Infiammatoria pèlvica, malattia. Significato del termine medico 'Infiammatoria pèlvica, malattia' presente nel dizionario medico online gratuito.   
Dizionario medico online

Significato termine medico Infiammatoria pèlvica, malattia

(o PID, dall’inglese Pelvic Inflammatory Disease), infiammazione cronica del peritoneo pelvico femminile; sotto questa denominazione sono comprese differenti entità nosologiche quali l'endometrite, la salpingite, la ovaro-salpingite, l'ascesso tubo-ovarico e la peritonite pelvica. Mentre le infezioni possono seguire a un parto, un aborto, una interruzione di gravidanza, una infezione tubercolare dell'apparato genitale o patologie intra-addominali come l'appendicite perforata, il termine PID è generalmente applicato a condizioni che risultano da malattie sessualmente trasmesse. Il picco di incidenza si verifica nelle giovani donne sessualmente attive e i fattori predisponenti comprendono il frequente o recente cambio di partner sessuale, il mancato uso di metodi di barriera di contraccezione e l'uso di dispositivi intrauterini. L'infezione si diffonde dal tratto genitale inferiore; la Chlamydia trachomatis e la Neisseria gonorrheae sono gli organismi infettanti più comuni. Nei casi acuti, si verifica un rialzo termico, dolore ai quadranti addominali inferiori, perdite vaginali e dolore durante i rapporti sessuali (dispareunia), ma in molti casi il dolore può essere minimo o assente, rendendo la diagnosi difficile; spesso la paziente ignora del tutto di avere un'infezione. Il trattamento precoce con antibiotici adeguati è efficace, ma - se ritardato o inadeguato - possono comparire dolore pelvico cronico, gravidanza extra-uterina e infertilità tubarica.(o PID, dall’inglese Pelvic Inflammatory Disease), infiammazione cronica del peritoneo pelvico femminile; sotto questa denominazione sono comprese differenti entità nosologiche quali l'endometrite, la salpingite, la ovaro-salpingite,



l'ascesso tubo-ovarico e la peritonite pelvica. Mentre le infezioni possono seguire a un parto, un aborto, una interruzione di gravidanza, una infezione tubercolare dell'apparato genitale o patologie intra-addominali come l'appendicite perforata, il termine PID è generalmente applicato a condizioni che risultano da malattie sessualmente trasmesse. Il picco di incidenza si verifica nelle giovani donne sessualmente attive e i fattori predisponenti comprendono il frequente o recente cambio di partner sessuale, il mancato uso di metodi di barriera di contraccezione e l'uso di dispositivi intrauterini. L'infezione si diffonde dal tratto genitale inferiore; la Chlamydia trachomatis e la Neisseria gonorrheae sono gli organismi infettanti più comuni. Nei casi acuti, si verifica un rialzo termico, dolore ai quadranti addominali inferiori, perdite vaginali e dolore durante i rapporti sessuali (dispareunia), ma in molti casi il dolore può essere minimo o assente, rendendo la diagnosi difficile; spesso la paziente ignora del tutto di avere un'infezione. Il trattamento precoce con antibiotici adeguati è efficace, ma - se ritardato o inadeguato - possono comparire dolore pelvico cronico, gravidanza extra-uterina e infertilità tubarica.

Commenti

Altri termini medici nel dizionario medico che iniziano con la 'I'

