Gastroduodenite. Significato del termine medico 'Gastroduodenite' presente nel dizionario medico online gratuito.   
Dizionario medico online

Significato termine medico Gastroduodenite

Processo infiammatorio, che tende all’erosione e all’ulcerazione della mucosa, interessante lo stomaco (più spesso antro del piloro) e il duodeno (bulbo e prima porzione). È un disturbo comunemente causato da eccessiva produzione di acido cloridrico e pepsina da parte dello stomaco, con sintomi simili all’ulcera peptica (bruciori e dolori epigastrici specie a stomaco vuoto, dispepsia, eruttazioni). La diagnosi si effettua per via endoscopica; la terapia non è diversa da quella in uso per l’ulcera peptica. Nelle forme che non rispondono alle cure, bisogna sospettare la presenza di una sindrome di Zollinger-Ellison.Processo infiammatorio, che tende all’erosione e all’ulcerazione della mucosa, interessante lo stomaco (più spesso antro del piloro) e il duodeno (bulbo e prima porzione). È un



disturbo comunemente causato da eccessiva produzione di acido cloridrico e pepsina da parte dello stomaco, con sintomi simili all’ulcera peptica (bruciori e dolori epigastrici specie a stomaco vuoto, dispepsia, eruttazioni). La diagnosi si effettua per via endoscopica; la terapia non è diversa da quella in uso per l’ulcera peptica. Nelle forme che non rispondono alle cure, bisogna sospettare la presenza di una sindrome di Zollinger-Ellison.

Commenti

Altri termini medici nel dizionario medico che iniziano con la 'G'

  • Gola
  • Cavità interna del collo costituita dal retrobocca e dalle porzioni iniziali delle [...]
  • Gerontologia
  • Branca della medicina che studia la [...]
  • Grande male
  • Crisi epilettica classica, con sintomi forti e generalizzati, che può presentarsi improvvisamente o essere l’epilogo di una crisi parziale (epilessia generalizzata secondaria); può anche essere preceduta da segni psichici vaghi (per esempio, irritabilità). La crisi di grande male comprende una fase tonica e una fase clonica. Il soggetto, dopo un grido rauco, cade a terra privo di coscienza; durante la fase tonica il capo è esteso e ruotato, la lingua è serrata tra i denti (morsus), il respiro è bloccato e il viso cianotico, le pupille non reagiscono alla luce, gli arti sono estesi; nella fase clonica si hanno bava sanguinolenta alla bocca, spesso perdita di urine, respiro rumoroso che diventa russante. La fase che [...]
  • Graffio di gatto, malattìa da
  • Infezione batterica acquisita per contatto con animali domestici, che abitualmente si manifesta con una lesione cutanea fugace e con un'adenite a tendenza colliquativa. Nella maggioranza dei casi, l'anamnesi rivela il precedente del graffio di un gatto o del contatto con questo animale. L'agente eziologico è un piccolo bacillo gram-negativo, verosimilmente del genere Chlamydia. Una-due settimane dopo il graffio, compare una papulo-pustola, oppure un nodulo, in genere localizzati alla mano o a un avambraccio, che persistono per circa un mese: questa lesione, che assomiglia a un foruncolo duro, è tipicamente accompagnata da una stria linfangitica. Spesso si associano disturbi generali: [...]
  • Galattogoghi
  • Farmaci capaci di stimolare [...]
  • Garza
  • Tessuto rado di cotone bianco e dotato di un notevole potere assorbente (idrofilo), usato quale materiale di medicazione. Deve corrispondere alle caratteristiche descritte dalla farmacopea, relative al numero di fili per [...]
  • Ginepro
  • (Iuniperus communis, famiglia Cupressacee), arbusto sempreverde di cui si usano in terapia i falsi frutti, comunemente detti coccole, e impropriamente bacche. I principali costituenti sono alcune sostanze amare e un olio essenziale, con azione balsamica, diuretica, antisettica e anticatarrale. È pure un ottimo ipoglicemizzante, ipolipidemizzante e antiartritico. Si usano correntemente l’infuso o [...]
  • Gozzo
  • Aumenti di volume e di peso della tiroide che sono da mettere in rapporto con ipertrofie, iperplasie e neoplasie del tessuto ghiandolare. Anche, si impiega comunemente il termine 'struma' per indicare ingrossamenti tiroidei di varia natura, comprese le forme di accrescimento maligno. Il processo di iperplasia o di ipertrofia può essere totale o parziale ed - a seconda che i limiti siano indistinti o ben demarcati - si parla di struma diffuso oppure di struma circoscritto o nodulare; se il processo, invece, è diffuso a tutta la ghiandola ma in modo non uniforme, al punto da manifestarsi con nodi di variabile ampiezza, si parla di struma diffuso plurinodulare. Dal punto di vista anatomopatologico, parliamo di strumi parenchimatosi, colloidi, vascolari o cistici, a seconda dell'aspetto macro - e micro-scopico prevalente. La classificazione eziopatogenetica, distingue tre principali gruppi di strumi: ipertrofico-iperplastici, adenomi, carcinomi. Tra i primi, si ricordano: il gozzo endemico (esogeno, legato a particolari condizioni geografiche - per esempio alla carenza di iodio nelle acque - o ad [...]
  • Gellé, prova di
  • Vedi acumetria. [...]
  • Gliconeogenesi
  • Processo metabolico di trasformazione degli [...]
Seguici
facebook twitter google+ rss
Ricerca termini medici
Seguici su facebook
Questi termini medici li conosci?
Altri dizionari medici
do you network?