Metimazolo. Significato del termine medico 'Metimazolo' presente nel dizionario medico online gratuito.   
Dizionario medico online

Significato termine medico Metimazolo

Farmaco tireostatico del gruppo delle tioamidi, utilizzato nella terapia degli stati tireotossici. Il metimazolo blocca infatti la sintesi di T3 e T4, e è indicato nell’ipertiroidismo. Il metimazolo viene assunto per via orale: le dosi d'attacco sono piuttosto elevate, ma possono essere gradualmente ridotte a quelle cosiddette di mantenimento. La riduzione della posologia alle dosi di mantenimento viene attuata dopo la normalizzazione dei livelli di FT3 e FT4 (le frazioni libere di T3 e T4, il cui dosaggio ha ormai sostituito il dosaggio degli ormoni tiroidei totali) e del quadro clinico, che si ottiene solitamente in 4-6 settimane. Ha minori effetti collaterali rispetto ad altri antitiroidei e maggiore durata d'azione.Farmaco tireostatico del gruppo delle tioamidi, utilizzato nella terapia degli stati tireotossici. Il metimazolo blocca infatti la sintesi di T3 e T4, e è indicato nell’ipertiroidismo.



Il metimazolo viene assunto per via orale: le dosi d'attacco sono piuttosto elevate, ma possono essere gradualmente ridotte a quelle cosiddette di mantenimento. La riduzione della posologia alle dosi di mantenimento viene attuata dopo la normalizzazione dei livelli di FT3 e FT4 (le frazioni libere di T3 e T4, il cui dosaggio ha ormai sostituito il dosaggio degli ormoni tiroidei totali) e del quadro clinico, che si ottiene solitamente in 4-6 settimane. Ha minori effetti collaterali rispetto ad altri antitiroidei e maggiore durata d'azione.

Commenti

Altri termini medici nel dizionario medico che iniziano con la 'M'

  • Midrìasi
  • Dilatazione della pupilla dovuta a condizioni fisiologiche (nella visione lontana e quando l’illuminazione dell’ambiente è scarsa), o patologiche (irritazione del simpatico cervicale, paralisi dello sfintere irideo per lesione dei nervi oculomotori o dei loro nuclei ecc.). Può anche essere indotta artificialmente tramite l'instillazione endooculare di atropina o altri farmaci midriatici, [...]
  • Mucina
  • Glicoproteina che costituisce il principale componente del muco e che si trova anche nel secreto delle ghiandole digestive e nel [...]
  • Micella
  • Struttura che deriva dalla disposizione di molecole lipidiche in ambiente acquoso e consiste in microsfere di grassi in [...]
  • Metabolismo
  • Indice:Metabolismo basale e fabbisogno energeticoinsieme dei processi biochimici ed energetici che si svolgono negli organismi viventi. Nelle trasformazioni chimiche che continuamente hanno luogo nell’organismo si possono riconoscere due fasi: processi di demolizione o scissione (catabolismo), attraverso i quali le sostanze vengono trasformate in molecole più piccole con conseguente liberazione di energia, e processi di sintesi o costruzione (anabolismo), attraverso i quali vengono prodotte sostanze più grandi e complesse a partire da molecole elementari, con consumo di energia. L’energia liberata nel corso dei processi di demolizione viene in parte ceduta all’organismo sotto forma di calore, in parte riutilizzata per la costruzione di nuove molecole. Gli alimenti ingeriti vanno incontro a un metabolismo che è finalizzato allo sfruttamento dell’energia in essi contenuta: tale energia viene utilizzata soprattutto sotto forma di calore, per mantenere stabile la temperatura corporea a 37 °C, e sotto forma di energia meccanica, necessaria per il lavoro muscolare.Metabolismo basale e fabbisogno energeticoIl metabolismo basale corrisponde all’energia minima richiesta dall’organismo in stato di riposo fisico, digestivo ed emozionale. Esso è influenzato da vari fattori: la superficie corporea (infatti è maggiore negli individui di corporatura piccola perché possiedono una superficie corporea proporzionalmente più estesa), l’età (il metabolismo basale è maggiore nel lattante e minore nell’anziano), il sesso (è inferiore [...]
  • Melissa
  • (Melissa officinalis, famiglia Labiate), erba perenne, comune negli orti e nei giardini. Si usano in terapia le sommità fiorite, che contengono un olio essenziale ricco di terpeni, tra cui citronella e citrale, e tannini. È [...]
  • Morfea
  • Lesione cutanea a chiazze di tipo [...]
  • Melanodermìa
  • Aumento diffuso della pigmentazione cutanea; può riscontrarsi in alcune dermatosi, disendocrinie (per esempio, morbo di Addison), malattie infettive, intossicazioni da medicamenti (specie da arsenico), carenze vitaminiche (pellagra). La terapia si attua curando la malattia fondamentale. [...]
  • Mente
  • Il complesso delle facoltà o funzioni [...]
  • Malva
  • (Malva silvestris, famiglia Malvacee), pianta medicinale di cui si usano in terapia i fiori o l’intero. I principali costituenti sono le mucillagini. Ha azione perlopiù emolliente e bechica: è quindi usata nelle [...]
  • Mascheramento
  • Accorgimento utilizzato in audiometria, nella ricerca dei valori di soglia sia per via aerea che per via ossea; si tratta di realizzare un isolamento acustico dell'orecchio non esaminato al fine di ottenere [...]
Seguici
facebook twitter google+ rss
Ricerca termini medici
Seguici su facebook
Questi termini medici li conosci?
Altri dizionari medici
do you network?