Mano. Significato del termine medico 'Mano' presente nel dizionario medico online gratuito.   
Dizionario medico online

Significato termine medico Mano

Parte terminale degli arti superiori, strutturata in modo da poter eseguire la cosiddetta presa di precisione (capacità esclusiva dell’uomo). La mano si articola con l’avambraccio al polso; ha una superficie dorsale, o volare, e una palmare (cavo della mano); termina con le dita. La cute del dorso della mano è sottile e ricca di peli, mentre quella del palmo è più spessa, glabra e ricca di rilievi, di solchi e di pieghe più o meno profonde, nonché di piccolissime creste dermiche (dermatoglifi). L’impalcatura scheletrica della mano è costituita da 27 ossa, suddivise in tre gruppi: il carpo, il metacarpo e lo scheletro delle dita. La struttura scheletrica della mano comprende le cosiddette ossa sesamoidi (non più grandi di un grano di sesamo), che in numero variabile, e in genere non superiore a 7, si trovano in prossimità delle articolazioni. I muscoli, 19 in tutto, assicurano i movimenti della mano e delle dita; si impiantano sull’impalcatura scheletrica della mano e in parte sulle ossa dell’avambraccio, e possono essere suddivisi in tre gruppi, collocati in tre diverse logge, l’esterna, l’interna, la mediana. I gruppi muscolari sono avvolti in fasce che provengono da una comune aponeurosi palmare. Determinano due rilevatezze della superficie palmare, denominate eminenza tenar ed eminenza ipotenar (situate, rispettivamente, in corrispondenza del 1° e del 5° dito). L’irrorazione sanguigna della mano è assicurata da ramificazioni delle arterie radiale e ulnare, che formano due arterie digitali; il sangue refluo è poi raccolto da due grossi vasi venosi che raggiungono le vene ulnari e radiali. La mano è sede del tatto per la presenza di terminazioni nervose sensitive nel palmo e soprattutto sui polpastrelli delle dita.Parte terminale degli arti superiori, strutturata in modo da poter eseguire la cosiddetta presa di precisione (capacità esclusiva dell’uomo). La mano si articola con l’avambraccio al



polso; ha una superficie dorsale, o volare, e una palmare (cavo della mano); termina con le dita. La cute del dorso della mano è sottile e ricca di peli, mentre quella del palmo è più spessa, glabra e ricca di rilievi, di solchi e di pieghe più o meno profonde, nonché di piccolissime creste dermiche (dermatoglifi). L’impalcatura scheletrica della mano è costituita da 27 ossa, suddivise in tre gruppi: il carpo, il metacarpo e lo scheletro delle dita. La struttura scheletrica della mano comprende le cosiddette ossa sesamoidi (non più grandi di un grano di sesamo), che in numero variabile, e in genere non superiore a 7, si trovano in prossimità delle articolazioni. I muscoli, 19 in tutto, assicurano i movimenti della mano e delle dita; si impiantano sull’impalcatura scheletrica della mano e in parte sulle ossa dell’avambraccio, e possono essere suddivisi in tre gruppi, collocati in tre diverse logge, l’esterna, l’interna, la mediana. I gruppi muscolari sono avvolti in fasce che provengono da una comune aponeurosi palmare. Determinano due rilevatezze della superficie palmare, denominate eminenza tenar ed eminenza ipotenar (situate, rispettivamente, in corrispondenza del 1° e del 5° dito). L’irrorazione sanguigna della mano è assicurata da ramificazioni delle arterie radiale e ulnare, che formano due arterie digitali; il sangue refluo è poi raccolto da due grossi vasi venosi che raggiungono le vene ulnari e radiali. La mano è sede del tatto per la presenza di terminazioni nervose sensitive nel palmo e soprattutto sui polpastrelli delle dita.

Commenti

Altri termini medici nel dizionario medico che iniziano con la 'M'

