Megestrolo. Significato del termine medico 'Megestrolo' presente nel dizionario medico online gratuito.   
Dizionario medico online

Significato termine medico Megestrolo

Farmaco ormonale di tipo progestinico, ad azione quindi prevalentemente antiestrogena. È indicato soprattutto nel trattamento di neoplasie ormono-sensibili, come il carcinoma mammario e quello dell’endometrio; è stato peraltro utilizzato in studi controllati anche in stadi avanzati di altri tipi di neoplasie, a scopo palliativo cenestesico e con buoni risultati clinici. Può dare, come effetti collaterali, ritenzione idrica, alterazione della funzionalità epatica, tromboflebiti.Farmaco ormonale di tipo progestinico, ad azione quindi prevalentemente antiestrogena. È indicato soprattutto nel trattamento di neoplasie ormono-sensibili, come il carcinoma mammario e quello dell’endometrio; è



stato peraltro utilizzato in studi controllati anche in stadi avanzati di altri tipi di neoplasie, a scopo palliativo cenestesico e con buoni risultati clinici. Può dare, come effetti collaterali, ritenzione idrica, alterazione della funzionalità epatica, tromboflebiti.

Commenti

Altri termini medici nel dizionario medico che iniziano con la 'M'

  • Matrice del follìcolo pilìfero
  • (o matrice germinale del pelo), parte della radice del pelo, costituita da un [...]
  • Marisca
  • Masserella di tessuto cicatriziale, elastico, non dolente, che si forma intorno [...]
  • Mycobactèrium leprae
  • (o bacillo di Hansen), bacillo della famiglia Micobatteriacee, gram-positivo, asporigeno, aerobio, immobile. [...]
  • Malassorbimento
  • Condizione patologica in cui si ha una riduzione della capacità di assorbimento di alcune, o di gran parte, delle sostanze da parte dell’intestino tenue. Tale condizione può rappresentare un'entità patologica maggiore, costitutiva di vere e proprie sindromi da malassorbimento cronico, oppure comparire come effetto collaterale di condizioni cliniche o terapeutiche transitorie. Le cause possono essere, infatti, numerose: difetti della mucosa intestinale (morbo celiaco, morbo di Crohn, sprue tropicale, morbo di Whipple); ostruzione linfatica (tubercolosi, linfoma); affezioni cardiovascolari (ischemia intestinale, stasi venosa in corso di scompenso cardiaco); infezioni (parassitosi, sindrome dell’ansa cieca); deficit di sali biliari (cirrosi, colestasi); assunzione di farmaci (neomicina, lassativi, colestiramina, antibiotici a largo spettro e numerosi altri); conseguenze di interventi chirurgici o di traumi (sindrome da intestino corto); patologie varie (diabete, sindrome da carcinoide, ipertiroidismo, pancreatopatie, fibrosi cistica). Il [...]
  • Massetere
  • Muscolo della guancia, inserito da un lato sull’arcata zigomatica e dall’altro sulla faccia esterna [...]
  • Microcefalìa
  • Indice:circonferenza cranica di dimensioni più piccole rispetto ai valori normali per la [...]
  • Malva
  • (Malva silvestris, famiglia Malvacee), pianta medicinale di cui si usano in terapia i fiori o l’intero. I principali costituenti sono le mucillagini. Ha azione perlopiù emolliente e bechica: è quindi usata nelle [...]
  • Mallèolo
  • Ciascuna delle due sporgenze ossee ben visibili situate all’estremità della gamba su entrambi i lati della caviglia. Il mallèolo interno o mediale è formato [...]
  • Mammella, tumori della
  • Indice:Tumori benigniTumori maligniEpidemiologiaFattori di rischioAnatomia patologicaClinicaDiagnosiStadiazioneTerapiatumori a carattere benigno o maligno che colpiscono la mammella.Tumori benigniÈ possibile distinguere: displasie mammarie, lesioni pseudotumorali (mastiti, galattocele ecc.) e tumori benigni. Questi ultimi sono classificati in: fibroadenoma e adenoma semplice (che interessano prevalentemente donne giovani); papilloma intraduttale e tumore filloide (che colpiscono più spesso donne tra i 40 e i 50 anni). Costituiti da piccoli nodi di dimensioni variabili (da un chicco d’uva a una noce), solitamente non causano dolore, possono ingrandirsi in gravidanza o subito prima della menopausa. Il papilloma intraduttale può dare secrezione ematica dal capezzolo, il tumore filloide può ingrandirsi molto rapidamente fino a raggiungere dimensioni tali da modificare il profilo della mammella. Alcuni di questi tumori possono trasformarsi in maligni, perciò la terapia è sempre chirurgica.Tumori maligniFra i tumori maligni che colpiscono la donna, quelli localizzati alla mammella -e, tra questi, i carcinomi che originano direttamente dalla ghiandola mammaria- sono i più frequenti. È necessario formulare una diagnosi precoce e soprattutto informare