Mieloma. Significato del termine medico 'Mieloma' presente nel dizionario medico online gratuito.   
Dizionario medico online

Significato termine medico Mieloma

Indice:EziologiaFisiopatologiaClinicaDiagnosiStadiazioneDecorso e prognosiTerapiao mieloma multiplo o plasmocitoma: tumore delle plasmacellule. Il tumore è localizzato nel midollo osseo, più o meno diffusamente infiltrato da plasmacellule che producono una immunoglobulina monoclonale intatta più un eccesso di catene leggere libere. Nel mieloma tipico le immunoglobuline monoclonali appartengono alla classe IgG nel 50-60%% dei casi, alla classe IgA nel 20%; più raramente ad altre classi (ricordiamo che la produzione di IgM è invece caratteristica di un'altra malattia immunoproliferativa: la macroglobulinemia di Waldenström). In una minoranza di casi, l'immunoglobulina consiste solo di catene leggere; nell'1% dei casi non si ha secrezione di immunoglobuline (mieloma non secernente). EziologiaL'eziologia è sconosciuta.FisiopatologiaIn questa neoplasia si osserva: mielosostituzione fino alla mieloftisi; tossicità renale causata dalle catene leggere che passano il filtro glomerulare, con loro successiva eliminazione nelle urine (proteinuria di Bence-Jones); osteoporosi secondaria alla liberazione da parte delle plasmacellule di fattori attivanti gli osteoclasti: interleuchine(IL-1 e soprattutto IL-6), tumor necrosis factor ecc.; ipercalcemia da riassorbimento osseo e insufficienza renale; deficit immunitario anticorpale e globale; presenza nel plasma della componente monoclonale ('componente M') che provoca emorragie e sindrome da iperviscosità; possibili localizzazioni extramidollari. Caratteristicamente, i mielomi IgG hanno maggior tendenza all'immunodepressione, gli IgA all'ipercalcemia.ClinicaEsordio in età avanzata, mediamente dopo i 60 anni, con sintomatologia dolorosa di origine scheletrica, da osteoporosi, osteolisi o fratture patologiche; le sedi più colpite sono quelle che maggiormente contengono midollo emopoietico: cranio, vertebre, coste, clavicole, scapole, bacino, estremità delle ossa lunghe. Sono presenti, inoltre, astenia da anemia, sintomi neurologici (che vanno dall'irritabilità fino all'encefalopatia e al coma ipercalcemico), insufficienza renale cronica da proteinuria di Bence-Jones aggravata dall'ipercalcemia e da frequenti infezioni delle vie urinarie favorite dall'immunodepressione. Manifestazioni emorragiche da piastrinopatia e inibizione dei fattori emocoagulativi. Sindrome da iperviscosità fino al coma paraproteinemico e allo scompenso cardiocircolatorio. Amiloidosi. Splenomegalia, epatomegalia, linfoadenopatie.DiagnosiOrientata dalla clinica, deve soddisfare diversi criteri. Bisogna infatti dimostrare la presenza di: a) un tessuto neoplastico mielomatoso mediante biopsia osteomidollare; b) una proteina monoclonale nelle urine delle 24 ore; c) lesioni osteolitiche e/o insufficienza renale e/o anemia. Non sempre, però, il quadro è così netto, dal momento che si hanno stadi precoci o scarsamente evolutivi che restano invariati per anni, quadri iperaggressivi e infine quadri del tutto particolari: 1) smoldering mieloma: non soddisfatto il punto c dei precedenti; 2) plasmocitoma solitario; 3) plasmocitoma extramidollare; 4) mieloma non secernente; 5) mieloma osteosclerotico; 6) leucemia plasmacellulare (condizione di malignità estrema). Ciascuno di questi quadri presenza differenze cliniche anche notevoli e richiede trattamento differenziato. I dati di laboratorio, nei casi classici, mostrano: VES molto elevata, alterazioni dell'elettroforesi sieroproteica (tipica banda monoclonale nella maggior parte dei casi nella regione delle gammaglobuline; la monoclonalità è sospettabile dal risultato dell'elettroforesi ma è sicuramente dimostrata dalla immunoelettroforesi o immunofissazione del siero e delle urine delle 24 ore o di criocrito, che ne