  • Morte improvvisa
  • Morte naturale che si verifica senza che sia identificabile una sintomatologia clinica, diagnosticamente utilizzabile, in soggetti che non presentano fenomeni morbosi tali da far prevedere il decesso a breve scadenza: si tratta, in pratica, della morte rapida, rapidissima o quasi fulminea di soggetti in apparenti condizioni di buona salute. È questo un evento di interesse medico-legale, poiché è necessario comprovare che la morte è dovuta a cause naturali, escludendo l'intervento di qualsiasi fattore lesivo esogeno anche solo concausale: per tali motivi, la diagnosi di morte improvvisa può scaturire solo al termine di tutte le indagini circostanziali, anatomo-patologiche ed eventualmente chimico-tossicologiche necessarie. Per lo più, queste dimostrano l'esistenza di insospettate o sottovalutate [...]
  • Montelukast
  • Farmaco antagonista dei leucotrieni, utilizzato nella terapia dell’asma. E' inserito nella terapia dell'asma di grado moderato-severo in quanto è in grado [...]
  • Microcurie
  • Sottomultiplo del [...]
  • Metacarpo
  • Porzione dello scheletro della mano, formata dalle cinque ossa metarcapali, [...]
  • Monouso
  • Si dice di attrezzature sanitarie destinate a essere utilizzate una sola volta e a essere gettate dopo l’impiego. Il materiale monouso consente di garantire la perfetta sterilità del contenuto delle confezioni, di [...]
  • Mammella, tumori della
  • Indice:Tumori benigniTumori maligniEpidemiologiaFattori di rischioAnatomia patologicaClinicaDiagnosiStadiazioneTerapiatumori a carattere benigno o maligno che colpiscono la mammella.Tumori benigniÈ possibile distinguere: displasie mammarie, lesioni pseudotumorali (mastiti, galattocele ecc.) e tumori benigni. Questi ultimi sono classificati in: fibroadenoma e adenoma semplice (che interessano prevalentemente donne giovani); papilloma intraduttale e tumore filloide (che colpiscono più spesso donne tra i 40 e i 50 anni). Costituiti da piccoli nodi di dimensioni variabili (da un chicco d’uva a una noce), solitamente non causano dolore, possono ingrandirsi in gravidanza o subito prima della menopausa. Il papilloma intraduttale può dare secrezione ematica dal capezzolo, il tumore filloide può ingrandirsi molto rapidamente fino a raggiungere dimensioni tali da modificare il profilo della mammella. Alcuni di questi tumori possono trasformarsi in maligni, perciò la terapia è sempre chirurgica.Tumori maligniFra i tumori maligni che colpiscono la donna, quelli localizzati alla mammella -e, tra questi, i carcinomi che originano direttamente dalla ghiandola mammaria- sono i più frequenti. È necessario formulare una diagnosi precoce e soprattutto informare le donne sull’importanza dell’autopalpazione periodica come pratica che la rende possibile. Spesso è proprio la donna la prima ad accorgersi della presenza di un’irregolarità (sotto forma di nodulo) all’interno della mammella, e in tal caso è necessario recarsi dal medico cui spetterà di suggerire i provvedimenti più adeguati. EpidemiologiaOgni anno in Italia oltre 11.000 donne muoiono di cancro mammario. L'incidenza nelle varie regioni italiane ha un netto gradiente Nord-Sud (nel senso che al Nord è maggiore), analogamente a quanto avviene nel resto del mondo, dove questo tumore è tanto più diffuso quanto maggiore è il grado di occidentalizzazione dei vari paesi (industrializzazione e abitudini di vita, soprattutto alimentari, parrebbero coinvolte). Il rischio aumenta con l'età: la più colpita è quella intorno alla menopausa, anche se negli ultimi anni si è constatato un aumento della frequenza nelle donne più giovani. Fattori di rischioNon è possibile individuare uno specifico sottogruppo a rischio: disponiamo di dati sui singoli. Il rischio è tanto minore quanto più tardivo è il menarca e precoce la menopausa (minor esposizione agli estrogeni). Il rischio è tanto minore quante più gravidanze una donna ha avuto e quanto più precoce è stata la prima. L'obesità è un rischio solo dopo la menopausa. Il rischio è tanto maggiore quanto maggiore è la dose cumulativa di radiazioni toraciche a cui la donna è stata esposta e quanto più precoce è stata l'esposizione (soprattutto prima dei 20 anni). Alcol e alimentazione sono fattori di rischio in relazione alla quantità di calorie introdotte e alla percentuale di queste in lipidi animali. Per quanto riguarda i contraccettivi orali, non ci sono risposte definitive. La terapia ormonale perimenopausale a base di soli estrogeni per os è associata a un modesto aumento del rischio ma non v'è consenso unanime su quanti anni di terapia siano necessari per provocare questo effetto neoplastico; per le somministrazioni transdermiche (cerotti) è ancora troppo presto per trarre conclusioni; l'aggiunta di progestinici ha fornito dati discordanti. Una familiarità vera, legata a fattori genetici ereditari, è rara ma esiste; non va confusa tout-court con la presenza di più casi di tumore della mammella nella stessa famiglia, perché questa può essere casuale o legata a fattori ambientali. Le donne in età fertile che consumano regolarmente e in quantità elevata cibi contenenti grassi animali sono maggiormente a rischio di tumore della mammella, come suggerisce uno studio iniziato nel 1991 su larga scale su donne di età compresa tra 26 e 46 anni, che avevano già partecipato al trial Nurses’ Health Study II, in cui è stata valutata l’associazione tra il consumo di cibi ricchi in grassi e il carcinoma mammario. E' risultato che non è la quantità ma il tipo di grasso, ossia animale o vegetale. Le donne che hanno consumato elevate quantità di grassi animali - soprattutto carne rossa e prodotti caseari - rischiavano, rispetto a quelle che assumevano grassi vegetali, il 54% in più di manifestare il tumore. Anche se è noto che una volta ingeriti i grassi sono in grado di aumentare i livelli di alcuni ormoni coinvolti nello sviluppo del cancro della mammella, non sono ancora stati chiariti i meccanismi per cui unicamente i grassi animali e non quelli vegetali siano correlati a tale neoplasia.Anatomia patologicaIl carcinoma della mammella deriva dalle [...]
  • Melissa
  • (Melissa officinalis, famiglia Labiate), erba perenne, comune negli orti e nei giardini. Si usano in terapia le sommità fiorite, che contengono un olio essenziale ricco di terpeni, tra cui citronella e citrale, e tannini. È [...]
  • Metaboliche, malattie
  • Insieme delle patologie dovute ad alterazioni di determinati [...]
  • Millard-Gubler, sìndrome di
  • Sindrome alterna cerebrale dovuta a lesioni, più frequentemente tumorali, del ponte di Varolio. La lesione interessa il fascio piramidale e il nucleo o la radice del VII (e talora VI) nervo cranico. Si ha quindi emiplegia del corpo dal lato opposto [...]
  • Manìaco-depressiva, psicosi
  • Vedi psicosi [...]
Seguici
facebook twitter google+ rss
Ricerca termini medici
Seguici su facebook
Questi termini medici li conosci?
Altri dizionari medici
do you network?