Isterectomìa. Significato del termine medico 'Isterectomìa' presente nel dizionario medico online gratuito.   
Dizionario medico online

Significato termine medico Isterectomìa

Intervento chirurgico mediante il quale viene asportato l’utero (isterectomìa totale) o una sua parte (isterectomìa subtotale); può essere esteso alle salpingi (isterosalpingectomia), oltre che alle ovaie, al parametrio e al terzo superiore della vagina (isterectomìa allargata o isterectomìa totale con ovarosalpingectomia bilaterale). L’intervento può essere eseguito sia per via addominale (laparoisterectomia), sia per via vaginale (colpoisterectomia). Le indicazioni all'intervento comprendono: menorragie, endometriosi severa, tumori benigni (fibromi) o maligni (carcinomi) dell'utero. Nelle donne che sono state sottoposte a isterectomia prima della menopausa, l'insufficienza ovarica si sviluppa più precocemente di quanto non avvenga in caso di menopausa fisiologica.Intervento chirurgico mediante il quale viene asportato l’utero (isterectomìa totale) o una sua parte (isterectomìa subtotale); può essere esteso alle salpingi (isterosalpingectomia), oltre che alle ovaie,



al parametrio e al terzo superiore della vagina (isterectomìa allargata o isterectomìa totale con ovarosalpingectomia bilaterale). L’intervento può essere eseguito sia per via addominale (laparoisterectomia), sia per via vaginale (colpoisterectomia). Le indicazioni all'intervento comprendono: menorragie, endometriosi severa, tumori benigni (fibromi) o maligni (carcinomi) dell'utero. Nelle donne che sono state sottoposte a isterectomia prima della menopausa, l'insufficienza ovarica si sviluppa più precocemente di quanto non avvenga in caso di menopausa fisiologica.

Commenti

Altri termini medici nel dizionario medico che iniziano con la 'I'

  • Isostenuria
  • Emissione di urina poco concentrata, avente un valore di osmolalità simile a quella del plasma sanguigno liberato dalle proteine. Questo significa che il rene ha perso completamente la sua capacità di concentrare e diluire le urine in risposta ai diversi stati dell’organismo. Si [...]
  • Ipertensione endocranica
  • Aumento della pressione endocranica. Può essere dovuta a un aumento del volume del contenuto della scatola cranica (processi espansivi infiammatori, tumorali), a un ostacolo al deflusso o al riassorbimento del liquido cerebrospinale (ma anche in taluni casi a un aumento della produzione di liquor), al drenaggio venoso del sangue cerebrale (trombosi dei seni della dura madre, delle giugulari, della vena cava superiore), a edema cerebrale, o a riduzione della capacità cranica (fratture con affondamento dei frammenti, ematomi extradurali). [...]
  • Ipercromìa
  • Eccessiva pigmentazione della cute, che può assumere colorazione bruna. L’ipercromìa localizzata ad alcuni distretti cutanei può essere: primitiva, come nel cloasma, nelle efelidi, nell’acanthosis nigricans; oppure secondaria, cioè conseguente a dermatiti fisiche e chimiche, all’atrofia senile, [...]
  • Iperbilirubinemìa
  • Aumento patologico del contenuto di bilirubina nel sangue. L’iperbilirubinemìa può essere dovuta a bilirubina diretta, cioè coniugata, o indiretta, cioè non coniugata. L’iperbilirubinemìa di tipo non coniugato si ha: nelle malattie emolitiche, in cui l’aumento della produzione di bilirubina può superare le capacità del fegato di metabolizzarla, anche in condizioni di perfetta efficienza dell’organo; nella sindrome di Gilbert; nella sindrome di Crigler-Najjar; nell’ittero da latte materno, in cui vi sarebbe l’inibizione dell’enzima glucuronil-transferasi da parte di uno steroide presente nel latte materno. L’iperbilirubinemìa di tipo coniugato si [...]
  • Intubazione
  • Introduzione di una sonda o di un tubo in una cavità dell’organismo. L’intubazione tracheale consiste nell’introduzione di un’apposita sonda (di materiale plastico semirigido) all’interno del lume della trachea, per ripristinare la pervietà delle vie respiratorie e garantire il collegamento dell’apparato respiratorio (trachea-bronchi-alveoli polmonari) con respiratori artificiali meccanici, palloni rianimatori ecc. L’intubazione tracheale può essere eseguita per via orale (il tubo viene introdotto attraverso la bocca), o per via nasale (il tubo viene fatto passare attraverso le coane fino al rinofaringe e di lì in trachea); viene correntemente eseguita nel corso dell’anestesia generale con narcosi, allo scopo di garantire una sufficiente ventilazione polmonare ai pazienti, in quanto la respirazione spontanea è depressa dall’azione dei farmaci anestetici, ostacolata dall’abolizione dei riflessi delle vie respiratorie, addirittura abolita quando vengano impiegati farmaci anestetici come i [...]
  • Iperventilazione
  • Aumento del ricambio dell’aria nei polmoni, in seguito alla maggior frequenza e profondità degli atti respiratori. Può verificarsi in condizioni fisiologiche (durante sforzo fisico, in alta montagna) o patologiche (encefalopatie, stati di coma) o come meccanismo di compenso [...]
  • Incompatibilità verso i fàrmaci
  • Condizione legata allo stato del paziente o alla natura dei farmaci, per cui la somministrazione di questi, invece di determinare gli attesi effetti benefici, può dar luogo ad azioni tossiche o indesiderate (per esempio, farmaci ad azione congestionante sull’utero sono incompatibili con lo stato di gravidanza). Incompatibilità di somministrazione si hanno quando la preparazione farmaceutica è inadatta per la via di somministrazione prescelta: per esempio, farmaci oleosi, comunque insolubili in acqua, non devono essere somministrati per via endovenosa; le soluzioni alcoliche non vanno somministrate per via sottocutanea (provocano irritazione), né le soluzioni non sterili per via parenterale (provocano infezione) ecc. Si possono poi avere [...]
  • Ipercalòrico
  • Termine con cui vengono designati alimenti o diete con un contenuto [...]
  • Iniezione periarticolare
  • Iniezione di sostanze a scopo diagnostico o terapeutico [...]
  • Iperuricemia
  • Condizione fisiopatologica caratterizzata da aumento dell'acido urico circolante, in conseguenza: (1) della sua maggiore produzione; (2) della sua ridotta eliminazione renale; (3) di entrambi questi meccanismi. Nel primo caso, il difetto metabolico che determina un'aumentata produzione di acido urico può essere primitivo (alterazioni congenite specifiche degli enzimi del sistema che metabolizza le purine, sostanze costitutive degli acidi nucleici che vengono eliminate - quando sono in eccesso- sotto forma di acido urico) o secondario (a difetti enzimatici di altre vie metaboliche, con aumento della sintesi ex-novo; a malattie sistemiche che [...]
Seguici
facebook twitter google+ rss
Ricerca termini medici
Seguici su facebook
Questi termini medici li conosci?
Altri dizionari medici
do you network?