precisa inoltre la classe e il tipo), esame del midollo osseo - ago aspirato o biopsia - significativo (dimostra l'infiltrazione plasmocitaria), esami ematochimici suggestivi degli effetti secondari del mieloma (anemia normocitica, leucopenia con linfocitosi relativa alla formula leucocitaria, ipercalcemia, insufficienza renale), esame delle urine caratteristico (proteinuria di Bence-Jones nelle urine delle 24 ore; la sua assenza non esclude tuttavia la diagnosi, perché esistono forme di mieloma non secernenti). Sono assolutamente vietati gli esami eseguiti con mezzi di contrasto iodati per via endovenosa, perché il mezzo tende a combinarsi a livello dei tubuli renali con le proteine filtrate, dando precipitati che possono causare un blocco renale acuto. La radiografia dello scheletro mostra aree di osteolisi caratteristica, fratture patologiche e osteoporosi.StadiazioneViene effettuata in base a parametri clinico-laboratoristici come nel sistema descritto da Durie e Salmon: entità della proteina monoclonale, valutazione dello scheletro in toto, di anemia e calcemia, della funzionalità renale, dell'infiltrazione midollare. Recentemente sono stati proposti nuovi parametri, come la beta2-microglobulina, l'indice di marcatura con timidina tritiata o con bromodesossiuridina, la proteina C reattiva, i cui valori correlano con la prognosi.Decorso e prognosiComplicato da infezioni, insufficienza renale, emorragie, scompenso cardiaco, fratture spontanee o provocate da minimi traumi, schiacciamento vertebrale, compressione di strutture nervose. La prognosi è correlata alla stadiazione e alla risposta alla terapia.TerapiaPolichemioterapia sistemica (con una fase iniziale d'attacco e una successiva di mantenimento) per controllare la progressione del mieloma e prevenzione delle complicanze, sono i due obiettivi del trattamento nella maggior parte dei pazienti affetti. La mortalità è elevata; per questo, lo scopo della terapia è quello di prolungare e migliorare per quanto possibile la qualità della vita.Indice:EziologiaFisiopatologiaClinicaDiagnosiStadiazioneDecorso e prognosiTerapiao mieloma multiplo o plasmocitoma: tumore delle plasmacellule. Il tumore è localizzato nel midollo osseo, più o meno diffusamente infiltrato da plasmacellule che producono



una immunoglobulina monoclonale intatta più un eccesso di catene leggere libere. Nel mieloma tipico le immunoglobuline monoclonali appartengono alla classe IgG nel 50-60%% dei casi, alla classe IgA nel 20%; più raramente ad altre classi (ricordiamo che la produzione di IgM è invece caratteristica di un'altra malattia immunoproliferativa: la macroglobulinemia di Waldenström). In una minoranza di casi, l'immunoglobulina consiste solo di catene leggere; nell'1% dei casi non si ha secrezione di immunoglobuline (mieloma non secernente). EziologiaL'eziologia è sconosciuta.FisiopatologiaIn questa neoplasia si osserva: mielosostituzione fino alla mieloftisi; tossicità renale causata dalle catene leggere che passano il filtro glomerulare, con loro successiva eliminazione nelle urine (proteinuria di Bence-Jones); osteoporosi secondaria alla liberazione da parte delle plasmacellule di fattori attivanti gli osteoclasti: interleuchine(IL-1 e soprattutto IL-6), tumor necrosis factor ecc.; ipercalcemia da riassorbimento osseo e insufficienza renale; deficit immunitario anticorpale e globale; presenza nel plasma della componente monoclonale ('componente M') che provoca emorragie e sindrome da iperviscosità; possibili localizzazioni extramidollari. Caratteristicamente, i mielomi IgG hanno maggior tendenza all'immunodepressione, gli IgA all'ipercalcemia.ClinicaEsordio in età avanzata, mediamente dopo i 60 anni, con sintomatologia dolorosa di origine scheletrica, da osteoporosi, osteolisi o fratture patologiche; le sedi più colpite sono quelle che maggiormente contengono midollo emopoietico: