Intercezione. Significato del termine medico 'Intercezione' presente nel dizionario medico online gratuito.   
Dizionario medico online

Significato termine medico Intercezione

(o pillola del giorno dopo, o contraccezione d’emergenza), procedimento volto a impedire la gravidanza messo in atto dopo un rapporto a rischio, avvenuto cioè nel periodo supposto fertile. Il termine contraccezione è improprio in quanto si tratta di metodiche abortive. È utilizzata in caso di rapporti “non protetti” o di errori nell’uso di contraccettivi. L’intercezione può essere ormonale (con progestinici o estrogeni ad alte dosi, estroprogestinici a basse dosi), o meccanica, mediante inserimento di una spirale subito dopo il coito o al più tardi entro 5 giorni. L’intercezione ormonale deve essere attuata possibilmente subito dopo il coito, e comunque al massimo entro 72 ore da esso. Il principio su cui si basa è che una grossa carica di estrogeni inibisce l'annidamento dell'uovo fecondato e provoca, alla sospensione del farmaco (non immediatamente ma entro 2-3 settimane dalla sospensione), emorragia da privazione. In quasi tutti i casi l'assunzione di questi preparati provoca forte cefalea e nausea. Il trattamento è controindicato in tutte le donne che presentano controindicazioni di base all'assunzione della pillola. Cause di fallimento possono essere rappresentate da: gravidanza già in atto all'assunzione del farmaco, sua assunzione tardiva o sottodosata, esposizione a un secondo rapporto, eccessivo vomito (se il farmaco è stato assunto per bocca). L'uso non deve essere abituale, a causa dell'esposizione a dosi elevate di ormoni e perché tende a perdere efficacia se ripetuto in cicli successivi.(o pillola del giorno dopo, o contraccezione d’emergenza), procedimento volto a impedire la gravidanza messo in atto dopo un rapporto a rischio, avvenuto cioè nel periodo



supposto fertile. Il termine contraccezione è improprio in quanto si tratta di metodiche abortive. È utilizzata in caso di rapporti “non protetti” o di errori nell’uso di contraccettivi. L’intercezione può essere ormonale (con progestinici o estrogeni ad alte dosi, estroprogestinici a basse dosi), o meccanica, mediante inserimento di una spirale subito dopo il coito o al più tardi entro 5 giorni. L’intercezione ormonale deve essere attuata possibilmente subito dopo il coito, e comunque al massimo entro 72 ore da esso. Il principio su cui si basa è che una grossa carica di estrogeni inibisce l'annidamento dell'uovo fecondato e provoca, alla sospensione del farmaco (non immediatamente ma entro 2-3 settimane dalla sospensione), emorragia da privazione. In quasi tutti i casi l'assunzione di questi preparati provoca forte cefalea e nausea. Il trattamento è controindicato in tutte le donne che presentano controindicazioni di base all'assunzione della pillola. Cause di fallimento possono essere rappresentate da: gravidanza già in atto all'assunzione del farmaco, sua assunzione tardiva o sottodosata, esposizione a un secondo rapporto, eccessivo vomito (se il farmaco è stato assunto per bocca). L'uso non deve essere abituale, a causa dell'esposizione a dosi elevate di ormoni e perché tende a perdere efficacia se ripetuto in cicli successivi.

Commenti

Altri termini medici nel dizionario medico che iniziano con la 'I'

  • Idrotermali, cure
  • Terapie basate sull’impiego di acqua a temperatura naturale superiore [...]
  • Iporinìa
  • Malformazione congenita caratterizzata da deficiente sviluppo di una [...]
  • Ippocampo
  • Strato della corteccia cerebrale in rapporto con il corno inferiore del ventricolo laterale. Appartenente al sistema limbico, è localizzato -con questo- sulla faccia mediale e inferiore degli emisferi telencefalici, in stretto rapporto con il diencefalo. La funzione del sistema limbico viene messa in rapporto con l'integrazione di stimoli [...]
  • Ipertonìa
  • Eccessivo rafforzamento del tono dei muscoli, che aumentano la resistenza all’allungamento passivo. L’ipertonìa piramidale, o spasticità da lesione del sistema motorio piramidale, si manifesta con resistenza nella mobilizzazione passiva di arti o di segmenti di arti e aumenta gradatamente fino a cessare all’improvviso (rigidità spastica con fenomeno del temperino o del coltello a serramanico). Interessa i muscoli antigravitari, cioè quelli flessori degli arti superiori ed [...]
  • Intradermoreazione
  • Prova utilizzata per la diagnosi di alcune malattie infettive o protozoarie, per stabilire la sensibilizzazione verso certe sostanze (per esempio nelle allergie ai pollini) o per valutare il normale funzionamento del sistema immunitario. La più diffusa è l'intradermoreazione di Mantoux, che viene impiegata, insieme ad altre prove, per la diagnosi della tubercolosi: in caso di positività del test (che viene 'letto' nelle 72 ore successive alla sua esecuzione), nel punto di inoculazione compaiono un arrossamento e un indurimento individuabile al tatto. Mentre l’arrossamento è una reazione specifica, sono le dimensioni della regione indurita che vengono valutate: la positività o negatività del [...]
  • Iposcialìa
  • Insufficiente secrezione salivare. Ridotta secrezione salivare può essere riscontrata nel corso di alcune malattie autoimmuni (per esempio, nella sindrome di Sjogren), di malattie [...]
  • Intercinesi
  • Fase di riposo tra due divisioni cellulari, durante la quale vengono rinnovati gli elementi costitutivi [...]
  • Interemisfèrico
  • Si dice di formazione anatomica posta tra i due emisferi cerebrali; per esempio la scissura interemisfèrica è il solco che [...]
  • Iperglobulinemìa
  • Indice:eccessivo contenuto di globuline nel sangue, che può interessare isolatamente e con significato diverso una delle quattro frazioni (alfa1, alfa2, beta, gamma), oppure due o più di esse. [...]
  • Istogenesi
  • Processo di differenziazione dei foglietti embrionali che porta alla [...]
Seguici
facebook twitter google+ rss
Ricerca termini medici
Seguici su facebook
Questi termini medici li conosci?
Altri dizionari medici
do you network?