Fermenti làttici. Significato del termine medico 'Fermenti làttici' presente nel dizionario medico online gratuito.   
Dizionario medico online

Significato termine medico Fermenti làttici

Batteri che trasformano gli zuccheri in acido lattico; limitano l’azione dei batteri putrefattivi; idrolizzano il lattosio; contribuiscono ai movimenti peristaltici intestinali. I principali lattobacilli, acidophilus, bifidus, bulgaricus, in natura si trovano nel latte inacidito e nello yogurt; si usano nelle patologie intestinali (come diarree, putrefazioni, autointossicazioni), per stimolare la risposta immunitaria e in associazione alle cure con antibiotici che - in taluni casi - danneggiano la flora batterica intestinale fisiologica.Batteri che trasformano gli zuccheri in acido lattico; limitano l’azione dei batteri putrefattivi; idrolizzano il lattosio; contribuiscono ai movimenti peristaltici intestinali. I principali lattobacilli, acidophilus, bifidus,



bulgaricus, in natura si trovano nel latte inacidito e nello yogurt; si usano nelle patologie intestinali (come diarree, putrefazioni, autointossicazioni), per stimolare la risposta immunitaria e in associazione alle cure con antibiotici che - in taluni casi - danneggiano la flora batterica intestinale fisiologica.

Commenti

Altri termini medici nel dizionario medico che iniziano con la 'F'

  • Fonendoscòpio
  • Stetoscopio a doppio auricolare, munito di cassa di risonanza, usato per l’ascoltazione, dall'esterno del corpo, dei rumori - [...]
  • Flebotomìa
  • Incisione chirurgica di una vena per l’evacuazione a scopo terapeutico di una certa quantità [...]
  • Febbre
  • (o piressia, o ipertermia), innalzamento della temperatura corporea al disopra dei livelli normali (bassa da 37 °C a 38 °C, alta da 38 °C fino a 39 °C, altissima oltre i 39 °C), che rappresenta una reazione sintomatica di difesa dell’organismo. È dovuta all’alterazione dei meccanismi di regolazione termica dei centri ipotalamici e, in particolare, alla dissociazione tra la produzione del calore e la sua dispersione. Come ciò avvenga nelle malattie infettive non è del tutto chiaro: si ipotizza che nel corso della malattia vengano prodotte sostanze pirogene, che finiscono per determinare quella alterazione dei centri regolatori della temperatura sopra citati. Particolamente sensibili agli effetti dell’alterazione febbrile sono i bambini piccoli, che è [...]
  • Fluorografia digitale
  • Tecnica diagnostica utilizzata per la valutazione della circolazione retinica, mediante l’esecuzione di una serie di fotogrammi del fondo dell’occhio, dopo somministrazione di un colorante fluorescente (fluorescina) in una vena periferica (solitamente a livello [...]
  • Finestra ovale
  • (o vestibolare), struttura anatomica che mette in comunicazione l’orecchio medio con [...]
  • Fitofàrmaci
  • (o pesticidi), sostanze impiegate per eliminare o prevenire effetti dannosi, nell’agricoltura e nell’attività umana, derivanti da animali, microrganismi e vegetali. I fitofàrmaci possono essere suddivisi, a seconda della loro funzione, in fungicidi (o anticrittogamici), battericidi, erbicidi, nematocidi, molluschicidi, insetticidi, rodenticidi (contro i roditori). La quantità di fitofàrmaci, così come il loro numero, è andata crescendo esponenzialmente in questi ultimi anni, in conseguenza della sempre più elevata domanda alimentare, proveniente dai paesi più industrializzati ma soprattutto da quelli più poveri. L’utilizzazione dei fitofàrmaci ha infatti consentito un considerevole aumento della produzione agricola insieme con una maggiore conservabilità dei prodotti stessi. Alla luce delle attuali conoscenze scientifiche, l’uso dei fitofàrmaci presenta, tuttavia, un numero di controindicazioni che lo rendono assai discusso. Oggi si sa che molti fitofàrmaci non sono più efficaci come un tempo: il loro ampio impiego ha infatti [...]
  • Fibrinògeno
  • Proteina (globulina) circolante sintetizzata dal fegato, la cui attività è indispensabile per la coagulazione del sangue. La sua concentrazione ematica è di 200-400 mg per 100 ml; quando la concentrazione è inferiore al 35% di quella normale si parla di ipofibrinogenemia. Il fibrinògeno è costituito da due subunità identiche, ciascuna formata da tre catene polipeptidiche, e rappresenta il substrato d’azione della trombina, un enzima proteolitico che, previo distacco di due frammenti (i fibrinopeptidi A e B), forma i cosiddetti monomeri di fibrina; questi dapprima si uniscono fra loro con legami labili e, dopo l’intervento del fattore di coagulazione [...]
  • Francisella tularensis
  • (o Pasteurella tularensis), bacillo gram-negativo, asporigeno, [...]
  • Fenilprenazone
  • Farmaco appartenente al gruppo dei FANS; derivato dal fenilbutazone, presenta [...]
  • Frattura
  • Lesione ossea che consiste in una soluzione di continuo, completa o incompleta, con o senza spostamento dei frammenti che ne residuano. Segue più comunemente a traumi, ma sono possibili anche fratture spontanee, da fragilità ossea, come in corso di osteoporosi e in alcune forme neoplastiche. In caso di frattura va immediatamente valutata la [...]
Seguici
facebook twitter google+ rss
Ricerca termini medici
Seguici su facebook
Questi termini medici li conosci?
Altri dizionari medici
do you network?