Ludwig, angina di. Significato del termine medico 'Ludwig, angina di' presente nel dizionario medico online gratuito.   
Dizionario medico online

Significato termine medico Ludwig, angina di

Infezione acuta sottocutanea della regione sottomandibolare e sublinguale. Ha origine in genere da infezioni dentarie da streptococco. Si presenta con febbre, edema del pavimento della bocca e della regione anteriore del collo. Il rigonfiamento della lingua impedisce la deglutizione, e talvolta viene compromessa la pervietà delle vie aeree. La terapia si avvale di antibiotici ad ampio spettro. In rari casi sono necessarie decompressione chirurgica o tracheostomia.Infezione acuta sottocutanea della regione sottomandibolare e sublinguale. Ha origine in genere da infezioni dentarie da streptococco. Si presenta con febbre, edema del pavimento della bocca



e della regione anteriore del collo. Il rigonfiamento della lingua impedisce la deglutizione, e talvolta viene compromessa la pervietà delle vie aeree. La terapia si avvale di antibiotici ad ampio spettro. In rari casi sono necessarie decompressione chirurgica o tracheostomia.

Commenti

Altri termini medici nel dizionario medico che iniziano con la 'L'

  • Leucodistrofìa
  • Malattia simile all’encefalite subacuta evolutiva, appartenente al gruppo delle sclerosi cerebrali diffuse; spesso ha carattere familiare ed ereditario. Sono presenti lesioni dovute [...]
  • Lardo
  • Grasso alimentare derivato dal grasso di copertura (deposito sottocutaneo) del maiale, e precisamente dalle zone superiori della spalla, del dorso, dei fianchi. Oltre a una grande percentuale di grassi saturi, il lardo contiene piccole quantità di [...]
  • LSD
  • Sigla di Lysergsaüre Diethylamid (dietilamide dell’acido lisergico, una sostanza presente nella segale cornuta), composto appartenente alla categoria degli psicodislettici o allucinogeni. Viene impiegato come stupefacente sotto forma di pastiglie da assumere per via orale. L’effetto è il cosiddetto “viaggio”, o trip, che inizia 1-2 ore dopo l’assunzione. Le modificazioni psichiche sono: distorsioni percettive, derealizzazione, depersonalizzazione, perdita dell’immagine corporea, scadimento del giudizio, allucinazioni di solito piacevoli (a volte terrificanti, con crisi di angoscia e comportamenti suicidiari). Le [...]
  • Litotrissìa
  • Sinonimo di [...]
  • Lucidità
  • Termine con cui in medicina viene genericamente indicata la conservazione dello stato di coscienza, cioè la consapevolezza di sé stessi e del [...]
  • Litoterapìa
  • Nella medicina omeopatica, metodo terapeutico che utilizza minerali e rocce diluiti e dinamizzati. È una terapia non tossica, che agisce sul terreno costituzionale del malato e tende a migliorare i processi metabolici perturbati per un blocco a livello enzimatico, cioè non per una vera e propria carenza di metalli e metalloidi, ma per una indisponibilità dell’organismo a utilizzare quegli ioni, che per qualche meccanismo particolare, pur essendo presenti nella dieta o somministrati in modo sufficiente, non possono essere attivati perché bloccati. Questo blocco degli ioni è detto chelazione e avviene per opera di una molecola organica che trattiene gli ioni stessi formando una nuova molecola da cui [...]
  • Losartan
  • Farmaco antipertensivo. Agisce come [...]
  • Laringe
  • Formazione anatomica situata nella parte centrale antero-superiore del collo; è l’organo della fonazione, nonché via respiratoria. Organo cavo, il suo scheletro è determinato dall'articolazione reciproca, per mezzo di legamenti, di varie strutture cartilaginee. Tra queste, le principali sono: la cartilagine tiroide, la cricoide, la epiglottide e le due aritenoidee. Le cartilagini tra loro, così come l'organo nel suo insieme, sono dotate di notevole mobilità, garantita anche da un ricco corredo muscolare. La cartilagine cricoide fa da elemento portante di tutta la struttura; sulla cartilagine tiroide si appoggia, in condizioni normali, parte della tiroide; le cartilagini aritenoidi entrano a far parte della costituzione delle corde vocali vere; la cartilagine epiglottide funziona come una valvola, che si abbassa per sbarrare al cibo e alla saliva l'accesso alla laringe durante la deglutizione, [...]
  • Lasègue, segno di
  • Comparsa di dolore di tipo sciatico in seguito all’elevazione dell’arto inferiore a ginocchio [...]
  • Leucemìe acute
  • Indice:FisiopatologiaClinicaDiagnosiTerapialeucemie caratterizzate dalla proliferazione di elementi cellulari immaturi della serie mieloide (granulociti e monociti; ma rientrano in questo gruppo anche le leucemie in cui c'è interessamento anche della serie eritroide) o di quella linfoide (linfociti). La leucemia insorge in seguito alla trasformazione maligna di un singolo progenitore emopoietico, seguita dalla replicazione cellulare e dalla espansione del clone trasformato. L'elemento scatenante la trasformazione non è ben conosciuto; un ruolo importante pare svolto dagli oncogeni. Per quanto riguarda la leucemia acuta mieloide, talora essa segue a una sindrome preleucemica o a una mielodisplasia.FisiopatologiaLa caratteristica fondamentale della cellula leucemica, rispetto alla corrispondente cellula normale, appare l’esaltata capacità proliferativa associata a una incapacità a maturare negli elementi cellulari adulti. L’accumulo nei tessuti ematopoietici di queste cellule indifferenziate (blasti) determina una inibizione dei processi che portano alla sintesi delle cellule normali del sangue (globuli rossi, globuli bianchi, piastrine). Le cellule leucemiche proliferano inizialmente nel midollo osseo, passano successivamente nel circolo vascolare per depositarsi a livello di vari tessuti e organi: linfonodi, fegato, milza, cute, visceri, sistema nervoso centrale. Clinica Nella maggior parte dei casi la malattia ha un inizio graduale, dominano i disturbi legati alla diminuita produzione delle cellule normali del sangue: anemia, infezioni, emorragie. Le infezioni costituiscono una delle complicazioni più temibili e sono direttamente correlate alla diminuzione del numero di granulociti normali che svolgono compiti di difesa immunitaria. Comuni sedi di infezione in corso di leucemìe acute sono: la pelle, le gengive, i polmoni (tipica la polmonite da Pneumocystis carinii dei soggetti immunocompromessi), le vie urinarie. Le emorragie appaiono direttamente correlate alla diminuita quantità di piastrine, eventualità che diventa particolarmente comune per valori di piastrine sotto le 20000 per ml. L’infiltrazione di organi quali il fegato e la milza ne può determinare un ingrandimento. L’ingrandimento delle ghiandole linfatiche appare più comune nelle forme linfoidi; in queste forme è abbastanza frequente anche l’interessamento del sistema nervoso centrale, con invasione delle meningi e del parenchima nervoso. Le leucemìe acute mieloidi sulla base dei differenti aspetti morfologici delle cellule blastiche vengono distinte in sette sottotipi (M1, M2, M3, M4, M5, M6, M7). Nell’ambito di questi sottotipi esistono lievi differenze nel decorso clinico e nelle modalità di esordio. Le leucemìe acute linfoidi, in relazione al loro aspetto morfologico, sono distinte in tre sottotipi (L1, L2, L3). La caratterizzazione immunologica e genetica ha permesso di stabilire che, nella maggioranza [...]
Seguici
facebook twitter google+ rss
Ricerca termini medici
Seguici su facebook
Questi termini medici li conosci?
Altri dizionari medici
do you network?