  • Infuso
  • Preparazione per l’estrazione dei principi attivi di una pianta officinale. In un recipiente di vetro o smaltato a chiusura ermetica si versa dell’acqua fredda sulla pianta triturata, si porta a ebollizione e si toglie [...]
  • Insufficienza cardìaca
  • Stato fisiopatologico nel quale, in seguito a una anormalità nella sua funzione, il cuore è incapace di pompare la quantità di sangue necessaria alle funzioni metaboliche dei diversi organi e tessuti, o può farlo solo in presenza di una pressione di riempimento patologicamente elevata. Può riguardare l’uno o l’altro ventricolo ma col tempo diventa globale. È compensata, se la contrazione miocardica ritorna a essere efficiente per suoi meccanismi automatici o per controllo farmacologico; scompensata, se la portata cardiaca non è più mantenuta a livelli di normalità. Le cause di insufficienza cardìaca sono: insufficiente contrazione miocardica (dovuta a miocarditi acute, insufficienza coronarica, miocardiosclerosi, intossicazioni); eccesso di lavoro per il cuore (per ipertensione arteriosa, stenosi o insufficienza valvolare, tireotossicosi, gravidanza ecc.). A queste cause predisponenti si aggiungono fattori precipitanti, quali infezioni, endocarditi, crisi ipertensive ecc. La sintomatologia dell’insufficienza ventricolare sinistra consiste in astenia, dispnea, cardiopalmo, tosse notturna, oliguria, nicturia, asma cardiaco. Il quadro clinico dell’insufficienza ventricolare destra si manifesta con astenia, cefalea, anoressia, oliguria, epatomegalia ed edemi. L’insufficienza cardìaca globale è caratterizzata dalla combinazione dei sintomi delle due insufficienze ventricolari. La prevenzione dell’insufficienza cardìaca scompensata si effettua mediante il riposo, il controllo dei fattori precipitanti e la terapia dei fattori causali. I farmaci attualmente più usati per il trattamento dell'insufficienza cardìaca, e che sono da considerare la base della terapia, sono i diuretici, gli ACE-inibitori (oggi sono disponibili anche gli inibitori dei recettori per l'angiotensina II) e la digossina. Per quanto riguarda i diuretici (tiazidici e dell'ansa), essi paiono efficaci soprattutto nel controllare i sintomi dovuti al malfunzionamento del cuore. Lo stesso ruolo giocherebbe oggi la digossina - che [...]
  • Immunodeficienza
  • Indice:Classificazione delle immunodeficienzealterazione delle funzioni immunitarie dell’organismo. Affinché tali funzioni si svolgano regolarmente è necessaria l’opportuna cooperazione di diversi tipi di cellule (linfociti B e T; cellule del sistema monocitico-macrofagico; leucociti polimorfonucleati) e di sostanze presenti nel sangue (fattori del complemento; molecole prodotte dalle stesse cellule immunitarie come gli anticorpi). In un organismo normalmente funzionante tutti questi elementi agiscono in stretta collaborazione e interdipendenza. L’alterazione o il deficit di uno o più di essi determina l’incapacità dell’organismo di rispondere adeguatamente e quindi di proteggersi dall’attacco di fattori esterni nocivi (virus, batteri, funghi, sostanze tossiche ecc.): infatti, l’insufficienza o l’assenza della funzione immunologica si manifestano con una maggiore suscettibilità alle infezioni e alle malattie autoimmuni (quelle, cioè, dovute a un errore del sistema immunitario, che agisce contro componenti del proprio organismo).Classificazione delle immunodeficienzeLa condizione di immunodeficienza può essere congenita oppure acquisita. Nel primo caso, si tratta di solitamente di condizioni primarie, che si instaurano cioè senza che sia individuabile una causa scatenante. La forma più grave è costituita dalla immunodeficienza severa combinata (SCID), trasmessa geneticamente e caratterizzata dall'assenza dell'immunità sia cellulare che umorale; la morte interviene, per gravi infezioni, solitamente entro il primo anno di vita. Nel secondo, invece, l'immunodeficienza è solitamente secondaria a immaturità o [...]
  • Iperpiressìa
  • Condizione in cui la temperatura corporea si mantiene [...]
  • Idrògeno
  • Elemento chimico gassoso allo stato libero; è un costituente dell’acqua; viene liberato in forma di idrogenione (H+) dai composti acidi. È un composto biologicamente importante della catena respiratoria, [...]
  • Infanzia
  • Periodo della vita dell’essere umano che va dalla nascita alla pubertà. Viene convenzionalmente suddivisa in tre parti: prima infanzia, che va dalla nascita all’uso della parola, e comprende il periodo neonatale (primi 15 giorni di vita), il periodo dell’allattamento (dal 16° giorno al 6° mese circa: il periodo dell'allattamento può infatti avere durata diversa, su base individuale) e quello del divezzamento (dal 7° al 24° mese; anche in questo caso, tuttavia, non c'è una regola unica: il divezzamento può [...]
  • Ipertimìa
  • Alterazione del tono dell’umore con tendenza [...]
  • Immobilizzazione
  • In ortopedia, procedimento che ha lo scopo di mantenere nella giusta posizione reciproca i monconi ossei e gli eventuali frammenti di un segmento scheletrico fratturato, impedendo che si muovano durante il periodo di consolidamento. L’immobilizzazione può essere incruenta, impiegando un apparecchio rigido di gesso che includa il segmento fratturato, oppure i cosiddetti gessi o tutori funzionali, che permettono il movimento [...]
  • Iato
  • Sinonimo di [...]
  • Idrocortisone
  • Sinonimo di [...]
Seguici
facebook twitter google+ rss
Ricerca termini medici
Seguici su facebook
Questi termini medici li conosci?
Altri dizionari medici
do you network?