DDT. Significato del termine medico 'DDT' presente nel dizionario medico online gratuito.   
Dizionario medico online

Significato termine medico DDT

(diclorodifeniltricloroetano), insetticida che agisce sia per contatto sia per ingestione, provocando paralisi e morte dell’insetto entro poche ore. Il DDT fu per molto tempo impiegato efficacemente nella lotta agli insetti vettori della malaria. Grazie a questo prodotto, e ad azioni di bonifica delle zone paludose, la malattia è stata infatti eradicata in vaste aree del mondo. Tuttavia il DDT, pur se consentito in ambito terapeutico per la cura delle malattie trasmesse dai pidocchi, è oggi vietato in Italia per uso domestico e agricolo, perché le sue caratteristiche chimiche lo rendono persistente nell’ambiente, e quindi in grado di accumularsi nei tessuti adiposi degli animali, producendo danni all’intero ecosistema e alla catena alimentare.(diclorodifeniltricloroetano), insetticida che agisce sia per contatto sia per ingestione, provocando paralisi e morte dell’insetto entro poche ore. Il DDT fu per molto tempo impiegato efficacemente



nella lotta agli insetti vettori della malaria. Grazie a questo prodotto, e ad azioni di bonifica delle zone paludose, la malattia è stata infatti eradicata in vaste aree del mondo. Tuttavia il DDT, pur se consentito in ambito terapeutico per la cura delle malattie trasmesse dai pidocchi, è oggi vietato in Italia per uso domestico e agricolo, perché le sue caratteristiche chimiche lo rendono persistente nell’ambiente, e quindi in grado di accumularsi nei tessuti adiposi degli animali, producendo danni all’intero ecosistema e alla catena alimentare.

Commenti

Altri termini medici nel dizionario medico che iniziano con la 'D'

  • Diltiazem
  • Farmaco calcioantagonista usato per via orale ed endovenosa. Indicato in caso di angina, ipertensione, tachicardia sopraventricolare, infarto. Può determinare cefalea, [...]
  • Degenerazione maculare
  • Patologia a carico della parte più sensibile della retina, dovuta a [...]
  • Dolcificanti
  • (o edulcoranti), sostanze che danno ai cibi un sapore dolce. Oltre ai dolcificanti naturali, fra i quali il più usato è lo zucchero comune (saccarosio), sono diffusi dolcificanti sintetici, con un potere dolcificante molto superiore a quello delle sostanze naturali. Lo zucchero comune ha raggiunto livelli di diffusione elevatissimi, non giustificati dal suo valore alimentare, che anzi ne consiglierebbe una drastica riduzione. Viene estratto dalla canna da zucchero o dalla barbabietola da zucchero e impiegato nella preparazione di molti cibi: occorre limitarne il consumo, dato che contribuisce allo sviluppo dell’obesità, della carie, del diabete, dell’aterosclerosi. Bisogna sottolineare che non è dannoso lo zucchero in sé, ma piuttosto un suo uso continuo e smodato, tenendo presente che ingeriamo non solo quello aggiunto a bevande come il latte o il caffè, ma anche quello contenuto nei vari dolci (zuccheri nascosti). È un alimento energetico (4 cal per 1g, come tutti i glucidi) privo di altre funzioni. Tra gli altri dolcificanti naturali vi sono il sorbitolo e il [...]
  • Deidrocorticosterone
  • Ormone corticosteroide prodotto in modesta quantità dalle cellule della corteccia [...]
  • Dermatofìzie
  • Sinonimo di [...]
  • Diabete bronzino
  • Denominazione corrente dell’emocromatosi, per la caratteristica triade sintomatologica costituita da [...]
  • Diàfisi
  • Parte delle ossa lunghe, compresa tra le due estremità articolari, o epifisi, dalle quali è separata, nel periodo dello sviluppo dell’osso, da un disco cartilagineo. [...]
  • Dosimetrìa
  • Definizione delle grandezze e dei mezzi atti a valutare quantitativamente l’intensità di una radiazione; a confrontare l’energia ceduta alla materia, e in particolare ai tessuti biologici, da radiazioni di diverso tipo e di diversa energia (vedi dose di radiazioni); a misurare, infine, l’attività [...]
  • Dacriocistite
  • Infiammazione del sacco lacrimale, conseguente a processo infiammatorio del meato nasale medio o a impervietà delle vie lacrimali, con ristagno delle secrezioni e loro infezione. La forma acuta inizia con lacrimazione copiosa e iperemia della congiuntiva, cui fanno seguito iperestesia della zona del sacco lacrimale e fuoriuscita di liquido mucopurulento dai puntini lacrimali. Nella forma cronica [...]
  • Degenerazioni tapeto-retìniche
  • Malattie degenerative ereditarie della coroide e della retina, che comportano alterazioni del [...]
Seguici
facebook twitter google+ rss
Ricerca termini medici
Seguici su facebook
Questi termini medici li conosci?
Altri dizionari medici
do you network?