Maxillofacciali, fratture. Significato del termine medico 'Maxillofacciali, fratture' presente nel dizionario medico online gratuito.   
Dizionario medico online

Significato termine medico Maxillofacciali, fratture

Interruzione della continuità di ossa dello scheletro maxillo-facciale; intervengono come conseguenza di incidenti stradali, infortuni sul lavoro, eventi traumatici vari. Si tratta di fratture della mandibola, del mascellare superiore, di fratture associate o di fratture del complesso orbitale e mascellare. La frattura della mandibola è la più frequente ed è determinata da fattori traumatici, o da processi patologici. Nel primo caso la sede è varia, riguardante i vari punti di minor resistenza della mandibola; la sintomatologia consiste in tumefazione, dolore spontaneo, senso di crepitio, ecchimosi regionale e insufficienza funzionale. La terapia prevede la riduzione, la contenzione o interventi chirurgici di osteosintesi o cerchiaggio. Le fratture patologiche possono derivare da fattori locali (processi infettivi aspecifici e specifici, tumori maligni e benigni, cisti, ritenzione dentaria) e generali (osteomalacia e osteopetrosi, iperparatiroidismo, osteoporosi senile, tossicosi professionali da fosforo o da fluoro). Le fratture dell’osso mascellare superiore possono essere parziali, totali o multiple. Tra quelle totali si distinguono: fratture trasversali, con distacco del palato e dei processi alveolari (tipo I di Le Fort), della parte centrale dello scheletro facciale (tipo II di Le Fort) o distacco simultaneo del mascellare superiore, del naso e degli zigomi (tipo III di Le Fort); e fratture sagittali, con divisione dei due mascellari.Interruzione della continuità di ossa dello scheletro maxillo-facciale; intervengono come conseguenza di incidenti stradali, infortuni sul lavoro, eventi traumatici vari. Si tratta di fratture della mandibola,



del mascellare superiore, di fratture associate o di fratture del complesso orbitale e mascellare. La frattura della mandibola è la più frequente ed è determinata da fattori traumatici, o da processi patologici. Nel primo caso la sede è varia, riguardante i vari punti di minor resistenza della mandibola; la sintomatologia consiste in tumefazione, dolore spontaneo, senso di crepitio, ecchimosi regionale e insufficienza funzionale. La terapia prevede la riduzione, la contenzione o interventi chirurgici di osteosintesi o cerchiaggio. Le fratture patologiche possono derivare da fattori locali (processi infettivi aspecifici e specifici, tumori maligni e benigni, cisti, ritenzione dentaria) e generali (osteomalacia e osteopetrosi, iperparatiroidismo, osteoporosi senile, tossicosi professionali da fosforo o da fluoro). Le fratture dell’osso mascellare superiore possono essere parziali, totali o multiple. Tra quelle totali si distinguono: fratture trasversali, con distacco del palato e dei processi alveolari (tipo I di Le Fort), della parte centrale dello scheletro facciale (tipo II di Le Fort) o distacco simultaneo del mascellare superiore, del naso e degli zigomi (tipo III di Le Fort); e fratture sagittali, con divisione dei due mascellari.

Commenti

Altri termini medici nel dizionario medico che iniziano con la 'M'

  • Meningea media, arteria
  • Ramo dell’arteria mascellare interna; penetra nel cranio attraverso il foro piccolo rotondo per dirigere le proprie [...]
  • Metanolo
  • Sinonimo di alcol [...]
  • Murphy, segno di
  • Segno diagnostico caratterizzato dall'arresto doloroso della inspirazione di un paziente invitato a inspirare profondamente (in decubito supino), se con la mano a piatto viene esercitata una pressione sul punto cistico; questo è reperibile considerando, a livello dell'arco costale destro, l'inserzione del margine esterno del [...]
  • Miocamicina
  • Farmaco antibiotico ad ampio spettro appartenente alla famiglia dei macrolidi, dotato di azione batteriostatica e battericida, a seconda della concentrazione impiegata. I suoi vantaggi principali sono costituiti dalla discreta la tollerabilità [...]
  • Meso
  • Piega o lamina formata da due foglietti peritoneali accostati che avvolgono i visceri a partire dalla parete addominale. Nell’adulto i mesi fondamentali sono il mesentere per l’intestino tenue, il mesocolon per il colon trasverso, il [...]
  • Mastopatìa fibrocìstica
  • Indice:(o mastosi cistica, o fibrosi cistica iperplastica), displasia mammaria contrassegnata da fenomeni ipertrofici e iperplastici sia dell'epitelio ghiandolare che del connettivo interstiziale: è legata, almeno in parte, a una predisposizione costituzionale, che determina una anomala risposta del tessuto mammario ai normali stimoli estrogenici. La mammella o le mammelle colpite appaiono caratterizzate dalla presenza di piccole cisti, in mezzo alle quali si trova tessuto connettivale di aumentato volume e consistenza. Se bilaterale, interessa diffusamente le mammelle; se monolaterale, predilige l’area supero-esterna. All’interno delle cisti ci può essere liquido trasparente o sangue. Sintomo più frequente è il dolore, che può aumentare alla palpazione o nel periodo che precede le mestruazioni (mastodinia). La mastopatìa fibrocìstica, più frequente nelle donne in età fertile, va controllata [...]
  • Mequitozina
  • Farmaco antistaminico anti-H1 con attività abbastanza ampia, oltre che sull'istamina, anche su altri mediatori chimici come acetilcolina [...]
  • MSH
  • Sigla di Melanocyte Stimulating Hormone, o melanotropina, ormone prodotto in due forme (alfa e beta) dall’ipofisi, più precisamente - nella specie umana - dalle cellule che producono l’ACTH. In particolare, le cellule ipofisarie corticotrope producono una molecola, la pro-opiomelanocortina o POMC, che [...]
  • Metatarso
  • Porzione dello scheletro del piede, posta tra il tarso e le dita, corrispondente all’impalcatura ossea della pianta. È costituito da cinque [...]
  • Mercuriale
  • Farmaco contenente [...]
Seguici
facebook twitter google+ rss
Ricerca termini medici
Seguici su facebook
Questi termini medici li conosci?
Altri dizionari medici
do you network?