Metimazolo. Significato del termine medico 'Metimazolo' presente nel dizionario medico online gratuito.   
Dizionario medico online

Significato termine medico Metimazolo

Farmaco tireostatico del gruppo delle tioamidi, utilizzato nella terapia degli stati tireotossici. Il metimazolo blocca infatti la sintesi di T3 e T4, e è indicato nell’ipertiroidismo. Il metimazolo viene assunto per via orale: le dosi d'attacco sono piuttosto elevate, ma possono essere gradualmente ridotte a quelle cosiddette di mantenimento. La riduzione della posologia alle dosi di mantenimento viene attuata dopo la normalizzazione dei livelli di FT3 e FT4 (le frazioni libere di T3 e T4, il cui dosaggio ha ormai sostituito il dosaggio degli ormoni tiroidei totali) e del quadro clinico, che si ottiene solitamente in 4-6 settimane. Ha minori effetti collaterali rispetto ad altri antitiroidei e maggiore durata d'azione.Farmaco tireostatico del gruppo delle tioamidi, utilizzato nella terapia degli stati tireotossici. Il metimazolo blocca infatti la sintesi di T3 e T4, e è indicato nell’ipertiroidismo.



Il metimazolo viene assunto per via orale: le dosi d'attacco sono piuttosto elevate, ma possono essere gradualmente ridotte a quelle cosiddette di mantenimento. La riduzione della posologia alle dosi di mantenimento viene attuata dopo la normalizzazione dei livelli di FT3 e FT4 (le frazioni libere di T3 e T4, il cui dosaggio ha ormai sostituito il dosaggio degli ormoni tiroidei totali) e del quadro clinico, che si ottiene solitamente in 4-6 settimane. Ha minori effetti collaterali rispetto ad altri antitiroidei e maggiore durata d'azione.

Commenti

Altri termini medici nel dizionario medico che iniziano con la 'M'