cranio, vertebre, coste, clavicole, scapole, bacino, estremità delle ossa lunghe. Sono presenti, inoltre, astenia da anemia, sintomi neurologici (che vanno dall'irritabilità fino all'encefalopatia e al coma ipercalcemico), insufficienza renale cronica da proteinuria di Bence-Jones aggravata dall'ipercalcemia e da frequenti infezioni delle vie urinarie favorite dall'immunodepressione. Manifestazioni emorragiche da piastrinopatia e inibizione dei fattori emocoagulativi. Sindrome da iperviscosità fino al coma paraproteinemico e allo scompenso cardiocircolatorio. Amiloidosi. Splenomegalia, epatomegalia, linfoadenopatie.DiagnosiOrientata dalla clinica, deve soddisfare diversi criteri. Bisogna infatti dimostrare la presenza di: a) un tessuto neoplastico mielomatoso mediante biopsia osteomidollare; b) una proteina monoclonale nelle urine delle 24 ore; c) lesioni osteolitiche e/o insufficienza renale e/o anemia. Non sempre, però, il quadro è così netto, dal momento che si hanno stadi precoci o scarsamente evolutivi che restano invariati per anni, quadri iperaggressivi e infine quadri del tutto particolari: 1) smoldering mieloma: non soddisfatto il punto c dei precedenti; 2) plasmocitoma solitario; 3) plasmocitoma extramidollare; 4) mieloma non secernente; 5) mieloma osteosclerotico; 6) leucemia plasmacellulare (condizione di malignità estrema). Ciascuno di questi quadri presenza differenze cliniche anche notevoli e richiede trattamento differenziato. I dati di laboratorio, nei casi classici, mostrano: VES molto elevata, alterazioni dell'elettroforesi sieroproteica (tipica banda monoclonale nella maggior parte dei casi nella regione delle gammaglobuline; la monoclonalità è sospettabile dal risultato dell'elettroforesi ma è sicuramente dimostrata dalla immunoelettroforesi o immunofissazione del siero e delle urine delle 24 ore o di criocrito, che ne precisa inoltre la classe e il tipo), esame del midollo osseo - ago aspirato o biopsia - significativo (dimostra l'infiltrazione plasmocitaria), esami ematochimici suggestivi degli effetti secondari del mieloma (anemia normocitica, leucopenia con linfocitosi relativa alla formula leucocitaria, ipercalcemia, insufficienza renale), esame delle urine caratteristico (proteinuria di Bence-Jones nelle urine delle 24 ore; la sua assenza non esclude tuttavia la diagnosi, perché esistono forme di mieloma non secernenti). Sono assolutamente vietati gli esami eseguiti con mezzi di contrasto iodati per via endovenosa, perché il mezzo tende a combinarsi a livello dei tubuli renali con le proteine filtrate, dando precipitati che possono causare un blocco renale acuto. La radiografia dello scheletro mostra aree di osteolisi caratteristica, fratture patologiche e osteoporosi.StadiazioneViene effettuata in base a parametri clinico-laboratoristici come nel sistema descritto da Durie e Salmon: entità della proteina monoclonale, valutazione dello scheletro in toto, di anemia e calcemia, della funzionalità renale, dell'infiltrazione midollare. Recentemente sono stati proposti nuovi parametri, come la beta2-microglobulina, l'indice di marcatura con timidina tritiata o con bromodesossiuridina, la proteina C reattiva, i cui valori correlano con la prognosi.Decorso e prognosiComplicato da infezioni, insufficienza renale, emorragie, scompenso cardiaco, fratture spontanee o provocate da minimi traumi, schiacciamento vertebrale, compressione di strutture nervose. La prognosi è correlata alla stadiazione e alla risposta alla terapia.TerapiaPolichemioterapia sistemica (con una fase iniziale d'attacco e una successiva di mantenimento) per controllare la progressione del mieloma e prevenzione delle complicanze, sono i due obiettivi del trattamento nella maggior parte dei pazienti affetti. La mortalità è elevata; per questo, lo scopo della terapia è quello di prolungare e migliorare per quanto possibile la qualità della vita.

