Mielomeningocele. Significato del termine medico 'Mielomeningocele' presente nel dizionario medico online gratuito.   
Dizionario medico online

Significato termine medico Mielomeningocele

Malformazione congenita caratterizzata dalla erniazione del contenuto del canale vertebrale (midollo spinale, meningi), a causa della mancata saldatura ossea in genere in regione lombo-sacrale (spina bifida). Comporta alterazioni motorie e sensitive in funzione della gravità della lesione anatomica.Comporta alterazioni motorie e sensitive in funzione della gravità della lesione anatomica.

Commenti

Altri termini medici nel dizionario medico che iniziano con la 'M'

  • Maxillofacciale
  • Si dice di ciò che è relativo [...]
  • Mammella, tumori della
  • Indice:Tumori benigniTumori maligniEpidemiologiaFattori di rischioAnatomia patologicaClinicaDiagnosiStadiazioneTerapiatumori a carattere benigno o maligno che colpiscono la mammella.Tumori benigniÈ possibile distinguere: displasie mammarie, lesioni pseudotumorali (mastiti, galattocele ecc.) e tumori benigni. Questi ultimi sono classificati in: fibroadenoma e adenoma semplice (che interessano prevalentemente donne giovani); papilloma intraduttale e tumore filloide (che colpiscono più spesso donne tra i 40 e i 50 anni). Costituiti da piccoli nodi di dimensioni variabili (da un chicco d’uva a una noce), solitamente non causano dolore, possono ingrandirsi in gravidanza o subito prima della menopausa. Il papilloma intraduttale può dare secrezione ematica dal capezzolo, il tumore filloide può ingrandirsi molto rapidamente fino a raggiungere dimensioni tali da modificare il profilo della mammella. Alcuni di questi tumori possono trasformarsi in maligni, perciò la terapia è sempre chirurgica.Tumori maligniFra i tumori maligni che colpiscono la donna, quelli localizzati alla mammella -e, tra questi, i carcinomi che originano direttamente dalla ghiandola mammaria- sono i più frequenti. È necessario formulare una diagnosi precoce e soprattutto informare le donne sull’importanza dell’autopalpazione periodica come pratica che la rende possibile. Spesso è proprio la donna la prima ad accorgersi della presenza di un’irregolarità (sotto forma di nodulo) all’interno della mammella, e in tal caso è necessario recarsi dal medico cui spetterà di suggerire i provvedimenti più adeguati. EpidemiologiaOgni anno in Italia oltre 11.000 donne muoiono di cancro mammario. L'incidenza nelle varie regioni italiane ha un netto gradiente Nord-Sud (nel senso che al Nord è maggiore), analogamente a quanto avviene nel resto del mondo, dove questo tumore è tanto più diffuso quanto maggiore è il grado di occidentalizzazione dei vari paesi (industrializzazione e abitudini di vita, soprattutto alimentari, parrebbero coinvolte). Il rischio aumenta con l'età: la più colpita è quella intorno alla menopausa, anche se negli ultimi anni si è constatato un aumento della frequenza nelle donne più giovani. Fattori di rischioNon è possibile individuare uno specifico sottogruppo a rischio: disponiamo di dati sui singoli. Il rischio è tanto minore quanto più tardivo è il menarca e precoce la menopausa (minor esposizione agli estrogeni). Il rischio è tanto minore quante più gravidanze una donna ha avuto e quanto più precoce è stata la prima. L'obesità è un rischio solo dopo la menopausa. Il rischio è tanto maggiore quanto maggiore è la dose cumulativa di radiazioni toraciche a cui la donna è stata esposta e quanto più precoce è stata l'esposizione (soprattutto prima dei 20 anni). Alcol e alimentazione sono fattori di rischio in relazione alla quantità di calorie introdotte e alla percentuale di queste in lipidi animali. Per quanto riguarda i contraccettivi orali, non ci sono risposte definitive. La terapia ormonale perimenopausale a base di soli estrogeni per os è associata a un modesto aumento del rischio ma non v'è consenso unanime su quanti anni di terapia siano necessari per provocare questo effetto neoplastico; per le somministrazioni transdermiche (cerotti) è ancora troppo presto per trarre conclusioni; l'aggiunta di progestinici ha fornito dati discordanti. Una familiarità vera, legata a fattori genetici ereditari, è rara ma esiste; non va confusa tout-court con la presenza di più casi di tumore della mammella nella stessa famiglia, perché questa può essere casuale o legata a fattori ambientali. Le donne in età fertile che consumano regolarmente e in quantità elevata cibi contenenti grassi animali sono maggiormente a rischio di tumore della mammella, come suggerisce uno studio iniziato nel 1991 su larga scale su donne di età compresa tra 26 e 46 anni, che avevano già partecipato al trial Nurses’ Health Study II, in cui è stata valutata l’associazione tra il consumo di cibi ricchi in grassi e il carcinoma mammario. E' risultato che non è la quantità ma il tipo di grasso, ossia animale o vegetale. Le donne che hanno consumato elevate quantità di grassi animali - soprattutto carne rossa e prodotti caseari - rischiavano, rispetto a quelle che assumevano grassi vegetali, il 54% in più di manifestare il tumore. Anche se è noto che una volta ingeriti i grassi sono in grado di aumentare i livelli di alcuni ormoni coinvolti nello sviluppo del cancro della mammella, non sono ancora stati chiariti i meccanismi per cui unicamente i grassi animali e non quelli vegetali siano correlati a tale neoplasia.Anatomia patologicaIl carcinoma della mammella deriva dalle [...]
  • Multìpara
  • Si dice di donna che ha partorito più volte o [...]
  • Metaplasìa mielòide
  • Presenza patologica di tessuto ematopoietico in tessuti in cui esso è normalmente assente, perlopiù milza e fegato. Si associa solitamente [...]
  • Melanodontìa infantile
  • Carie pigmentata che colpisce la dentatura decidua, per cui i denti spesso risultano essere moncherini anneriti. La terapia [...]
  • Mast-cell
  • Sinonimo di [...]
  • Macrocitosi
  • Condizione caratterizzata dalla presenza in circolo di macrociti, che si osserva in numerose condizioni, quali anemie megaloblastiche, [...]
  • Martello
  • Il più voluminoso e laterale dei tre ossicini che formano la catena ossea contenuta nella cassa timpanica dell’orecchio medio. Si articola da un lato all’incudine e dall’altro alla membrana del timpano; [...]
  • Mitoxantrone
  • Farmaco antitumorale appartenente al gruppo degli antibiotici antitumorali, strutturalmente correlato alle antracicline, sviluppato come alternativa alla doxorubicina rispetto alla quale appare dotato di minor cardiotossicità. Come quella, interferisce con l'enzima topoisomerasi II, alterando la sintesi del DNA delle [...]
  • Mutante
  • Si dice di organismo (specialmente in riferimento [...]
Seguici
facebook twitter google+ rss
Ricerca termini medici
Seguici su facebook
Questi termini medici li conosci?
Altri dizionari medici
do you network?