismo umano, impiegata in interventi chirurgici di ricostruzione ossea (osteosintesi). Per le osteosintesi transossee si impiegano chiodi a T oppure a U, che servono a fissare i frammenti ossei; il chiodo triflangiato di Smith-Petersen, provvisto di tre lamine che si oppongono alla rotazione reciproca dei frammenti ossei, è utilizzato per le fratture del collo del femore. Per le [...]
  • Càustici
  • Sostanze ad azione locale capaci di distruggere i tessuti con i quali vengono a contatto. Sono càustici: gli acidi nitrico, solforico, tricloroacetico; gli idrati di sodio e di potassio; il cloruro di zinco, i fenoli, i cresoli ecc. Vengono talora usati per distruggere cellule e tessuti mediante causticazione. Per circoscriverne gli effetti e per facilitarne l’applicazione, sono impiegati sotto forma di paste e cilindretti, detti pietre, matite, lapis (nota la “pietra infernale”, costituita da un [...]
  • Créscita
  • Vedi accrescimento. [...]
  • Cistoma
  • (o cistoadenoma, o adenoma cistico), tumore benigno di riscontro più frequente nell’ovaio, meno in altri organi (per esempio, pancreas), costituito da cisti con cavità unica o multipla. Si distinguono diversi tipi: quello sieroso ha la più alta probabilità di degenerazione maligna, è più spesso [...]
  • Còrnea
  • Membrana trasparente che riveste anteriormente il globo oculare (a palpebre aperte è a contatto con l’aria) e posteriormente delimita la camera anteriore dell’occhio. È costituita dalla sovrapposizione di cinque [...]
  • Capillarite
  • Infiammazione dei [...]
  • Cefalosporine
  • Farmaci antibiotici. Il primo farmaco della serie è la cefalosporina C, da cui si è partiti per la preparazione di vari derivati semisintetici, i quali, sia per i requisiti chemioterapici, sia per la modesta tossicità, hanno assunto un notevole interesse terapeutico. L’attività antibiotica è legata al blocco della sintesi di alcuni componenti della parete cellulare batterica. Tale meccanismo d’azione è analogo a quello delle penicilline. Sulla base delle diverse caratteristiche si distinguono cefalosporine di successive generazioni: alla prima appartengono sostanze come la cefalotina, la cefaloridina, la cefazolina, la cefalessina, la cefradina, prevalentemente attive contro i batteri gram-positivi, poco attive contro lo stafilococco e molti gram-negativi; le cefalosporine [...]
Seguici
facebook twitter google+ rss
Ricerca termini medici
Seguici su facebook
Questi termini medici li conosci?
Altri dizionari medici
do you network?