Fecaloma. Significato del termine medico 'Fecaloma' presente nel dizionario medico online gratuito.   
Dizionario medico online

Significato termine medico Fecaloma

Ammasso di feci indurite che si forma nel retto e nel colon sigmoideo, specie in persone anziane o costrette a letto, in presenza di stitichezza ostinata o di episodi subocclusivi ripetuti. Il fecaloma può creare gravi problemi alla canalizzazione intestinale e deve essere eliminato mediante la frantumazione e l’estrazione manuale attraverso l’ano.Ammasso di feci indurite che si forma nel retto e nel colon sigmoideo, specie in persone anziane o costrette a letto, in presenza di stitichezza ostinata



o di episodi subocclusivi ripetuti. Il fecaloma può creare gravi problemi alla canalizzazione intestinale e deve essere eliminato mediante la frantumazione e l’estrazione manuale attraverso l’ano.

Commenti

Altri termini medici nel dizionario medico che iniziano con la 'F'

  • Filmògeno
  • Preparato farmaceutico o cosmetico che dopo l’applicazione genera una pellicola superficiale, generalmente con [...]
  • Farmacocinètica
  • Branca della farmacologia che studia il comportamento dei farmaci introdotti nell’organismo: la biodisponibilità, l’assorbimento, la distribuzione negli organi, nei tessuti e nelle cellule, le trasformazioni metaboliche cui vanno incontro, le vie e le modalità di eliminazione. Questi studi forniscono [...]
  • Fluoroangiografìa retìnica
  • Sinonimo di fluorografia [...]
  • Fimosi
  • Stenosi congenita dell'orifizio prepuziale, per cui viene impedito lo scorrimento del prepuzio sul glande e la scopertura completa di questo durante l'erezione. A questa anomalia facilmente si associa un frenulo corto; ma soprattutto può concorrere ad aggravarla una stenosi del meato uretrale. Solitamente l'orifizio prepuziale non è tanto ristretto da costituire un impedimento alla minzione ma, quando la stenosi è molto pronunciata, allora si manifestano anche i disturbi urinari: a ogni minzione, l'urina distende il prepuzio in forma di tasca prima di venire emessa. Il ristagno di smegma [...]
  • Febbre reumàtica
  • Sinonimo di reumatica, [...]
  • Filtrato glomerulare
  • Sinonimo di [...]
  • Fluoroprofilassi
  • Somministrazione di fluoro nella prevenzione della carie. L’attività carioprofilattica è esercitata dal fluoro grazie a un duplice meccanismo d’azione: da un lato, per il suo effetto sulla solubilità dei cristalli dello smalto dentario (la fluoroapatite che si forma è decisamente meno solubile dell’apatite stessa); dall’altro, per l’effetto antienzimatico (con inibizione della glicolisi batterica) e, quindi, antifermentativo. Il fluoro svolge la massima attività anticarie solo se assunto durante il periodo di formazione dello smalto; più tardi, la sua efficacia si riduce di circa un terzo. Ciò significa che il suo ruolo principale viene giocato nella strutturazione del dente [...]
  • Fégato
  • Indice:Struttura anatomicaFunzioni del fegatogrossa ghiandola, annessa all’apparato gastroenterico, che si trova nella parte superiore destra della cavità addominale: ha forma grossolanamente ovoidale, colore rosso brunastro e consistenza molle.Struttura anatomicaIl fégato è a contatto con il diaframma mediante la sua faccia superiore, con l’intestino e il rene destro mediante quella inferiore, e con la parete posteriore dell’addome e il rachide mediante la faccia posteriore. Sulla sua superficie si rivelano incisure e impronte dovute all’intimo contatto con altre formazioni anatomiche. Sulla faccia inferiore sono impressi solchi profondi dovuti alle impronte corrispondenti alla cistifellea, alla vena ombelicale e al canale venoso; sulla stessa faccia inferiore si trova l’ilo o porta del fegato, attraverso il quale passano vasi, nervi e canali epatici. La faccia superiore è divisa in due parti dalla linea d’inserzione del legamento falciforme; la faccia posteriore infine è attraversata da una doccia, corrispondente alla vena cava inferiore (vena porta) e segnata da un’incavatura dovuta all’esofago. Per la presenza dei vari solchi, il fégato è distinto in quattro lobi: il destro, il sinistro, il quadrato, il caudato. Lo tengono a posto i visceri sottostanti, la vena cava inferiore a esso intimamente legata, ma anche il centro tendineo del diaframma, il peritoneo parietale e altre lamine sierose peritoneali, quali i legamenti epatici destro e sinistro, falciforme, rotondo e epatoduodenale. Esternamente è avvolto da due membrane, o tuniche: una sierosa, dipendente dal peritoneo, più superficiale, e una fibrosa (o capsula di Glisson), che lo riveste senza interruzioni, continuandosi con il connettivo interlobulare e avvolgendone i vasi e i condotti biliferi. La struttura interna è lobulare; il parenchima è infatti costituito da un gran numero di unità elementari, i lobuli, tutte uguali e dotate di autonoma funzione, a forma di piramidi poligonali tronche, alte 2 mm e larghe 1. Negli spazi interlobulari, detti anche portali, decorrono le ultime ramificazioni della vena porta, attraverso le quali giunge al lobulo il sangue proveniente dall’intestino, carico di sostanze assorbite nel corso della digestione. Nell’asse del lobulo scorre invece la vena centrolobulare, che rappresenta l’origine del cosiddetto circolo del fégato o circolo portale, cioè delle vene sovraepatiche tributarie della vena cava inferiore. Tra la vena centrolobulare e la periferia del lobulo le cellule epatiche sono ordinate in colonne disposte radialmente, che lasciano tra di loro degli spazi (sinusoidi) attraverso i quali il sangue proveniente dalle vene interlobulari raggiunge la vena centrolobulare. [...]
  • Focus
  • Centro primario e più importante di un processo patologico. Si parla di foci infiammatori per esempio nel caso delle tonsille o di granulomi apicali dentari che fungano da zona di permanenza di processi infiammatori cronici e latenti, dalla quale sono [...]
  • Facciali, nervi
  • I due nervi che costituiscono il VII paio di nervi cranici. Ogni nervo facciale è formato da due rami: uno motorio, il nervo facciale propriamente detto, il cui nucleo si trova nel ponte di Varolio e che innerva i muscoli mimici, il muscolo stapedio, parte dei muscoli del palato, della [...]
Seguici
facebook twitter google+ rss
Ricerca termini medici
Seguici su facebook
Questi termini medici li conosci?
Altri dizionari medici
do you network?