Ludwig, angina di. Significato del termine medico 'Ludwig, angina di' presente nel dizionario medico online gratuito.   
Dizionario medico online

Significato termine medico Ludwig, angina di

Infezione acuta sottocutanea della regione sottomandibolare e sublinguale. Ha origine in genere da infezioni dentarie da streptococco. Si presenta con febbre, edema del pavimento della bocca e della regione anteriore del collo. Il rigonfiamento della lingua impedisce la deglutizione, e talvolta viene compromessa la pervietà delle vie aeree. La terapia si avvale di antibiotici ad ampio spettro. In rari casi sono necessarie decompressione chirurgica o tracheostomia.Infezione acuta sottocutanea della regione sottomandibolare e sublinguale. Ha origine in genere da infezioni dentarie da streptococco. Si presenta con febbre, edema del pavimento della bocca



e della regione anteriore del collo. Il rigonfiamento della lingua impedisce la deglutizione, e talvolta viene compromessa la pervietà delle vie aeree. La terapia si avvale di antibiotici ad ampio spettro. In rari casi sono necessarie decompressione chirurgica o tracheostomia.

Commenti

Altri termini medici nel dizionario medico che iniziano con la 'L'

  • Linfàtico, sistema
  • Complesso dei capillari, dei vasi, dei tessuti formati da cellule linfatiche e degli organi che presiedono alla produzione di linfociti e provvedono alla circolazione della linfa nell’organismo. I vasi linfatici hanno una sottile parete endoteliale: la linfa fluisce per la pressione esercitata dai movimenti degli organi circostanti; numerose valvole ne impediscono il riflusso. Sul decorso dei vasi linfatici si trovano i linfonodi (o gangli linfatici), masserelle di tessuto linfatico che producono leucociti e sono stazioni di difesa immunitaria dell’organismo. Una rete di vasi linfatici superficiali, collegati con una rete profonda, accoglie i vasi linfatici intestinali e dei visceri e in essa si trovano cisterne linfatiche confluenti con pochi vasi nei grossi tronchi venosi, nelle vicinanze del cuore; i vasi linfatici o chiliferi dei villi intestinali si raccolgono nell’addominale cisterna di Pecquet, da cui [...]
  • Langhans, cèllule di
  • Grosse cellule polinucleate rinvenibili nei granulomi tubercolari; sono caratterizzate dalla presenza di fenomeni degenerativi nella [...]
  • Làtero-laterale
  • Indice:si dice della ricongiunzione chirurgica tra organi cavi (per esempio, tubo digerente, vasi sanguigni), dopo l’asportazione parziale per patologie varie: in questo caso l’anastomosi avviene tra [...]
  • Lacuna
  • In anatomia, sinonimo di cavità, orifizio. Per esempio, lo spazio sottostante al legamento inguinale viene diviso dalla benderella ileopettinea in una porzione laterale, la lacuna [...]
  • Labiale
  • Si dice di formazione anatomica relativa alle labbra (inteso come plurale di labbro): per esempio, arterie labiale, rami collaterali superiore e [...]
  • Lisozima
  • Enzima presente nelle secrezioni lacrimali, nella saliva e nel siero in grado di distruggere la membrana cellulare dei batteri. È considerato una delle più importanti sostanze fisiologiche di difesa antinfettiva, preposta [...]
  • Laringocele
  • Malformazione della laringe, per cui si forma una sacca aerea -anche detta ernia pneumatica- endolaringea (laringocele interno) o in regione cervicale (laringocele esterno) o in ambedue (laringocele misto). Può essere [...]
  • Laringectomìa
  • Intervento chirurgico di asportazione parziale o totale della laringe, che si effettua in caso di tumori maligni. Le laringectomìe parziali sono interventi mirati, oltre che alla guarigione definitiva dalla patologia tumorale (alcuni autori ritengono opportuno far seguire le laringectomìe parziali da un trattamento radioterapico postoperatorio) alla conservazione o restaurazione dell'importante funzione sfinterica dell'organo e quindi della respirazione, della fonazione e della [...]
  • Lattazione
  • Periodo durante il quale la ghiandola mammaria secerne il latte. Nella donna [...]
  • Lussazione
  • Perdita dei rapporti reciproci tra i capi articolari di un’articolazione. Può essere di natura traumatica, patologica o congenita. La lussazione traumatica interessa con maggior frequenza le articolazioni di spalla, gomito, dita, anca e ginocchio. Si manifesta con dolore, deformazione della regione articolare e impossibilità dei movimenti. Le lussazioni traumatiche devono essere curate entro le prime 24-48 ore: i capi articolari devono essere riportati in posizione corretta e l’articolazione va immobilizzata per 15-20 giorni. Se si tarda il trattamento, la lussazione tende a diventare irriducibile (per le alterazioni fibrose che si realizzano nel cavo articolare) e tale da richiedere un intervento chirurgico. Le lussazioni patologiche sono quelle conseguenti ad altre malattie: masse tumorali, artriti, paralisi e contratture muscolari ecc. Le lussazioni congenite sono quelle presenti sin dalla nascita. La forma più frequente in assoluto è la lussazione congenita dell’anca, caratterizzata da una alterazione dei [...]
Seguici
facebook twitter google+ rss
Ricerca termini medici
Seguici su facebook
Questi termini medici li conosci?
Altri dizionari medici
do you network?