Idrossiprogesterone, 17 -. Significato del termine medico 'Idrossiprogesterone, 17 -' presente nel dizionario medico online gratuito.   
Dizionario medico online

Significato termine medico Idrossiprogesterone, 17 -

Ormone precursore del cortisolo. Viene prodotto dal surrene in entrambi i sessi e nella donna anche dall’ovaio; si accumula in caso di sindrome surrenogenitale o surrenalismo, come conseguenza di un difetto congenito enzimatico (deficit di 17alfa-idrossilasi, deficit di 21-idrossilasi), per cui la catena di produzione del cortisolo non arriva a compimento, ma si interrompe con aumento in circolo di precursori degli ormoni definitivi. I quadri clinici corrispondenti sono molteplici e diversi nei due sessi. L’aumento del 17 - idrossiprogesterone nel circolo sanguigno è una delle conferme diagnostiche di malattia; il controllo del tasso del 17 - idrossiprogesterone plasmatico durante il trattamento consente al medico un buon monitoraggio della terapia.Ormone precursore del cortisolo. Viene prodotto dal surrene in entrambi i sessi e nella donna anche dall’ovaio; si accumula in caso di sindrome surrenogenitale o surrenalismo,



come conseguenza di un difetto congenito enzimatico (deficit di 17alfa-idrossilasi, deficit di 21-idrossilasi), per cui la catena di produzione del cortisolo non arriva a compimento, ma si interrompe con aumento in circolo di precursori degli ormoni definitivi. I quadri clinici corrispondenti sono molteplici e diversi nei due sessi. L’aumento del 17 - idrossiprogesterone nel circolo sanguigno è una delle conferme diagnostiche di malattia; il controllo del tasso del 17 - idrossiprogesterone plasmatico durante il trattamento consente al medico un buon monitoraggio della terapia.

Commenti

Altri termini medici nel dizionario medico che iniziano con la 'I'

