Glicoproteina. Significato del termine medico 'Glicoproteina' presente nel dizionario medico online gratuito.   
Dizionario medico online

Significato termine medico Glicoproteina

Proteina cui è unita una porzione costituita da carboidrati e loro derivati: alcune glicoproteine, per la loro costituzione, si avvicinano maggiormente ai glicidi (mucopolisaccaridi), altre, alle proteine (mucoproteine). La componente glicidica delle glicoproteine può essere costituita da monosaccaridi semplici o da catene più lunghe con inserzione di gruppi funzionali diversi. Le glicoproteine abbondano nei prodotti di secrezione delle ghiandole salivari e degli epiteli che rivestono la parete mucosa dello stomaco e dell’intestino.Proteina cui è unita una porzione costituita da carboidrati e loro derivati: alcune glicoproteine, per la loro costituzione, si avvicinano maggiormente ai glicidi (mucopolisaccaridi), altre, alle



proteine (mucoproteine). La componente glicidica delle glicoproteine può essere costituita da monosaccaridi semplici o da catene più lunghe con inserzione di gruppi funzionali diversi. Le glicoproteine abbondano nei prodotti di secrezione delle ghiandole salivari e degli epiteli che rivestono la parete mucosa dello stomaco e dell’intestino.

Commenti

Altri termini medici nel dizionario medico che iniziano con la 'G'

  • Gemfibrozil
  • Farmaco antilipidico, appartenente alla famiglia dei fibrati, che agisce sulle ipertrigliceridemie; meno efficace sembra la sua azione sulle ipercolesterolemie. Chimicamente simile al clofibrato, può determinare disturbi intestinali, [...]
  • Gerontoxon
  • Banda circolare, bianco-grigiastra e opaca, presso il limbo (periferia) corneale dell’occhio. È [...]
  • Gastropessìa
  • Intervento chirurgico destinato a riportare lo stomaco nella sua posizione fisiologica. La gastropessìa viene effettuata in caso di gastroptosi, o di ernia iatale con risalita parziale [...]
  • Glucuronazione
  • Reazione di coniugazione di sostanze chimiche con acido glucuronico, che avviene nel fegato: è la più importante reazione di disintossicazione dell’organismo. Farmaci e sostanze tossiche esogene o endogene (per esempio, bilirubina) vengono combinati con acido glucuronico per formare prodotti inattivi e più facilmente eliminabili dal rene (con [...]
  • Ginecomastìa
  • Ingrossamento delle mammelle negli individui di sesso maschile; può essere unilaterale o bilaterale. Può verificarsi durante la pubertà, come parte di un normale sviluppo. Rappresenta, solitamente, un effetto collaterale di alcuni farmaci come lo spironolattone, la cimetidina o gli steroidi anabolizzanti (usati per il body-building). Può essere associata a una patologia tiroidea, epatica o alla sindrome di Klinefelter e può [...]
  • Gentamicina
  • Farmaco antibiotico appartenente alla famiglia degli aminoglicosidi, attivo su bacilli gram-negativi e su alcuni gram-positivi. Ha indicazione elettiva per il trattamento di forme sostenute da Proteus, Piocianeo e [...]
  • Gonadotropine
  • Ormoni in grado di regolare l’attività delle gonadi, cioè dell’ovaio e del testicolo. [...]
  • Gàstriche, ghiàndole
  • Ghiandole situate nella parete mucosa dello stomaco; possono essere semplici o ramificate; molto numerose (circa 5 milioni, pari a 100-150 per mm2), vengono distinte in ghiàndole gàstriche propriamente dette, ghiandole cardiali e ghiandole piloriche (in base alla localizzazione). Le prime - distribuite soprattutto nella mucosa del fondo e del corpo [...]
  • Gotta
  • Malattia dismetabolica dovuta ad un aumento della produzione o alla diminuzione dell’escrezione di acido urico, con conseguente incremento del livello di uricemia nel sangue. Ciò favorisce il deposito di cristalli di acido urico nei tessuti periarticolari, con comparsa di tumefazioni infiammatorie molto dolorose. La terapia si avvale dell’uso di farmaci antinfiammatori. Depositi di acido [...]
  • Granuloma eosinòfilo dell’osso
  • Proliferazione granulomatosa costituita da granulociti eosinofili e da cellule di Langerhans (cellule di derivazione midollare di comune riscontro nella cute e aventi una funzione immunitaria). È la forma di istiocitosi X a prognosi migliore, soprattutto se si presenta in forma localizzata. Le ossa più colpite sono, in ordine decrescente, la teca cranica, le ossa piatte dello scheletro assiale, le ossa lunghe prossimali degli arti, le vertebre e infine le piccole ossa. Può presentarsi in forma unifocale o multifocale. È di più frequente riscontro nella prima infanzia, ma può colpire anche l'adulto e i [...]
Seguici
facebook twitter google+ rss
Ricerca termini medici
Seguici su facebook
Questi termini medici li conosci?
Altri dizionari medici
do you network?