Infuso. Significato del termine medico 'Infuso' presente nel dizionario medico online gratuito.   
Dizionario medico online

Significato termine medico Infuso

Preparazione per l’estrazione dei principi attivi di una pianta officinale. In un recipiente di vetro o smaltato a chiusura ermetica si versa dell’acqua fredda sulla pianta triturata, si porta a ebollizione e si toglie rapidamente dal fuoco, lasciando poi infondere per il tempo necessario, si filtra attraverso tela o carta, spremendo il residuo. L’infuso si addice alle parti della pianta più fragili, come foglie e fiori.Preparazione per l’estrazione dei principi attivi di una pianta officinale. In un recipiente di vetro o smaltato a chiusura ermetica si versa dell’acqua fredda sulla pianta



triturata, si porta a ebollizione e si toglie rapidamente dal fuoco, lasciando poi infondere per il tempo necessario, si filtra attraverso tela o carta, spremendo il residuo. L’infuso si addice alle parti della pianta più fragili, come foglie e fiori.

Commenti

Altri termini medici nel dizionario medico che iniziano con la 'I'

  • Interna, medicina
  • Branca della medicina che si interessa delle malattie per le quali è possibile un trattamento medico-farmacologico, senza dover ricorrere alla chirurgia. [...]
  • Iridoschisi
  • Distacco del foglietto anteriore dell’iride, che si manifesta [...]
  • Ipertensione portale
  • Aumento di pressione nella vena porta, causato da ostruzione della vena stessa (per esempio, per la presenza di un trombo), da difficoltà di passaggio del sangue attraverso il fegato (per esempio, per cirrosi, in cui la struttura epatica è completamente alterata), o da ostacolo al deflusso del sangue dal fegato alla circolazione generale (per esempio, per trombosi delle vene sovraepatiche, per scompenso cardiaco congestizio). La vena porta raccoglie tutto il sangue che proviene dal tubo digerente, dalla milza, dal pancreas e dalla cistifellea, e lo trasporta al fegato, da dove poi passa alla vena cava inferiore a quindi al cuore. La maggior parte dei casi di ipertensione portale è causata da un aumento delle resistenze al deflusso di sangue dal fegato, e quindi dalla cirrosi epatica: le venule epatiche vengono compresse da parte dei noduli di rigenerazione e da parte delle cicatrici presenti nella cirrosi. La maggior parte delle conseguenze dell’ipertensione portale è legata alla comparsa di rami di comunicazione (anastomosi) tra la circolazione portale e la circolazione generale, che si formano per permettere il ritorno al cuore del sangue proveniente dal tubo digerente: queste vie collaterali sono costituite dalle vene dell’esofago (varici esofagee), dalle vene della parete addominale (caput medusae), dal circolo venoso emorroidario. In questo modo, infatti, le sostanze [...]
  • Infezioni delle vie urinarie
  • Le vie urinarie sono frequentemente sede di infezione. Ne sono colpite più spesso le donne in età fertile in relazione all’attività sessuale, che facilita l’ingresso di germi attraverso il breve tragitto dell’uretra femminile; anche i maschi oltre i 50 anni sono particolarmente esposti a causa dei problemi ostruttivi dovuti all’ipertrofia prostatica. Ma anche nei bambini di entrambi i sessi le infezioni delle vie urinarie (IVU) sono frequenti, a causa delle difese immunitarie ancora incomplete. Le IVU sono dovute prevalentemente a batteri gram-negativi (in particolare l’Escherichia coli) che provengono dal tratto intestinale per trasporto diretto di materiale fecale dall’ano, o attraverso vasi linfatici che mettono in comunicazione vie urinarie e colon. Possono essere interessati i vari distretti dell’apparato urinario: reni, ureteri, vescica (insieme alla prostata) e uretra. L’IVU più frequente è la cistite, cioè l’infezione della vescica. Generalmente senza febbre, compare improvvisamente con bruciori urinari, minzione frequente, urgenza, dolore in sede pubica. L’infezione acuta delle alte vie urinarie (pielonefrite acuta) interessa invece i reni e si presenta [...]
  • Iridectomìa
  • Intervento chirurgico consistente nell’asportazione parziale o totale di un settore dell’iride; si esegue per curare cataratta, glaucoma, iridocoroidite, [...]
  • Iosamicina
  • Farmaco antibiotico, appartenente alla famiglia dei macrolidi, dotato dello stesso spettro d’azione dell’eritromicina, ma attivo anche su alcuni batteri resistenti a essa. Rispetto all'eritromicina, la iosamicina è meglio tollerata [...]
  • Ig
  • Sigla di immunoglobuline, seguita in genere da una lettera maiuscola (A, D, [...]
  • Iridosclerectomìa
  • Intervento chirurgico che si effettua in caso di glaucoma, con lo scopo di creare una comunicazione permanente e artificiale tra la camera anteriore dell’occhio e lo spazio sottocongiuntivale. Si [...]
  • Ialurònico, àcido
  • Polisaccaride a struttura lineare, formato da numerose unità di acido D-glucuronico e N-acetil-D-glucosamina. È il più semplice dei mucopolisaccaridi. L’àcido ialurònico entra nella costituzione della sostanza fondamentale del tessuto connettivo; è contenuto in concentrazioni elevate nei liquidi sinoviali delle articolazioni, nell’umor vitreo, nel cordone ombelicale, in alcuni tipi di tumori. È una [...]
  • Ippocràtiche, dita
  • (o dita “a bacchetta di tamburo”), alterazione della forma dell’ultima falange delle dita, che si presenta ingrossata fino a superare il diametro delle altre falangi, cianotica e con l’unghia allargata e convessa come un vetro da orologio; anatomicamente corrispondono ad aumento del letto [...]
Seguici
facebook twitter google+ rss
Ricerca termini medici
Seguici su facebook
Questi termini medici li conosci?
Altri dizionari medici
do you network?