Immunizzazione. Significato del termine medico 'Immunizzazione' presente nel dizionario medico online gratuito.   
Dizionario medico online

Significato termine medico Immunizzazione

Stimolazione del sistema immunitario con sostanze (antigeni) capaci di determinarne l’attivazione. Ogni volta che l’organismo viene in contatto con tali antigeni (che sono molecole presenti per esempio, sui batteri, sui virus ecc.), i linfociti B vengono attivati, si trasformano in plasmacellule e producono anticorpi che svolgono funzioni fondamentali nella risposta immune. Alcuni linfociti B si trasformano in cellule-memoria in grado di dare una risposta specifica immune anche a distanza di tempo: così l’agente dannoso che porta l’antigene non sarà più in grado di provocare la malattia. L’immunizzazione è alla base delle vaccinazioni: l’introduzione nell’organismo di piccole quantità di batteri inattivati o di loro tossine (insufficienti per provocare la malattia, ma capaci di stimolare il sistema immunitario) protegge il soggetto da futura infezione proprio promuovendo la formazione di linfociti-memoria.Stimolazione del sistema immunitario con sostanze (antigeni) capaci di determinarne l’attivazione. Ogni volta che l’organismo viene in contatto con tali antigeni (che sono molecole presenti per



esempio, sui batteri, sui virus ecc.), i linfociti B vengono attivati, si trasformano in plasmacellule e producono anticorpi che svolgono funzioni fondamentali nella risposta immune. Alcuni linfociti B si trasformano in cellule-memoria in grado di dare una risposta specifica immune anche a distanza di tempo: così l’agente dannoso che porta l’antigene non sarà più in grado di provocare la malattia. L’immunizzazione è alla base delle vaccinazioni: l’introduzione nell’organismo di piccole quantità di batteri inattivati o di loro tossine (insufficienti per provocare la malattia, ma capaci di stimolare il sistema immunitario) protegge il soggetto da futura infezione proprio promuovendo la formazione di linfociti-memoria.

Commenti

Altri termini medici nel dizionario medico che iniziano con la 'I'

