Induràtio penis plàstica. Significato del termine medico 'Induràtio penis plàstica' presente nel dizionario medico online gratuito.   
Dizionario medico online

Significato termine medico Induràtio penis plàstica

(IPP, o malattia di La Peyronie), fibromatosi ad andamento progressivo che colpisce il pene, imparentata con le collagenopatie (anche qui, infatti, sono aumentati i livelli delle immunoglobuline - soprattutto IgG, IgA e IgM - e sono presenti numerosi tipi di autoanticorpi). L'unica causa certa è rappresentata dai traumi (microfratture del pene durante i rapporti sessuali); altri fattori chiamati in causa sono: ipossia, infezioni, farmaci (amiodarone), cateteri vescicali portati a lungo. È presente, inoltre, una certa instabilità cromosomica. L'evoluzione della malattia è del tutto imprevedibile: rapida, lenta oppure a poussees; con variabile esito in distruzione irreversibile del tessuto colpito, oppure guarigione spontanea, o guarigione solo dopo terapia, o ancora nessuna risposta terapeutica o infine impotenza. La fase iniziale della manifestazione clinica è caratteristica: dolore del pene in erezione, parestesie locali e comparsa di noduli o placche di indurimento nella tonaca albuginea del pene. Nelle fasi più avanzate, il dolore in erezione scompare, mentre l'organo si incurva e deforma progressivamente, fino alla retrazione. La diagnosi è raggiunta - sulla base del sospetto clinico - con il dosaggio delle immunoglobuline sieriche, di vari autoanticorpi e del complemento e con l'ecocolordoppler dinamico del pene eretto. Non esiste una terapia specifica: si possono usare vitamina E, cortisonici, nimesulide e vari altri preparati, soprattutto nelle fasi infiammatorie iniziali o di riaccensione; per contrastare l'azione dei fibroblasti si può utilizzare il verapamil per iniezione intrapeniena. L'indicazione chirurgica (rimozione della placca albuginea con innesto dermico; corporoplastica secondo Nesbit; impianto di protesi endocavernosa semirigida o idraulica) vale per gli stadi più avanzati. Solo la protesi risolve, almeno in parte, il problema.(IPP, o malattia di La Peyronie), fibromatosi ad andamento progressivo che colpisce il pene, imparentata con le collagenopatie (anche qui, infatti, sono aumentati i livelli delle



immunoglobuline - soprattutto IgG, IgA e IgM - e sono presenti numerosi tipi di autoanticorpi). L'unica causa certa è rappresentata dai traumi (microfratture del pene durante i rapporti sessuali); altri fattori chiamati in causa sono: ipossia, infezioni, farmaci (amiodarone), cateteri vescicali portati a lungo. È presente, inoltre, una certa instabilità cromosomica. L'evoluzione della malattia è del tutto imprevedibile: rapida, lenta oppure a poussees; con variabile esito in distruzione irreversibile del tessuto colpito, oppure guarigione spontanea, o guarigione solo dopo terapia, o ancora nessuna risposta terapeutica o infine impotenza. La fase iniziale della manifestazione clinica è caratteristica: dolore del pene in erezione, parestesie locali e comparsa di noduli o placche di indurimento nella tonaca albuginea del pene. Nelle fasi più avanzate, il dolore in erezione scompare, mentre l'organo si incurva e deforma progressivamente, fino alla retrazione. La diagnosi è raggiunta - sulla base del sospetto clinico - con il dosaggio delle immunoglobuline sieriche, di vari autoanticorpi e del complemento e con l'ecocolordoppler dinamico del pene eretto. Non esiste una terapia specifica: si possono usare vitamina E, cortisonici, nimesulide e vari altri preparati, soprattutto nelle fasi infiammatorie iniziali o di riaccensione; per contrastare l'azione dei fibroblasti si può utilizzare il verapamil per iniezione intrapeniena. L'indicazione chirurgica (rimozione della placca albuginea con innesto dermico; corporoplastica secondo Nesbit; impianto di protesi endocavernosa semirigida o idraulica) vale per gli stadi più avanzati. Solo la protesi risolve, almeno in parte, il problema.