Commenti

Altri termini medici nel dizionario medico che iniziano con la 'M'

  • Medicina legale
  • Branca della medicina che affronta temi biologici e medico-chirurgici in relazione alle questioni giudiziarie e più in generale alle scienze giuridiche e sociali. Per esempio, compito della medicina legale è quello di analizzare lo sviluppo psichico dell’individuo per determinare le sue capacità giuridiche di fronte a responsabilità penali e a esigenze civili contrattuali, testamentarie, matrimoniali, familiari ecc. La medicina legale ha due campi distinti di applicazione: la medicina giuridica che tende a definire la parte teorica a cui il diritto [...]
  • Medulloblastoma
  • Tumore maligno del sistema nervoso centrale, di aspetto molto indifferenziato; il suo punto di partenza è il verme del cervelletto, con rapida invasione del IV ventricolo e una tendenza alla disseminazione negli spazi subaracnoidei pericerebrali e perimidollari. È il più frequente dei tumori della fossa cranica posteriore nel bambino. Il sintomo più precoce è, solitamente, il [...]
  • Motoneurone
  • Cellula nervosa (neurone) del midollo spinale o dei centri motori della [...]
  • Maggiorana
  • (Origanum majorana, famiglia Labiate), erba aromatica, di cui si usano in terapia le sommità fiorite, che contengono un olio essenziale costituito da canfora, borneolo, terpinene e sabinene. È antispasmodico, vagotonizzante (aumenta il tono del parasimpatico e riduce quello [...]
  • Malore
  • Malessere acuto caratterizzato da incapacità di mantenere la posizione eretta, confusione mentale, dispnea, palpitazioni, accompagnato spesso da sudorazione o nausea e calo [...]
  • Mesosalpinge
  • Piega peritoneale che avvolge [...]
  • Meckel, divertìcolo di
  • Residuo del canale onfalomesenterico che, nell’embrione, mette in comunicazione l’intestino primitivo con il sacco vitellino, mentre nell’adulto congiunge spesso l’ileo terminale alla faccia interna dell’ombelico. Un residuo di questo dotto si ritrova in un caso su settanta, specie [...]
  • Mediastino
  • Spazio della cavità toracica situato nella parte mediana, tra i due polmoni, e delimitato in avanti dallo sterno, in basso dal diaframma, posteriormente dalla colonna vertebrale, mentre superiormente è in diretta comunicazione con lo spazio viscerale del collo. Tale regione può essere distinta in due parti (mediastino anteriore, più esteso, e posteriore) da un setto formato superiormente dal prolungamento dell’aponeurosi cervicale media e, inferiormente, dal pericardio e dai legamenti triangolari. È particolarmente importante per la presenza di numerosi organi e formazioni anatomiche e per la sua funzione regolatrice della pressione interna della cavità toracica. Il mediastino contiene la trachea, i bronchi, l’esofago, il timo, il cuore, i grossi vasi (aorta, arterie polmonari, carotidi, succlavie, azygos [...]
  • Megacolon tòssico
  • Dilatazione, parziale o totale, del colon, conseguente a una malattia infiammatoria intestinale o a colite infettiva. Si tratta di una grave complicazione di colite ulcerosa o di morbo di Crohn del colon (nei paesi industrializzati); meno di frequente (nei paesi in via di sviluppo) di dissenterie bacillari o amebiche, oppure di coliti pseudomembranose (anche alle nostre latitudini). Le cause, benché non ancora perfettamente note, sembrano risiedere in una diffusione del processo infiammatorio a tutti gli strati della parete intestinale, oltre che in un calo della potassiemia e dei tassi di altri elettroliti nel sangue. Il megacolon tòssico complica il 2-13% dei casi di colite ulcerosa, e il [...]
  • Mezzo di contrasto
  • Sostanza usata per la visualizzazione di organi e cavità naturali o patologiche che il semplice esame radiologico non consentirebbe. Si distinguono mezzi di contrasto trasparenti (aria, ossigeno, anidride carbonica e protossido d'azoto) e radio-opachi (solfato di bario e conposti organoiodati). Le vie di somministrazione sono quella orale (per esempio pasto opaco, clisma [...]
Seguici
facebook twitter google+ rss
Ricerca termini medici
Seguici su facebook
Questi termini medici li conosci?
Altri dizionari medici
do you network?