  • Muco
  • Sostanza viscosa, biancastra, secreta dalle ghiandole mucipare e dalle cellule caliciformi sparse tra le cellule epiteliali di rivestimento delle membrane mucose dell'apparato digerente, di [...]
  • Mioma
  • Tumore benigno costituito da tessuto muscolare liscio (leiomioma) o striato (rabdomioma). Il più noto tra i leiomiomi [...]
  • Morte improvvisa
  • Morte naturale che si verifica senza che sia identificabile una sintomatologia clinica, diagnosticamente utilizzabile, in soggetti che non presentano fenomeni morbosi tali da far prevedere il decesso a breve scadenza: si tratta, in pratica, della morte rapida, rapidissima o quasi fulminea di soggetti in apparenti condizioni di buona salute. È questo un evento di interesse medico-legale, poiché è necessario comprovare che la morte è dovuta a cause naturali, escludendo l'intervento di qualsiasi fattore lesivo esogeno anche solo concausale: per tali motivi, la diagnosi di morte improvvisa può scaturire solo al termine di tutte le indagini circostanziali, anatomo-patologiche ed eventualmente chimico-tossicologiche necessarie. Per lo più, queste dimostrano l'esistenza di insospettate o sottovalutate [...]
  • Melanoblastoma
  • Sinonimo di [...]
  • Megalocitosi
  • Sinonimo di [...]
  • Mùscoli
  • Indice:I muscoli del corpo umanoContrazione e tono muscolareStruttura anatomicaorgani capaci di contrarsi, in seguito a uno stimolo adeguato, determinando il movimento del corpo o di sue parti. Costituiti da tessuto muscolare, sono avvolti da una membrana elastica che li mantiene in sede durante la contrazione.I muscoli del corpo umanoConsideriamo inizialmente i mùscoli volontari: secondo i loro rapporti si dividono in mùscoli scheletrici (o profondi), quando presentano le loro inserzioni tendinee su ossa, e mùscoli pellicciai (o superficiali), quando almeno uno dei punti d’attacco è sulla cute. Liberi nella loro parte mediana, i mùscoli si fissano con le loro estremità a superfici (punti di attacco o d’inserzione) che possono essere ossa fisse o mobili, ovvero cute o mucosa; taluni si inseriscono da un lato a un osso e dall’altro alla cute. Contraendosi i mùscoli provocano allora modificazioni nelle posizioni delle ossa o delle parti molli e cutanee interessate. In base alla forma possono essere classificati in: mùscoli lunghi, cioè quelli molto sviluppati in lunghezza (per esempio, il bicipite del braccio o il semitendinoso della coscia); mùscoli larghi, cioè quelli sviluppati in larghezza (per esempio, il grande o il piccolo pettorale dalla forma triangolare, o il grande retto addominale, quadrato); mùscoli brevi, cioè quelli situati attorno ad articolazioni o alla colonna vertebrale, dalla forma assai diversa: mùscoli brevi sono anche quelli che circondano orifici del corpo, come gli orbicolari e gli sfinteri. Sono considerati annessi dei mùscoli altre formazioni anatomiche, quali i tendini, le fasce o aponeurosi, i legamenti vaginali o guaine fibrose, le guaine e le borse mucose o sinoviali. I mùscoli volontari prendono nomi convenzionali, che tuttavia si riferiscono o all’azione che essi svolgono (flessori, estensori, pronatori, adduttori, abduttori ecc.), o al numero dei capi d’inserzione (bicipiti, tricipiti, quadricipiti), o alla loro direzione (obliqui, retti, trasversi) o alla forma (quadrato, romboide, trapezio ecc.), ovvero all’organo servito o alle ossa alle quali sono inseriti. I mùscoli possono essere tra loro agonisti od antagonisti, a seconda dell'azione esercitata (per esempio, a livello dell'arto superiore, i muscoli flessori sono tra loro agonisti, risultando invece antagonisti dei muscoli estensori ecc.). L’insieme dei mùscoli volontari forma la muscolatura o sistema muscolare. I mùscoli lisci invece, o involontari, rientrano nella costituzione stessa di visceri e organi e con questi vengono abitualmente descritti.Contrazione e tono muscolareI mùscoli si contraggono sotto l’azione del sistema nervoso o per stimoli diretti. La singola fibra muscolare si contrae solo quando lo stimolo (dato da un neurone di moto che termina nella placca motrice) abbia raggiunto una certa intensità (soglia d’azione), né la contrazione aumenta se lo stimolo supera il valore della soglia (legge del tutto o niente). Nel mùscolo considerato nel suo insieme, invece, la contrazione aumenta con l’intensità dello stimolo, a soglia superata, perché entrano in reazione più fibre. Stimoli ripetuti oltre una certa frequenza provocano uno stato di contrazione persistente detto tetania muscolare; se la frequenza non è tale da determinare una fusione completa delle singole contrazioni si ha la tetania incompleto o clono, che è una risposta ondulatoria a scatti. Cessata la contrazione, il mùscolo non si rilascia mai completamente, ma mantiene un certo grado di [...]
  • Metabisolfito
  • Additivo alimentare dotato di proprietà antisettiche e antiossidanti. Può [...]
  • Miomètrio
  • Tunica muscolare dell’utero formata da fasci di fibrocellule muscolari lisce strategicamente disposte a costituire una robusta parete. Queste fibre muscolari sono capaci di una grande distensione e aumentano di numero in corso di gravidanza [...]
  • Micosi
  • Malattia provocata da [...]
  • Mucoproteine
  • Molecole complesse appartenenti alla famiglia delle glicoproteine, derivanti dalla combinazione di proteine e glucidi che possono contenere i seguenti zuccheri: glucosio, glucosamina, fucosio, acido sialico; [...]
Seguici
facebook twitter google+ rss
Ricerca termini medici
Seguici su facebook
Questi termini medici li conosci?
Altri dizionari medici
do you network?