Commenti

Altri termini medici nel dizionario medico che iniziano con la 'I'

  • Ionoforesi
  • Tecnica terapeutica che mira a introdurre nei tessuti medicamenti allo stato di ioni con l’applicazione di corrente galvanica. Gli ioni, elettricamente carichi tendono a migrare verso il polo con carica di segno opposto, passando attraverso i tessuti ove vengono assorbiti, esercitando ivi il loro [...]
  • Involuzione dei tessuti
  • Processo che porta alla regressione atrofica di cellule, di organi o dell’intero organismo. Un’involuzione fisiologica di tutto l’organismo si verifica nella senilità, mentre in varie età della vita si osserva a carico di diversi organi (involuzione del timo dopo la pubertà, degli organi sessuali nella vecchiaia, dell’utero dopo il parto ecc.). L’involuzione dei tessuti da inattività si riscontra a carico delle [...]
  • Iodio
  • Elemento chimico, il cui fabbisogno organico giornaliero è di circa 0,1 mg. Esso viene in massima parte immagazzinato e utilizzato dalla tiroide per la sintesi degli ormoni tiroidei. Pertanto la biochimica dello iodio è strettamente collegata con la fisiologia della tiroide. L’importanza dello iodio nella funzione tiroidea è messa in luce dalla forte incidenza di ipotiroidismo in regioni relativamente povere di iodio; tali condizioni morbose scompaiono, o vengono fortemente attenuate, [...]
  • Ipoema
  • Accumulo di sangue nella [...]
  • Ipertensione arteriosa
  • Indice:Ipertensione diastolica e ipertensione sistolicaCause dell’ipertensioneTerapiaaumento della pressione arteriosa a livelli costantemente superiori ai valori medi presenti nella popolazione.Ipertensione diastolica e ipertensione sistolicaÈ difficile stabilire quali sono i valori normali della pressione arteriosa, che per di più variano da individuo a individuo e, nello stesso individuo, con l’età, l’ora del giorno (ritmo circadiano), la stagione, lo stato nervoso. Nel complesso l’ambito dei valori considerati normali per la pressione arteriosa in un individuo adulto sano arriva fino a 90 mmHg per la minima (pressione diastolica) e i 130-140 mmHg per la massima (pressione sistolica). Nell’anziano sono considerati accettabili valori di pressione sistolica di 150-160 mmHg. L’aumento della pressione arteriosa può riguardare sia la sistolica da sola (ipertensione arteriosa sistolica isolata), sia la sistolica e la diastolica.Cause dell’ipertensioneL’ipertensione arteriosa sistolica isolata costituisce un'entità clinica abbastanza precisa: essa è soprattutto legata a arteriosclerosi dell’arco aortico (tipicamente nell'anziano), ma può essere determinata anche da altre patologie quali: insufficienza della valvola aortica, anemia, tireotossicosi, febbre, persistente pervietà del dotto arterioso, fistole arterovenose. L’ipertensione arteriosa sistodiastolica, invece, non ha una causa specifica in circa il 95% dei casi: si parla, a questo proposito, di ipertensione arteriosa essenziale.Sulle cause dell’ipertensione arteriosa essenziale possono essere fatte solo ipotesi. Certamente hanno importanza un aumentato tono del sistema nervoso simpatico, una diminuita capacità del rene a eliminare sodio, fattori genetici e razziali (i neri vanno più soggetti a ipertensione arteriosa rispetto ai bianchi), alimentari (diete ricche di sodio in soggetti sensibili, l’alcol, la liquirizia), condizioni di stress sociale; è stato recentemente suggerito che anche l'emoglobina possa controllare i livelli di pressione arteriosa, attraverso la cessione di ossido d'azoto ad azione vasodilatante ai tessuti periferici, ma necessitano ulteriori conferme al riguardo. Per il restante 5%, invece, è possibile individuare la causa: si parla, in questi casi, di ipertensione arteriosa secondaria. In tal senso, sono spesso coinvolte le ghiandole surrenali, che a vari livelli aumentano la loro attività (è il caso del feocromocitoma, dell’iperaldosteronismo primitivo, della sindrome di Cushing), e l’ipofisi, nel cui ambito si può sviluppare un tumore secernente, che determina una sindrome chiamata acromegalia. Oltre che endocrina, la causa può essere renale, con interessamento di tutte le componenti anatomo-funzionali del rene: l’interstizio, il glomerulo e le arterie. Così malattie come la pielonefrite cronica o la glomerulonefrite possono essere responsabili di ipertensione arteriosa. Anche farmaci (soprattutto certi analgesici) o il diabete possono contribuire a danneggiare il rene e a instaurare un’ipertensione arteriosa. Il rene può essere responsabile anche di un particolare tipo di ipertensione arteriosa chiamata nefrovascolare, in cui, per modificazioni del flusso a livello dell’arteriola che porta il sangue al glomerulo, si ha la secrezione di una sostanza detta renina, innescando un meccanismo che - attraverso l'angiotensina II- porta infine alla produzione di aldosterone, ormone a elevato potere ipertensivo. Quando sono coinvolte le arterie renali, è possibile intervenire chirurgicamente per rimuovere una stenosi, o per dilatarle. In tal caso si può arrivare alla guarigione o a un notevole miglioramento dell’ipertensione arteriosa. Lo stesso vale per i casi in cui l’ipertensione arteriosa è provocata da tumori benigni delle ghiandole endocrine sopra elencate: con la rimozione del tumore si può avere la risoluzione della malattia ipertensiva. Infine, può causare ipertensione arteriosa sistodiastolica una stenosi congenita dell’aorta (coartazione aortica). In questa condizione patologica, non rarissima, il sangue non può affluire liberamente alla parte inferiore del corpo, per una stenosi dell’aorta che ha luogo subito al di sotto del suo arco: ciò provoca un’ipertensione arteriosa nelle parti superiori del corpo, con ipotensione delle parti inferiori. Anche in questo caso un intervento chirurgico può essere risolutore. Tra le cause di ipertensione sembra esserci anche la personalità. Infatti la presenza di alcuni tratti di personalità sembra condizionare il successivo rischio di sviluppare ipertensione. Il dato è emerso all'interno dello studio CARDIA, condotto su 3300 soggetti, reclutati tra il 1985 e il 1986 e di età compresa tra i 18 e i 30 anni. Il 15% dei soggetti esaminati che hanno sviluppato [...]
  • Ilìaco
  • Si dice di ciò che è relativo all’ileo, [...]
  • Infezioni delle vie urinarie
  • Le vie urinarie sono frequentemente sede di infezione. Ne sono colpite più spesso le donne in età fertile in relazione all’attività sessuale, che facilita l’ingresso di germi attraverso il breve tragitto dell’uretra femminile; anche i maschi oltre i 50 anni sono particolarmente esposti a causa dei problemi ostruttivi dovuti all’ipertrofia prostatica. Ma anche nei bambini di entrambi i sessi le infezioni delle vie urinarie (IVU) sono frequenti, a causa delle difese immunitarie ancora incomplete. Le IVU sono dovute prevalentemente a batteri gram-negativi (in particolare l’Escherichia coli) che provengono dal tratto intestinale per trasporto diretto di materiale fecale dall’ano, o attraverso vasi linfatici che mettono in comunicazione vie urinarie e colon. Possono essere interessati i vari distretti dell’apparato urinario: reni, ureteri, vescica (insieme alla prostata) e uretra. L’IVU più frequente è la cistite, cioè l’infezione della vescica. Generalmente senza febbre, compare improvvisamente con bruciori urinari, minzione frequente, urgenza, dolore in sede pubica. L’infezione acuta delle alte vie urinarie (pielonefrite acuta) interessa invece i reni e si presenta [...]
  • Iperico
  • Pianta della famiglia delle Ipericacee, conosciuta anche come erba di San Giovanni perché fiorisce intorno al 24 giugno. Usato in passato come rimedio vulnerario, utile cioè nel favorire la cicatrizzazione delle ferite e delle ustioni, oggi l’estratto ottenuto dalle sommità fiorite ed essiccate dell'iperico viene considerato come inibitore dell'enzima MAO e quindi come antidepressivo. Ben noto e ampiamente utilizzato nei paesi del Nord Europa, negli ultimi anni l’iperico è stato oggetto di studio e di interesse anche da parte dell’industria farmaceutica. Un’indagine condotta da ricercatori tedeschi su 1.700 pazienti depressi non ospedalizzati (British Medical Journal, 1996) ha dimostrato che l’estratto di iperico possiede un’attività significativamente [...]
  • Idrocuzione
  • Morte inaspettata dovuta a immersione in acqua fredda. La bassa temperatura dell’acqua provoca per via riflessa vasocostrizione nei centri del bulbo [...]
  • Incùdine
  • Secondo elemento della catena degli ossicini, situata nell’orecchio medio: si articola [...]
Seguici
facebook twitter google+ rss
Ricerca termini medici
Seguici su facebook
Questi termini medici li conosci?
Altri dizionari medici
do you network?