Mielomeningocele. Significato del termine medico 'Mielomeningocele' presente nel dizionario medico online gratuito.   
Dizionario medico online

Significato termine medico Mielomeningocele

Malformazione congenita caratterizzata dalla erniazione del contenuto del canale vertebrale (midollo spinale, meningi), a causa della mancata saldatura ossea in genere in regione lombo-sacrale (spina bifida). Comporta alterazioni motorie e sensitive in funzione della gravità della lesione anatomica.Comporta alterazioni motorie e sensitive in funzione della gravità della lesione anatomica.

Commenti

Altri termini medici nel dizionario medico che iniziano con la 'M'

  • Miele
  • Alimento prodotto dalle api a partire dal polline e dal nettare di fiori e piante. È stato il primo dolcificante conosciuto e le sue qualità medicinali, preventive e curative, sono sfruttate da secoli. Il miele contiene, oltre a una percentuale d’acqua (16-20%), soprattutto zuccheri (75-79%), con le seguenti medie: glucosio-destrosio, 31%; levulosio-fruttosio, 38%; saccarosio, 2%; maltosio, 7%; zuccheri superiori, 1-2%; contiene inoltre protidi, sostanze azotate con aminoacidi, acidi organici, sostanze minerali e oligoelementi (calcio, cloro, ferro, magnesio, manganese, rame, fosforo, potassio, silicio, sodio, zolfo), vitamine (tutte quelle del gruppo B e le vitamine idrosolubili), nonché enzimi che determinano o accelerano [...]
  • Mediano
  • Si dice della parte di un organo o di una formazione [...]
  • Mezzo di contrasto
  • Sostanza usata per la visualizzazione di organi e cavità naturali o patologiche che il semplice esame radiologico non consentirebbe. Si distinguono mezzi di contrasto trasparenti (aria, ossigeno, anidride carbonica e protossido d'azoto) e radio-opachi (solfato di bario e conposti organoiodati). Le vie di somministrazione sono quella orale (per esempio pasto opaco, clisma [...]
  • Mieloblasto
  • Cellula progenitrice della linea emopoietica maturativa granulocitaria che, passando attraverso varie tappe maturative lungo gli stadi di promielocito, mielocito, metamielocito, origina i [...]
  • Micròtomo
  • Strumento dotato di una lama molto affilata che è utilizzato per la realizzazione di sezioni [...]
  • Morton, arterite temporale di
  • Vedi vasculiti. [...]
  • Monte di Vènere
  • (o monte del pube), regione triangolare sporgente (per la presenza di abbondante tessuto cellulo-adiposo sottocutaneo) situata nella parte antero-superiore dell’apparato genitale femminile e posta davanti alla sinfisi pubica, tra il solco del pube in alto, le pieghe [...]
  • Menopausa
  • Cessazione definitiva e fisiologicamente irreversibile delle mestruazioni, che avviene generalmente tra i 45 e i 54 anni (se avviene prima dei 45 anni si parla di menopausa precoce), in conseguenza dell'esaurimento funzionale ovarico: come il menarca è il segno più evidente della pubertà, così la menopausa è quello caratteristico del climaterio. Segna la fine del periodo fertile della donna; l’epoca della sua comparsa dipende da fattori individuali, familiari, genetici, razziali e nutrizionali. La menopausa è conseguenza dell’incapacità dei follicoli di maturare e ovulare, e di alterazioni della stimolazione bioritmica diencefalo-ipofisaria. Può manifestarsi in modo brusco e inaspettato, o essere preceduta da un periodo di irregolarità mestruali. In rapporto con la menopausa può comparire una sintomatologia varia (che oggi si tende a minimizzare con terapie ormonali di supporto): fenomeni vasomotori (vampate di calore, cardiopalmo, sudorazioni notturne), neuropsichici (facile irritabilità, oscillazioni dell'umore, depressione modificazioni del carattere, cefalee), problemi vescicali, secchezza vaginale durante i rapporti sessuali e, a lungo andare, osteoporosi e cardiopatie. La terapia estrogenica è basilare nel trattamento dei [...]
  • Metisergide
  • Farmaco alfalitico usato a scopo profilattico per prevenire e ridurre l’intensità e la frequenza delle crisi di emicrania, non è invece efficace nell’attacco acuto. Ha azione alfa-litica e antiserotoninica e, in minor misura, vasocostrittrice e ossitocica. Può determinare numerosi effetti collaterali tra i quali sono stati segnalati: vasocostrizione periferica, claudicatio, angina, ulcera, dolori addominali, alopecia, alterazioni cutanee (colorazione rossa e superficie a buccia d'arancia), aumento ponderale, crampi muscolari, nausea, vertigini, insonnia, [...]
  • Murphy, segno di
  • Segno diagnostico caratterizzato dall'arresto doloroso della inspirazione di un paziente invitato a inspirare profondamente (in decubito supino), se con la mano a piatto viene esercitata una pressione sul punto cistico; questo è reperibile considerando, a livello dell'arco costale destro, l'inserzione del margine esterno del [...]
Seguici
facebook twitter google+ rss
Ricerca termini medici
Seguici su facebook
Questi termini medici li conosci?
Altri dizionari medici
do you network?