  • Ileostomìa
  • Creazione di un ano artificiale, in genere posto nel quadrante addominale inferiore destro, conseguenza di un intervento chirurgico di asportazione totale del colon. L’ileostomìa è temporanea quando è possibile [...]
  • Ippocràtiche, dita
  • (o dita “a bacchetta di tamburo”), alterazione della forma dell’ultima falange delle dita, che si presenta ingrossata fino a superare il diametro delle altre falangi, cianotica e con l’unghia allargata e convessa come un vetro da orologio; anatomicamente corrispondono ad aumento del letto [...]
  • Iniezione sottocutànea
  • (o ipodermica), iniezione di farmaci immediatamente sotto la cute. Viene eseguita a livello della faccia esterna della coscia, della faccia estensoria del braccio, della regione antero-laterale dell’addome, della regione sovra - [...]
  • Iscuria
  • Ritenzione dell’urina per l’impossibilità di svuotare la vescica. La vescica può progressivamente distendersi fino a che l’urina al suo interno raggiunge una pressione tale da determinarne la fuoriuscita involontaria a goccia [...]
  • Infezioni delle vie urinarie
  • Le vie urinarie sono frequentemente sede di infezione. Ne sono colpite più spesso le donne in età fertile in relazione all’attività sessuale, che facilita l’ingresso di germi attraverso il breve tragitto dell’uretra femminile; anche i maschi oltre i 50 anni sono particolarmente esposti a causa dei problemi ostruttivi dovuti all’ipertrofia prostatica. Ma anche nei bambini di entrambi i sessi le infezioni delle vie urinarie (IVU) sono frequenti, a causa delle difese immunitarie ancora incomplete. Le IVU sono dovute prevalentemente a batteri gram-negativi (in particolare l’Escherichia coli) che provengono dal tratto intestinale per trasporto diretto di materiale fecale dall’ano, o attraverso vasi linfatici che mettono in comunicazione vie urinarie e colon. Possono essere interessati i vari distretti dell’apparato urinario: reni, ureteri, vescica (insieme alla prostata) e uretra. L’IVU più frequente è la cistite, cioè l’infezione della vescica. Generalmente senza febbre, compare improvvisamente con bruciori urinari, minzione frequente, urgenza, dolore in sede pubica. L’infezione acuta delle alte vie urinarie (pielonefrite acuta) interessa invece i reni e si presenta [...]
  • Induzione di travaglio
  • Intervento atto a iniziare un travaglio di parto. È indicato quando, per malattie materne (come diabete, gestosi, nefropatie gravi, isoimmunizzazione, insufficienza placentare, gravidanza protratta), la gravidanza comporta un rischio per il feto. Si possono impiegare metodi farmacologici, in particolare l’infusione endovenosa di ossitocina (eventualmente associata a parasimpaticolitici come l'atropina [...]
  • Inclusione dentaria
  • Situazione in cui un dente rimane nell’osso mascellare o nei tessuti molli perimascellari e il suo sacco pericoronario è chiuso. Il fenomeno può interessare i denti permanenti, decidui o soprannumerari. Un’inclusione [...]
  • Ipotermìa
  • Indice:Ipotermia accidentaleIpotermia controllataabbassamento della temperatura corporea al di sotto dei valori fisiologici (cioè sotto 36 °C): gli effetti negativi conseguenti a tale condizione iniziano a manifestarsi allorché la temperatura scende a 34 °C fino a compromettere le funzioni vitali per valori di temperatura attorno a 24 °C (ipotermìa profonda, o assideramento). A seconda delle modalità con le quali si instaura, l’ipotermìa può essere accidentale o controllata (indotta artificialmente).Ipotermia accidentaleL’ipotermìa accidentale può comparire in seguito all’esposizione a temperature esterne estremamente rigide (come avviene per gli alpinisti, gli sciatori, gli esploratori, i naufraghi ecc.) per prolungati periodi di tempo, o allorché concorrono fattori endogeni che aumentano la suscettibilità del soggetto al freddo ambientale, diminuendo le capacità di difesa dell’organismo (per il trattamento d’emergenza vedi assideramento). Fenomeni d’ipotermìa accidentale sono frequentemente associati a condizioni morbose come il mixedema (ipotiroidismo), l’insufficienza ipofisaria, il morbo di Addison, l’ipoglicemia, le affezioni cerebrovascolari, l’infarto miocardico, l’intossicazione acuta da alcol o da farmaci. Una forma di ipotermìa moderata può colpire pazienti affetti da manifestazioni morbose acute quali lo scompenso cardiaco, l’uremia, il diabete, l’ipoglicemia, l’insufficienza respiratoria. Si tratta generalmente di pazienti anziani non esposti a condizioni ambientali esterne sfavorevoli: la causa dell’ipotermìa in questi casi deve essere ricercata in un’insufficienza acuta dei meccanismi termoregolatori, con incapacità da parte dell’organismo di conservare la propria temperatura. Il trattamento dell’ipotermìa prevede, oltre alle misure di sostegno delle funzioni vitali, il lento e graduale ripristino della normale temperatura corporea. Nelle forme di media gravità può essere sufficiente il riscaldamento esterno con coperte e bagni tiepidi. In [...]
  • Isocorìa
  • Condizione normale in cui le due [...]
  • Impotenza
  • Termine largamente usato come sinonimo di deficit erettile; tale uso è tuttavia improprio e sconsigliabile perché può generare confusione con i disturbi del desiderio e dell’orgasmo, ma soprattutto perché ha una connotazione negativa che va ben al di là dell’insufficienza erettile (in analogia alla frigidità femminile) e implica un’idea di generale inadeguatezza o fallimento. In medicina [...]
Seguici
facebook twitter google+ rss
Ricerca termini medici
Seguici su facebook
Questi termini medici li conosci?
Altri dizionari medici
do you network?