  • IGF-1
  • Abbreviazione del fattore di crescita insulino-simile-1 (insulin-like growth factor-1). È considerato il fattore di crescita più potente, manifestando aspetti in comune con l’ormone della crescita. Prodotto dal fegato, stimola fisiologicamente la proliferazione [...]
  • Iperglobulinemìa
  • Indice:eccessivo contenuto di globuline nel sangue, che può interessare isolatamente e con significato diverso una delle quattro frazioni (alfa1, alfa2, beta, gamma), oppure due o più di esse. [...]
  • Impotèntia coeundi
  • Impossibilità di avere un valido coito; tanto nell'uomo quanto nella donna si considerano, in medicina legale, una impotenza a coire strumentale (per anomalie anatomiche dei genitali) e una funzionale (in cui c'è normalità anatomica dei genitali ma difetto dei meccanismi che ne rendono possibile l'impiego ai fini della copula): 1) l'impotenza a coire strumentale maschile può essere dovuta ad alterazioni anatomiche dei genitali, sia congenite (pseudoermafroditismo, ipospadia, fimosi.) che acquisite (traumi, interventi chirurgici, induratio penis plastica, tumori.); 2) anche l'impotenza a coire strumentale femminile [...]
  • Idropinoterapìa
  • Assunzione di acqua minerale [...]
  • Intestino, tumori dell’
  • Poco comuni, i tumori dell'intestino tenue sono prevalentemente benigni, rappresentati in questo caso da adenomi, leiomiomi, lipomi, neurofibromi, fibromi, mentre quelli maligni sono rappresentati perlopiù da adenocarcinomi duodeno-digiunali (spesso associati ad adenomi benigni), dai linfomi dell’ileo, dai tumori carcinoidi e dai leiomiosarcomi. Tendono a presentarsi con dolore addominale, dimagramento od ostruzione intestinale. Tra le indagini diagnostiche si segnalano: l'esame radiografico del digerente dopo [...]
  • Isocorìa
  • Condizione normale in cui le due [...]
  • Infezione
  • Indice:Le modalità di trasmissioneDiagnosi e terapiacondizione patologica determinata dall’invasione dell’organismo o di una sua parte per opera di microrganismi appartenenti a classi diverse (virus, batteri, funghi, protozoi, vermi). Tale condizione è il risultato dell’interazione fra microrganismo parassita e risposta immunitaria dell’organismo ospite. L’infezione può essere asintomatica o sintomatica, con vari gradi di intensità individuale.Le modalità di trasmissioneI microrganismi hanno un proprio habitat naturale (un substrato inanimato, un vegetale o un animale) che viene definito serbatoio, a partire dal quale possono venire trasmessi a ospiti recettivi. Dal serbatoio il microrganismo passa alla sorgente, cioè a un ospite animale o umano che diffonde l’infezione; spesso serbatoio e sorgente coincidono. Il soggetto che rappresenta la sorgente può essere malato o portatore. Dalla sorgente l’infezione può venire trasmessa secondo vie diverse, classificabili in dirette e indirette. La trasmissione diretta avviene per contatto (per esempio malattie a trasmissione sessuale), oppure con la diffusione dei microrganismi dell’aria respirata (per esempio malattie esantematiche, infezione delle vie respiratorie). La trasmissione per via indiretta avviene mediante un passaggio intermedio attraverso un oggetto inanimato (acqua, alimenti, oggetti vari), detto veicolo, o attraverso un animale (zanzara, mosca, pulce ecc.), detto vettore. La malattia infettiva può assumere caratteristiche diverse anche in rapporto a fattori più generali, che coinvolgono l’intera popolazione: si può manifestare in forma epidemica, endemica o sporadica. I sintomi dell’infezione dipendono da numerosi fattori, legati sia al microrganismo sia all’ospite. Alcuni microrganismi infatti producono una reazione locale nel punto di entrata (per esempio, il batterio della sifilide), altri si disseminano nell’organismo, altri si sviluppano solo in un organo determinato (per esempio il virus dell’epatite nel fegato), altri ancora producono tossine o altri mediatori che innescano una reazione infiammatoria. Uno dei fattori legati all’ospite è la capacità di resistere all’infezione grazie all’integrità delle barriere difensive, della risposta [...]
  • Ipercapnìa
  • Aumento della concentrazione di anidride carbonica disciolta nel sangue e nel liquor. Ne sono causa l’ipoventilazione e un’alterata perfusione ematica del parenchima polmonare; tipica è la presenza di ipercapnia in corso di insufficienza respiratoria. L’ipercapnìa provoca cefalea, acidosi respiratoria, tremori muscolari, obnubilamento della coscienza fino al coma.La somministrazione di ossigeno in [...]
  • Ittiosi
  • Gruppo di malattie ereditarie dovute ad anomalie della cheratinizzazione (genodermatosi). Compaiono in genere nei primi anni di vita, tendono a stabilizzarsi e a persistere indefinitamente. La cute si presenta secca, ruvida, ricoperta da squame di colorito bianco-grigiastro, a volte bruno-nerastro, che aderiscono agli strati sottostanti soltanto nella zona centrale, si distaccano con facilità e si riproducono rapidamente. In genere sono colpiti gli arti e il tronco, ma l’affezione può diffondersi a tutto il corpo risparmiando le zone delle pieghe (ascellari, inguinali ecc.), le [...]
  • Idiozia
  • Ritardo mentale grave facente parte delle oligofrenie. È determinata da cerebropatie della vita intrauterina e da processi encefalitici infantili (vedi encefaliti). Le cause, inoltre, possono essere alterazioni ormonali [...]
Seguici
facebook twitter google+ rss
Ricerca termini medici
Seguici su facebook
Questi termini medici li conosci?
Altri dizionari medici
do you network?