Discromatopsìa. Significato del termine medico 'Discromatopsìa' presente nel dizionario medico online gratuito.   
Dizionario medico online

Significato termine medico Discromatopsìa

Anomalia nella percezione dei colori causata da lesioni a livello della macula o del fascio papillo-maculare, che impediscono di riconoscere i singoli colori (in particolare verde e rosso). Tipica discromatopsìa è il daltonismo.e rosso). Tipica discromatopsìa è il daltonismo.

Commenti

Altri termini medici nel dizionario medico che iniziano con la 'D'

  • Difterite
  • Malattia infettiva causata dal batterio Corynebacterium diphtheriae. Il batterio penetra per via aerea e si localizza in faringe o in laringe dove causa una reazione infiammatoria, fibrinoso-necrotica, con caratteristiche pseudomembrane; confinato alle pseudomembrane, il batterio produce una tossina, che va in circolo con azione dannosa sul sistema nervoso, sul cuore, sul surrene e sugli altri organi. A seconda della localizzazione delle pseudomembrane si possono avere forme diverse di difterite: angina difterica, con membrane in sede faringea; laringite difterica, più rara, in cui le membrane sono localizzate sulle corde vocali e possono portare a ostruzione laringea con soffocamento. Nei lattanti [...]
  • Dacriolitìasi
  • Formazione di calcoli nel sacco o nelle vie lacrimali; i calcoli sono concrezioni stratificate, [...]
  • Deprivazione sensoriale
  • Condizione in cui un individuo è privato degli stimoli che normalmente giungono agli organi di senso. Tale fenomeno, per certi aspetti simile a quello del sonno, può essere provocato sperimentalmente in vario modo, ostacolando o annullando la percezione dei normali stimoli. Gli effetti, tanto più gravi quanto più si protrae il periodo di deprivazione sensoriale, consistono più frequentemente in fenomeni psicosensoriali abnormi con diverso livello di strutturazione e organizzazione: da immagini elementari come lampi di luce, [...]
  • Dentiera
  • Termine corrente per designare la protesi dentaria completa di [...]
  • Diaforètici
  • Farmaci che aumentano la sudorazione. Hanno tale proprietà le sostanze antipiretiche ad azione centrale, in particolare l’acido acetilsalicilico e gli [...]
  • Digestione
  • Indice:Il processo digestivo.La digestione nella bocca e nello stomaco.La digestione intestinale.l’insieme delle trasformazioni fisico-chimiche che gli alimenti subiscono nell’apparato digerente e attraverso le quali avviene l’assimilazione delle sostanze destinate alla nutrizione dell’organismo.Il processo digestivo. Gli alimenti sono costituiti, in genere, da molecole troppo grandi e complesse per poter essere direttamente assorbite dall’intestino senza alcuna trasformazione. I processi digestivi provvedono quindi, dopo l’assunzione dei cibi, alla loro fluidificazione e trasformazione in sostanze chimicamente più semplici e alla scissione ulteriore di queste fino a renderne possibile l’assimilazione. Al termine di questi processi fisiologici le scorie non assimilate o non assimilabili, che sono rimaste nell’intestino, vengono da questo espulse con le feci. I processi digestivi avvengono nei vari tratti dell’apparato digerente per azione meccanica (masticazione, contrazioni muscolari, movimenti peristaltici ecc.), chimica (attività di enzimi e altre sostanze prodotte da formazioni ghiandolari), microbica (azione della flora batterica intestinale).La digestione nella bocca e nello stomaco.La digestione inizia nella bocca con la masticazione e l’insalivazione del cibo, che viene ridotto dall’azione triturante dei denti in poltiglia (bolo), umidificato dalla saliva, reso viscoso dalla mucina in questa contenuta, rimescolato infine dai movimenti della lingua. Nella bocca il cibo subisce anche le prime trasformazioni. Il bolo viene quindi inviato nello stomaco per mezzo di movimenti coordinati della lingua, della faringe e dell’esofago (deglutizione). Nello stomaco il bolo alimentare rimane per un certo tempo (da due a quattro o più ore, secondo la composizione dei cibi ingeriti), durante il quale viene mescolato per effetto dei movimenti gastrici (contrazioni muscolari e peristalsi) e subisce importanti trasformazioni chimiche a opera del succo gastrico. Questo secreto, prodotto dalle ghiandole gastriche, mentre diluisce il bolo alimentare, lo acidifica a opera dell’acido cloridrico e scinde le sostanze proteiche in composti più semplici. Il bolo alimentare, trasformato in chimo in seguito a tali processi fisiologici, viene quindi avviato all’intestino. Lo svuotamento gastrico, cioè il passaggio del chimo nel duodeno, è un processo piuttosto lento: la parte caudale dello stomaco è percorsa da onde di contrazione ritmiche che, una volta raggiunto il piloro, lo fanno aprire; in tal modo una piccola quantità di contenuto gastrico passa nell’intestino. Con una quantità media di chimo di 700 ml presente nello stomaco, ogni contrazione ne fa passare circa 7 ml nel duodeno: poiché si hanno in media tre contrazioni al minuto, la velocità di svuotamento è dell’ordine di 20 ml al minuto. Questo valore è tuttavia molto approssimativo, poiché numerosi fattori possono influenzare la velocità dello svuotamento gastrico. Esso è rallentato se il contenuto dello stomaco è in grossi pezzi o molto ricco di grassi e di proteine, e se il pH è al disopra del valore di 3,5. Durante lo svuotamento i movimenti del duoneno sono [...]
  • Defervescenza
  • Condizione in cui la febbre viene meno [...]
  • Dupuytren, malattìa di
  • Affezione della mano, che consiste nella flessione permanente e progressiva di uno o più dita. Generalmente inizia dal 4° dito e si estende al 5° e al 3°. È dovuta alla retrazione e all’indurimento dell’aponeurosi palmare superficiale, cioè della lamina di tessuto fibroso che occupa il palmo della mano al disotto della cute. La malattia è più frequente in soggetti di sesso maschile, in età compresa fra i 40 e i 60 anni. La causa non è [...]
  • Disco intervertebrale
  • Struttura fibrocartilaginea a forma di disco interposta tra i corpi vertebrali di due vertebre contigue. È formato da un anello fibroso (anulus fibrosus) periferico, consistente ed elastico, e da un nucleo polposo centrale, costituito da una massa gelatinosa sferoidale. La funzione di [...]
  • Decùbito
  • Posizione assunta dal corpo umano nel letto. Il decùbito si dice indifferente quando la posizione è assunta volontariamente, obbligato quando la posizione è imposta da malattia. Il decùbito obbligato può essere: supino (nelle malattie febbrili), seduto o ortopnoico (in casi di difficoltà respiratoria e circolatoria), prono (in caso di colica [...]
Seguici
facebook twitter google+ rss
Ricerca termini medici
Seguici su facebook
Questi termini medici li conosci?
Altri dizionari medici
do you network?