Laringospasmo. Significato del termine medico 'Laringospasmo' presente nel dizionario medico online gratuito.   
Dizionario medico online

Significato termine medico Laringospasmo

Spasmo accessionale dei muscoli costrittori della glottide. Si osserva nei bambini con diatesi spasmofilica, rachitici, denutriti o adenoidei; oppure in adulti affetti da infiammazioni locali, o da malattie di organi vicini; può verificarsi anche in seguito a gravi traumi o in caso di anestesia generale, per fattori allergici o di irritazione meccanica diretta. Un esempio tipico è costituito dallo spasmo della glottide che si osserva in caso di tetania (ipoparatiroidismo): la contrattura serrata delle corde vocali provoca una caratteristica dispnea inspiratoria, detta tirage.Spasmo accessionale dei muscoli costrittori della glottide. Si osserva nei bambini con diatesi spasmofilica, rachitici, denutriti o adenoidei; oppure in adulti affetti da infiammazioni locali, o



da malattie di organi vicini; può verificarsi anche in seguito a gravi traumi o in caso di anestesia generale, per fattori allergici o di irritazione meccanica diretta. Un esempio tipico è costituito dallo spasmo della glottide che si osserva in caso di tetania (ipoparatiroidismo): la contrattura serrata delle corde vocali provoca una caratteristica dispnea inspiratoria, detta tirage.

Commenti

Altri termini medici nel dizionario medico che iniziano con la 'L'

  • Lattice
  • Proteina vegetale, è il costituente primario della gomma. Ha assunto importanza in campo allergologico in seguito all’utilizzo diffuso di guanti in lattice tra gli operatori sanitari e di strumenti in lattice [...]
  • Laringoplegìa
  • Sinonimo di paralisi [...]
  • LATS
  • Sigla di Long-Acting Thyroid Stimulator, immunoglobulina tipo IgG prodotta dai linfociti dei pazienti affetti, in corso di morbo di Basedow (e, talora, nella tiroidite di Hashimoto). I LATS sono una numerosa famiglia di autoanticorpi organo-specifici, ciascuno con caratteristiche funzionali proprie, accomunati dal fatto che il loro bersaglio è costituito dal recettore per il TSH presente sulla membrana delle cellule tiroidee (o dalla membrana stessa), la cui [...]
  • Locomotore, apparato
  • Insieme degli organi che servono sia alla locomozione del corpo sia al mantenimento del suo equilibrio. È costituito essenzialmente dallo scheletro e dalle articolazioni, che consentono lo spostamento di un tratto [...]
  • Lupus pernio
  • Quadro clinico della sarcoidosi cutanea, caratterizzato da papule rosso porpora infiltrate, persistenti, localizzate alle regioni periferiche [...]
  • Linolènico, àcido
  • Acido grasso polinsaturo, costituente principale dell’olio di [...]
  • Laringite strìdula
  • Sinonimo di [...]
  • Labiopalatoschisi
  • Malformazione congenita dovuta all’incompleta fusione del labbro [...]
  • Leucemìe acute
  • Indice:FisiopatologiaClinicaDiagnosiTerapialeucemie caratterizzate dalla proliferazione di elementi cellulari immaturi della serie mieloide (granulociti e monociti; ma rientrano in questo gruppo anche le leucemie in cui c'è interessamento anche della serie eritroide) o di quella linfoide (linfociti). La leucemia insorge in seguito alla trasformazione maligna di un singolo progenitore emopoietico, seguita dalla replicazione cellulare e dalla espansione del clone trasformato. L'elemento scatenante la trasformazione non è ben conosciuto; un ruolo importante pare svolto dagli oncogeni. Per quanto riguarda la leucemia acuta mieloide, talora essa segue a una sindrome preleucemica o a una mielodisplasia.FisiopatologiaLa caratteristica fondamentale della cellula leucemica, rispetto alla corrispondente cellula normale, appare l’esaltata capacità proliferativa associata a una incapacità a maturare negli elementi cellulari adulti. L’accumulo nei tessuti ematopoietici di queste cellule indifferenziate (blasti) determina una inibizione dei processi che portano alla sintesi delle cellule normali del sangue (globuli rossi, globuli bianchi, piastrine). Le cellule leucemiche proliferano inizialmente nel midollo osseo, passano successivamente nel circolo vascolare per depositarsi a livello di vari tessuti e organi: linfonodi, fegato, milza, cute, visceri, sistema nervoso centrale. Clinica Nella maggior parte dei casi la malattia ha un inizio graduale, dominano i disturbi legati alla diminuita produzione delle cellule normali del sangue: anemia, infezioni, emorragie. Le infezioni costituiscono una delle complicazioni più temibili e sono direttamente correlate alla diminuzione del numero di granulociti normali che svolgono compiti di difesa immunitaria. Comuni sedi di infezione in corso di leucemìe acute sono: la pelle, le gengive, i polmoni (tipica la polmonite da Pneumocystis carinii dei soggetti immunocompromessi), le vie urinarie. Le emorragie appaiono direttamente correlate alla diminuita quantità di piastrine, eventualità che diventa particolarmente comune per valori di piastrine sotto le 20000 per ml. L’infiltrazione di organi quali il fegato e la milza ne può determinare un ingrandimento. L’ingrandimento delle ghiandole linfatiche appare più comune nelle forme linfoidi; in queste forme è abbastanza frequente anche l’interessamento del sistema nervoso centrale, con invasione delle meningi e del parenchima nervoso. Le leucemìe acute mieloidi sulla base dei differenti aspetti morfologici delle cellule blastiche vengono distinte in sette sottotipi (M1, M2, M3, M4, M5, M6, M7). Nell’ambito di questi sottotipi esistono lievi differenze nel decorso clinico e nelle modalità di esordio. Le leucemìe acute linfoidi, in relazione al loro aspetto morfologico, sono distinte in tre sottotipi (L1, L2, L3). La caratterizzazione immunologica e genetica ha permesso di stabilire che, nella maggioranza [...]
  • Lochiazione
  • Emissione di lochi dalla vagina durante il puerperio. Dura da 3 a 5 settimane. I lochi, dapprima ematici, dal 3° all’8° giorno [...]
Seguici
facebook twitter google+ rss
Ricerca termini medici
Seguici su facebook
Questi termini medici li conosci?
Altri dizionari medici
do you network?