Cotone idròfilo. Significato del termine medico 'Cotone idròfilo' presente nel dizionario medico online gratuito.   
Dizionario medico online

Significato termine medico Cotone idròfilo

Materiale per medicazione ottenuto dal cotone greggio depurato, cardato e sgrassato, caratterizzato da notevole affinità per l’acqua. Quello venduto in farmacia deve rispondere alle caratteristiche descritte dalla Farmacopea, in particolare alle seguenti: deve bagnarsi entro 10 secondi; ogni grammo deve assorbire non meno di 23 g d’acqua. Usandolo nelle medicazioni bisogna aver cura di non metterlo mai a diretto contatto con le ferite aperte. Il cotone idròfilo imbevuto di sostanze coagulanti (giallo al percloruro ferrico) è detto emostatico.Materiale per medicazione ottenuto dal cotone greggio depurato, cardato e sgrassato, caratterizzato da notevole affinità per l’acqua. Quello venduto in farmacia deve rispondere alle caratteristiche descritte



dalla Farmacopea, in particolare alle seguenti: deve bagnarsi entro 10 secondi; ogni grammo deve assorbire non meno di 23 g d’acqua. Usandolo nelle medicazioni bisogna aver cura di non metterlo mai a diretto contatto con le ferite aperte. Il cotone idròfilo imbevuto di sostanze coagulanti (giallo al percloruro ferrico) è detto emostatico.

Commenti

Altri termini medici nel dizionario medico che iniziano con la 'C'

  • Creatinfosfochinasi
  • (o CPK), enzima presente in concentrazioni particolarmente elevate nei muscoli striati e nella muscolatura del miocardio, oltre che nel tessuto cerebrale. È l’enzima che interviene nel metabolismo del creatinfosfato per dare luogo, in presenza di ADP, a creatina e ATP (adenosintrifosfato). La misurazione della concentrazione di questo enzima nel sangue (tasso ematico di CPK) viene utilizzata per valutare la presenza e l’entità di un danno muscolare (muscolatura scheletrica o miocardica) con necrosi delle cellule e conseguente liberazione in circolo di sostanze enzimatiche in esse contenute. In particolare, il tasso di CPK è innalzato [...]
  • Comunicazione interatriale
  • Alterazione dello sviluppo embrionale del cuore caratterizzata dalla presenza di una comunicazione fra l’atrio destro e il sinistro. Nel primo circola normalmente sangue venoso, nel secondo arterioso: la maggiore pressione vigente nell’atrio sinistro fa sì che a ogni battito cardiaco una parte del sangue arterioso passi nell’atrio destro, mescolandosi con quello venoso. La conseguenza più importante è [...]
  • Colon
  • Parte dell’intestino crasso compresa tra il cieco e il retto. Nel colon si usano distinguere quattro porzioni: il colon ascendente (situato nell’addome lungo il fianco destro), il [...]
  • Congènito
  • Si dice di ciò che è presente in un organo fin dalla nascita (condizione, [...]
  • Cisti mascellari
  • Strutture cavitarie, tondeggianti, epitelizzate, a contenuto liquido, annidate nelle ossa mascellari, che originano da formazioni tessutali diverse. Hanno crescita continua ed espansiva, con progressiva deformazione e distruzione del tessuto osseo. Si suddividono in odontogene, disontogenetiche e pseudocisti. Dopo una [...]
  • Chemioprevenzione
  • Profilassi farmacologica effettuata allo scopo di prevenire la comparsa di una malattia. In campo oncologico è in corso di studio il grado di protezione antitumorale offerto dalla somministrazione di sostanze come i caroteni (e [...]
  • Crema
  • Preparazione per uso esterno, farmacologica o cosmetica, costituita da un eccipiente emulsionato, nel quale il farmaco [...]
  • Complicanza
  • Sinonimo di [...]
  • Catalasi
  • Enzimi che catalizzano la demolizione dell’acqua ossigenata in acqua e ossigeno; sono metalloproteine, il cui gruppo prostetico (cioè la parte non proteica) è rappresentato dal ferro. Tali enzimi hanno la capacità di proteggere [...]
  • Cardiomiopatìa
  • Termine generico con cui si indica una malattia del muscolo cardiaco, generalmente dovuta a processi degenerativi. La cardiomiopatìa dilatativa è caratterizzata da una dilatazione del ventricolo con perdita della funzione contrattile della muscolatura. Il danno può essere determinato da svariati fattori (farmaci, alcol, malattie neuromuscolari, difetti del metabolismo), ma il più delle volte la causa resta sconosciuta (si ipotizzano fenomeni autoimmunitari). La caratteristica clinica principale è data dalla cardiomegalia con assottigliamento e riduzione di motilità delle pareti ventricolari: col tempo si va progressivamente instaurando il quadro dello scompenso, complicato, nelle fasi più avanzate, da altri sintomi (aritmie iper- e ipocinetiche, angina pectoris, embolie). La prognosi è in genere grave, con limitate risorse terapeutiche: in casi selezionati si può ricorrere al trapianto cardiaco. La cardiomiopatìa ipertrofica è una forma nella quale [...]
Seguici
facebook twitter google+ rss
Ricerca termini medici
Seguici su facebook
Questi termini medici li conosci?
Altri dizionari medici
do you network?