GICA. Significato del termine medico 'GICA' presente nel dizionario medico online gratuito.   
Dizionario medico online

Significato termine medico GICA

Detto anche antigene gastrointestinale CA 19.9; è un antigene tumore-associato, utilizzato in clinica come marker sierico (solitamente insieme al CEA) nella diagnosi e nel monitoraggio di pazienti affetti da carcinoma pancreatico, gastrico, del colon o delle vie biliari. Così come tutti gli altri marcatori tumorali, il GICA non riveste un significato diagnostico assoluto per la presenza di un determinato tipo di neoplasia: il suo migliore impiego è rappresentato dalla valutazione delle risposte alle terapie oncologiche e dalla ricerca precoce di recidive nel paziente trattato.Detto anche antigene gastrointestinale CA 19.9; è un antigene tumore-associato, utilizzato in clinica come marker sierico (solitamente insieme al CEA) nella diagnosi e nel monitoraggio di



pazienti affetti da carcinoma pancreatico, gastrico, del colon o delle vie biliari. Così come tutti gli altri marcatori tumorali, il GICA non riveste un significato diagnostico assoluto per la presenza di un determinato tipo di neoplasia: il suo migliore impiego è rappresentato dalla valutazione delle risposte alle terapie oncologiche e dalla ricerca precoce di recidive nel paziente trattato.

Commenti

Altri termini medici nel dizionario medico che iniziano con la 'G'

  • Glùtei
  • I tre più importanti muscoli che costituiscono la parte carnosa delle natiche, distinti in grande (il più superficiale dei tre), medio (situato sotto il precedente) e piccolo gluteo (il [...]
  • Giradito
  • Vedi patereccio. [...]
  • GPT
  • Vedi ALT; SGPT; [...]
  • Gaucher, malattìa di
  • Raro disordine del metabolismo, di carattere ereditario recessivo, che determina accumulo di cerebrosidi, nelle cellule del sistema reticolo-endoteliale, per deficit dell'enzima (la glucosilceramidasi) che è deputato alla loro scissione. Caratteristica istologica è la presenza delle cellule di Gaucher nella milza, nel midollo osseo, nel fegato e nei linfonodi. Si distinguono una forma acuta (viscerale e neurologica) e una [...]
  • Glicorrachìa
  • Presenza di glucosio nel liquido cefalorachidiano, in quantità normalmente oscillante tra 50 e 60 mg per 100 ml. Nelle meningiti, sia tubercolari sia batteriche, la glicorrachìa diminuisce, o per aumentato consumo o per aumentato trasferimento al sangue. Lo stesso si [...]
  • Granulocitopenìa
  • Carenza di granulociti nel sangue e nel midollo osseo. In pratica il termine granulocitopenìa è usato come sinonimo di neutropenia, dal momento che la carenza di granulociti basofili e eosinofili è rara e di scarsa importanza clinica. Le [...]
  • Gerontologia
  • Branca della medicina che studia la [...]
  • Granuloma eosinòfilo dell’osso
  • Proliferazione granulomatosa costituita da granulociti eosinofili e da cellule di Langerhans (cellule di derivazione midollare di comune riscontro nella cute e aventi una funzione immunitaria). È la forma di istiocitosi X a prognosi migliore, soprattutto se si presenta in forma localizzata. Le ossa più colpite sono, in ordine decrescente, la teca cranica, le ossa piatte dello scheletro assiale, le ossa lunghe prossimali degli arti, le vertebre e infine le piccole ossa. Può presentarsi in forma unifocale o multifocale. È di più frequente riscontro nella prima infanzia, ma può colpire anche l'adulto e i [...]
  • Glipizide
  • Farmaco antidiabetico orale. Appartiene alla [...]
  • Gravidanza extrauterina
  • O gravidanza ectopica: gravidanza in cui l’embrione si impianta al di fuori della normale sede uterina. L’incidenza è di 1 su 200 gravidanze circa e nel 98% dei casi l’impianto avviene a livello delle tube (gravidanza tubarica), il cui lume è tuttavia troppo ristretto per accogliere un sacco gestazionale in via di sviluppo: si ha così aborto o rottura tubarica. La gravidanza ovarica è un evento raro, che evolve di solito verso un aborto precoce, con emoperitoneo. Molto raramente una gravidanza extrauterina si impianta in un'area meno consueta della cavità uterina: si parla di gravidanza angolare, quando l'uovo fecondato si annida a livello dell'angolo utero-tubarico, e di gravidanza cervicale quando l'annidamento avviene a livello della mucosa del canale cervicale; entrambe si concludono con l'aborto, generalmente prima della 20a settimana. Infine, si può avere una gravidanza addominale, anch'essa destinata a non proseguire (possibile ascesso e peritonite, con successiva mummificazione o calcificazione del feto). Nel caso della gravidanza tubarica, sono presenti [...]
Seguici
facebook twitter google+ rss
Ricerca termini medici
Seguici su facebook
Questi termini medici li conosci?
Altri dizionari medici
do you network?