Mifepristone. Significato del termine medico 'Mifepristone' presente nel dizionario medico online gratuito.   
Dizionario medico online

Significato termine medico Mifepristone

Farmaco antagonista del progesterone (detto anche RU 486), utilizzato per l’induzione dell’aborto entro il primo trimestre. Agisce prevenendo l’impianto dell’embrione.

Commenti

Altri termini medici nel dizionario medico che iniziano con la 'M'

  • Minerali essenziali
  • Indice:locuzione d’uso comune per indicare gli elementi inorganici indispensabili, per la loro azione strutturale e coenzimatica, a mantenere la fisiologia cellulare e l’attività dell’organismo: partecipano, per esempio, alla costruzione delle ossa e dei denti, al mantenimento dell’equilibrio idro-salino, all’attività nervosa e muscolare, alla sintesi delle proteine. Si assumono, perlopiù sotto forma di sali minerali, con gli alimenti nelle proporzioni necessarie; non vengono [...]
  • Micropsìa
  • Disturbo della percezione visiva, per cui si attribuiscono agli oggetti dimensioni [...]
  • Meningite
  • Indice:Il processo patologicoDiagnosi e terapiaprocessi infiammatori delle leptomeningi (aracnoide e pia madre) in risposta ad agenti eziologici diversi, prevalentemente di natura infettiva; le meningi possono tuttavia essere sede di localizzazione metastatica in corso di tumori maligni o venire interessate per infiltrazione diretta dello spazio subaracnoideo da parte di blasti leucemici. Di gran lunga le cause più frequenti restano comunque le infezioni delle leptomeningi e del liquor contenuto nello spazio subaracnoideo. I microrganismi possono raggiungere le meningi in seguito a una frattura, soprattutto della base cranica, o a una puntura lombare (rachicentesi); oppure, possono provenire da un preesistente processo suppurativo dell’orecchio medio o dei seni paranasali o della mastoide; è possibile naturalmente la diffusione per via ematica, in caso di setticemia, o per via linfatica e infine la propagazione diretta da focolai di encefalite o di mielite. Lungo sarebbe l'elenco dei microrganismi che possono dare meningite; ricordiamo: 1) batteri: Neisseria meningitidis, Haemophilus influenzae, Streptococcus pneumoniae, responsabili della stragrande maggioranza delle meningiti di questo genere in individui di più di 2 mesi di vita (nei primi 2 mesi sono più frequenti i coli o gli altri enterococchi e gli streptococchi in genere); Mycobacterium tuberculosis; 2) virus: enterovirus (Coxsackie, Echo: responsabili di forme sierose acute); 3) spirochete: Treponema pallidum (causa prevalentemente forme croniche); 4) protozoi: Toxoplasma gondii; 5) funghi: Candida, Criptococcus.Il processo patologicoLa sintomatologia meningitica, comune alle varie forme, dipende dall'ipertensione endocranica, dall'irritazione meningea e dalla sofferenza corticale e diencefalica. Sempre presenti sono una cefalea intensa, soprattutto nucale, e vomito a getto, che non ha rapporto con l'alimentazione (vomito cerebrale). Si osservano, inoltre, febbre elevata con brividi, dolori alla colonna, iperestesia cutanea, fotofobia, iperpatia (o intolleranza a ogni stimolo sensoriale di una certa intensità). Segno di irritazione meningea è la rigidità della nuca e del dorso da contrazione muscolare: impedisce la flessione -attiva e passiva- del capo e la posizione seduta senza appoggio all'indietro sulle mani (segno del 'tripode'). È caratteristico l'opistotono, cioè l'iperestensione del capo e talora del dorso con decubito laterale obbligato e arti inferiori flessi (posizione 'a cane di fucile'). Se il paziente è sdraiato supino, non riesce a sedersi sul letto senza flettere gli arti inferiori (segno di Kernig). La flessione del capo è seguita da quella degli arti inferiori (questo è uno dei segni di Brudzinski). Sono possibili anche segni vegetativi, come una alternanza di atti respiratori profondi con periodi prolungati di pausa respiratoria (respiro meningitico). A questo corteo di segni e sintomi si associano spesso disturbi psichici (agitazione o torpore, fino allo stato confusionale), paralisi di nervi cranici, disturbi vasomotori. Nei neonati i sintomi sono sfumati o assenti: la rigidità nucale può mancare e, anzi, la nuca può essere ciondolante; frequenti sono invece le crisi epilettiche tipo grande male, le ipercinesie [...]
  • Microorganismo
  • Sinonimo di [...]
  • MSH
  • Sigla di Melanocyte Stimulating Hormone, o melanotropina, ormone prodotto in due forme (alfa e beta) dall’ipofisi, più precisamente - nella specie umana - dalle cellule che producono l’ACTH. In particolare, le cellule ipofisarie corticotrope producono una molecola, la pro-opiomelanocortina o POMC, che [...]
  • Monocitopenìa
  • Diminuzione patologica del numero assoluto dei monociti circolanti. La si può riscontrare a seguito di: 1) malattie acute [...]
  • Microlaringoscopìa
  • Laringoscopia diretta, praticata con l’ausilio del microscopio operatorio; permette di osservare nei [...]
  • Modìolo
  • (o columella), piccolo osso dalla forma conica che costituisce l’asse della coclea dell’orecchio interno. È attraversato da canalicoli nei quali decorrono le fibre del nervo cocleare e, lungo [...]
  • Melissa
  • (Melissa officinalis, famiglia Labiate), erba perenne, comune negli orti e nei giardini. Si usano in terapia le sommità fiorite, che contengono un olio essenziale ricco di terpeni, tra cui citronella e citrale, e tannini. È [...]
  • Mediastino
  • Spazio della cavità toracica situato nella parte mediana, tra i due polmoni, e delimitato in avanti dallo sterno, in basso dal diaframma, posteriormente dalla colonna vertebrale, mentre superiormente è in diretta comunicazione con lo spazio viscerale del collo. Tale regione può essere distinta in due parti (mediastino anteriore, più esteso, e posteriore) da un setto formato superiormente dal prolungamento dell’aponeurosi cervicale media e, inferiormente, dal pericardio e dai legamenti triangolari. È particolarmente importante per la presenza di numerosi organi e formazioni anatomiche e per la sua funzione regolatrice della pressione interna della cavità toracica. Il mediastino contiene la trachea, i bronchi, l’esofago, il timo, il cuore, i grossi vasi (aorta, arterie polmonari, carotidi, succlavie, azygos [...]
Seguici
facebook twitter google+ rss
Ricerca termini medici
Seguici su facebook
Questi termini medici li conosci?
Altri dizionari medici
do you network?