le donne sull’importanza dell’autopalpazione periodica come pratica che la rende possibile. Spesso è proprio la donna la prima ad accorgersi della presenza di un’irregolarità (sotto forma di nodulo) all’interno della mammella, e in tal caso è necessario recarsi dal medico cui spetterà di suggerire i provvedimenti più adeguati. EpidemiologiaOgni anno in Italia oltre 11.000 donne muoiono di cancro mammario. L'incidenza nelle varie regioni italiane ha un netto gradiente Nord-Sud (nel senso che al Nord è maggiore), analogamente a quanto avviene nel resto del mondo, dove questo tumore è tanto più diffuso quanto maggiore è il grado di occidentalizzazione dei vari paesi (industrializzazione e abitudini di vita, soprattutto alimentari, parrebbero coinvolte). Il rischio aumenta con l'età: la più colpita è quella intorno alla menopausa, anche se negli ultimi anni si è constatato un aumento della frequenza nelle donne più giovani. Fattori di rischioNon è possibile individuare uno specifico sottogruppo a rischio: disponiamo di dati sui singoli. Il rischio è tanto minore quanto più tardivo è il menarca e precoce la menopausa (minor esposizione agli estrogeni). Il rischio è tanto minore quante più gravidanze una donna ha avuto e quanto più precoce è stata la prima. L'obesità è un rischio solo dopo la menopausa. Il rischio è tanto maggiore quanto maggiore è la dose cumulativa di radiazioni toraciche a cui la donna è stata esposta e quanto più precoce è stata l'esposizione (soprattutto prima dei 20 anni). Alcol e alimentazione sono fattori di rischio in relazione alla quantità di calorie introdotte e alla percentuale di queste in lipidi animali. Per quanto riguarda i contraccettivi orali, non ci sono risposte definitive. La terapia ormonale perimenopausale a base di soli estrogeni per os è associata a un modesto aumento del rischio ma non v'è consenso unanime su quanti anni di terapia siano necessari per provocare questo effetto neoplastico; per le somministrazioni transdermiche (cerotti) è ancora troppo presto per trarre conclusioni; l'aggiunta di progestinici ha fornito dati discordanti. Una familiarità vera, legata a fattori genetici ereditari, è rara ma esiste; non va confusa tout-court con la presenza di più casi di tumore della mammella nella stessa famiglia, perché questa può essere casuale o legata a fattori ambientali. Le donne in età fertile che consumano regolarmente e in quantità elevata cibi contenenti grassi animali sono maggiormente a rischio di tumore della mammella, come suggerisce uno studio iniziato nel 1991 su larga scale su donne di età compresa tra 26 e 46 anni, che avevano già partecipato al trial Nurses’ Health Study II, in cui è stata valutata l’associazione tra il consumo di cibi ricchi in grassi e il carcinoma mammario. E' risultato che non è la quantità ma il tipo di grasso, ossia animale o vegetale. Le donne che hanno consumato elevate quantità di grassi animali - soprattutto carne rossa e prodotti caseari - rischiavano, rispetto a quelle che assumevano grassi vegetali, il 54% in più di manifestare il tumore. Anche se è noto che una volta ingeriti i grassi sono in grado di aumentare i livelli di alcuni ormoni coinvolti nello sviluppo del cancro della mammella, non sono ancora stati chiariti i meccanismi per cui unicamente i grassi animali e non quelli vegetali siano correlati a tale neoplasia.Anatomia patologicaIl carcinoma della mammella deriva dalle [...]
  • Mastite
  • Processo infiammatorio, acuto o cronico, delle ghiandole della mammella.Si riconoscono varie forme di mastite: acuta, suppurativa (stafilococcica, soprattutto durante l'allattamento; streptococcica, durante l'allattamento o in corso di erisipela) o non infettiva, talora collegata con irregolarità del ciclo mestruale; cronica, tubercolare o luetica. Va sempre ben distinta dalle infiammazioni che interessano sottostanti processi tumorali della mammella. Il quadro clinico più frequente è quello che si manifesta durante l’allattamento e è causato da un’infezione batterica (l'agente patogeno più frequentemente coinvolto in questi casi è lo Staphylococcus aureus) che deriva alla madre solitamente dal neonato stesso e che può trasmettersi alle ghiandole attraverso un’ulcerazione o una ragade di un capezzolo. Il processo può estendersi verso l’interno o in superficie, e dare origine a fistole cutanee. Il dolore è il sintomo fondamentale, spesso accompagnato da febbre; una mastite semplice determina solo [...]
Seguici
facebook twitter google+ rss
Ricerca termini medici
Seguici su facebook
Questi termini medici li conosci?
Altri dizionari medici
do you network?