Dubin-Johnson, sìndrome di. Significato del termine medico 'Dubin-Johnson, sìndrome di' presente nel dizionario medico online gratuito.   
Dizionario medico online

Significato termine medico Dubin-Johnson, sìndrome di

Patologia che rientra nelle iperbilirubinemie di tipo coniugato. È ereditaria, benigna, causata da un difetto sconosciuto nella secrezione biliare della bilirubina coniugata. Presenta ittero con bilirubinemia coniugata compresa fra 5 e 15 mg per 100 ml. È asintomatica o accompagnata da vaghi sintomi gastrointestinali: talora il fegato è ingrossato con lieve dolenzia. Il fegato presenta deposizione di un pigmento scuro. I contraccettivi orali possono rendere evidente la malattia fino ad allora non riconosciuta. La prognosi è benigna.Patologia che rientra nelle iperbilirubinemie di tipo coniugato. È ereditaria, benigna, causata da un difetto sconosciuto nella secrezione biliare della bilirubina coniugata. Presenta ittero con bilirubinemia



coniugata compresa fra 5 e 15 mg per 100 ml. È asintomatica o accompagnata da vaghi sintomi gastrointestinali: talora il fegato è ingrossato con lieve dolenzia. Il fegato presenta deposizione di un pigmento scuro. I contraccettivi orali possono rendere evidente la malattia fino ad allora non riconosciuta. La prognosi è benigna.

Commenti

Altri termini medici nel dizionario medico che iniziano con la 'D'

  • DHEA
  • Sigla di [...]
  • Derma
  • Strato intermedio della cute. Fondamentalmente costituito da tessuto connettivo ricco di fibre elastiche e muscolari lisce, di vasi e nervi, è separato dalla sovrastante epidermide dalla membrana basale. Dal derma si evidenziano [...]
  • Diverticolosi
  • Condizione in cui sono presenti molti diverticoli in uno o più segmenti degli apparati digerente o urinario. Il tratto più frequentemente interessato è il colon sigmoideo (spesso in relazione a un colon irritabile come fattore predisponente), ma possono risultare affetti anche esofago, duodeno, digiuno e ileo. [...]
  • Diagnosi precoce
  • Intervento di prevenzione secondaria in oncologia, che consiste nell’individuare il tumore in fase iniziale di crescita, [...]
  • Dracunculosi
  • (o malattia di Medina), malattia tropicale parassitaria causata dal verme Dracunculus medinensis presente in Africa, Medio Oriente, America Meridionale, Caraibi. Ci si infetta bevendo acqua contaminata da piccoli crostacei che hanno ingerito le larve del verme. Queste nell’intestino umano si attivano, superano la parete e si diffondono a diversi organi dove raggiungono la stadio di vermi adulti, che si fecondano. In seguito il maschio muore e la femmina gravida va a localizzarsi nel tessuto sottocutaneo, specialmente quello degli arti inferiori. La vescicola che qui si forma può ulcerarsi a contatto con l’acqua [...]
  • Dolore, terapìa del
  • Indice:La terapia del dolore cronicoLa terapia farmacologicaAltre forme di terapia(o terapia antalgica), insieme di terapie, farmacologiche, chirurgiche, o basate su particolari metodi (psicoterapia, ipnosi, elettrostimolazione ecc.), volte ad alleviare le manifestazioni dolorose di maggior intensità e rilevanza clinica. In caso di dolore acuto la terapia antalgica è tale da interferire con le normali funzioni fisiologiche o da esporre il paziente a pericolose complicazioni, come nel caso dei soggetti sottoposti a recente intervento chirugico o in pazienti vittime di traumi toraco-addominali, nei quali la funzione respiratoria è seriamente compromessa dalla reazione antidolorifica.La terapia del dolore cronicoIl trattamento del dolore cronico si pone in atto soprattutto nei pazienti affetti da tumori maligni giunti a uno stadio particolarmente avanzato. In queste condizioni, il dolore continuo e intrattabile perde ogni significato finalistico di segnale d’allarme per l’organismo, per tramutarsi in una situazione estremamente penosa, sovente intollerabile da parte del soggetto. Se si considera che le moderne terapie oncologiche hanno permesso di allungare la sopravvivenza dei malati di tumore, si comprende facilmente come il problema di un efficace controllo delle manifestazioni dolorose assuma un’importanza molto grande, sia sotto il profilo qualitativo (per assicurare a questi pazienti condizioni di vita più accettabili), sia sotto quello quantitativo, dato che il numero dei soggetti che arrivano a trovarsi in queste condizioni è in costante aumento.La terapia farmacologicaLa terapia farmacologica rappresenta il cardine del trattamento antalgico; in generale, lo schema di terapia prevede una sequenza d’intervento articolata in ordine di crescente attività analgesica. Nella prima fase si impiegano farmaci antidolorifici non [...]
  • Dermoprotettivi
  • Cosmetici contenenti sostanze con azione protettiva della pelle, usati per prevenire alterazioni [...]
  • Diete dimagranti
  • Indice:Tipi di diete dimagranti e rischidenominazione generica dei regimi alimentari idonei a eliminare il sovrappeso. Lo scopo è raggiunto riducendo, per un determinato periodo di tempo, la quantità di energia introdotta con gli alimenti in modo che risulti inferiore a quella spesa per l’attività fisica, che dovrà essere contemporaneamente incrementata. Il regime dietetico deve essere quindi impostato correttamente, con l’aiuto di un medico, al fine di valutare il peso “ideale” della persona in rapporto alla sua struttura corporea, alla sua attività lavorativa e all’eventuale presenza di patologie. Il regime alimentare, a basso contenuto calorico, dovrà prevedere allora l’assunzione di tutte le categorie di alimenti eliminando le cosiddette fonti di calorie pure (dolci, cioccolato, alcol ecc.). Il caposaldo di una dieta dimagrante resta quindi una bilanciata e prolungata riduzione degli apporti alimentari. Per evitare gli effetti deleteri degli accessi di fame è utile frazionare il quantitativo giornaliero di alimenti in diversi piccoli spuntini.Tipi di diete dimagranti e rischiA parte la dieta ipocalorica qui descritta, altri metodi per dimagrire sono sconsigliabili perché pericolosi, anche se non immediatamente nel tempo, perché spesso finiscono paradossalmente per ottenere effetti contrari a ciò che si prefiggono. Il digiuno, per esempio, finisce per produrre un accumulo di lipidi nel fegato, che, privo di [...]
  • Duchenne, morbo di
  • Vedi distrofie [...]
  • Doglia
  • Dolori intensi in sede pelvica dovuti alle [...]
Seguici
facebook twitter google+ rss
Ricerca termini medici
Seguici su facebook
Questi termini medici li conosci?
Altri dizionari medici
do you network?