Minerali essenziali. Significato del termine medico 'Minerali essenziali' presente nel dizionario medico online gratuito.   
Dizionario medico online

Significato termine medico Minerali essenziali

Indice:locuzione d’uso comune per indicare gli elementi inorganici indispensabili, per la loro azione strutturale e coenzimatica, a mantenere la fisiologia cellulare e l’attività dell’organismo: partecipano, per esempio, alla costruzione delle ossa e dei denti, al mantenimento dell’equilibrio idro-salino, all’attività nervosa e muscolare, alla sintesi delle proteine. Si assumono, perlopiù sotto forma di sali minerali, con gli alimenti nelle proporzioni necessarie; non vengono alterati dalla cottura o dalla luce. Si classificano in due gruppi: i macroelementi (calcio, fosforo, magnesio, sodio, potassio, cloro, zolfo) che vengono assunti in dosi da 100 mg o più al giorno; e i microelementi (ferro, manganese, rame, iodio, zinco, cobalto, cromo, fluoro e selenio), assunti invece in quantità minima, non quantificabile, per cui si dice che sono presenti “in traccia”.Indice:locuzione d’uso comune per indicare gli elementi inorganici indispensabili, per la loro azione strutturale e coenzimatica, a mantenere la fisiologia cellulare e l’attività dell’organismo: partecipano, per



esempio, alla costruzione delle ossa e dei denti, al mantenimento dell’equilibrio idro-salino, all’attività nervosa e muscolare, alla sintesi delle proteine. Si assumono, perlopiù sotto forma di sali minerali, con gli alimenti nelle proporzioni necessarie; non vengono alterati dalla cottura o dalla luce. Si classificano in due gruppi: i macroelementi (calcio, fosforo, magnesio, sodio, potassio, cloro, zolfo) che vengono assunti in dosi da 100 mg o più al giorno; e i microelementi (ferro, manganese, rame, iodio, zinco, cobalto, cromo, fluoro e selenio), assunti invece in quantità minima, non quantificabile, per cui si dice che sono presenti “in traccia”.

Commenti

Altri termini medici nel dizionario medico che iniziano con la 'M'

  • Macropsìa
  • Disturbo della percezione visiva, in seguito al quale vengono [...]
  • Mùscoli
  • Indice:I muscoli del corpo umanoContrazione e tono muscolareStruttura anatomicaorgani capaci di contrarsi, in seguito a uno stimolo adeguato, determinando il movimento del corpo o di sue parti. Costituiti da tessuto muscolare, sono avvolti da una membrana elastica che li mantiene in sede durante la contrazione.I muscoli del corpo umanoConsideriamo inizialmente i mùscoli volontari: secondo i loro rapporti si dividono in mùscoli scheletrici (o profondi), quando presentano le loro inserzioni tendinee su ossa, e mùscoli pellicciai (o superficiali), quando almeno uno dei punti d’attacco è sulla cute. Liberi nella loro parte mediana, i mùscoli si fissano con le loro estremità a superfici (punti di attacco o d’inserzione) che possono essere ossa fisse o mobili, ovvero cute o mucosa; taluni si inseriscono da un lato a un osso e dall’altro alla cute. Contraendosi i mùscoli provocano allora modificazioni nelle posizioni delle ossa o delle parti molli e cutanee interessate. In base alla forma possono essere classificati in: mùscoli lunghi, cioè quelli molto sviluppati in lunghezza (per esempio, il bicipite del braccio o il semitendinoso della coscia); mùscoli larghi, cioè quelli sviluppati in larghezza (per esempio, il grande o il piccolo pettorale dalla forma triangolare, o il grande retto addominale, quadrato); mùscoli brevi, cioè quelli situati attorno ad articolazioni o alla colonna vertebrale, dalla forma assai diversa: mùscoli brevi sono anche quelli che circondano orifici del corpo, come gli orbicolari e gli sfinteri. Sono considerati annessi dei mùscoli altre formazioni anatomiche, quali i tendini, le fasce o aponeurosi, i legamenti vaginali o guaine fibrose, le guaine e le borse mucose o sinoviali. I mùscoli volontari prendono nomi convenzionali, che tuttavia si riferiscono o all’azione che essi svolgono (flessori, estensori, pronatori, adduttori, abduttori ecc.), o al numero dei capi d’inserzione (bicipiti, tricipiti, quadricipiti), o alla loro direzione (obliqui, retti, trasversi) o alla forma (quadrato, romboide, trapezio ecc.), ovvero all’organo servito o alle ossa alle quali sono inseriti. I mùscoli possono essere tra loro agonisti od antagonisti, a seconda dell'azione esercitata (per esempio, a livello dell'arto superiore, i muscoli flessori sono tra loro agonisti, risultando invece antagonisti dei muscoli estensori ecc.). L’insieme dei mùscoli volontari forma la muscolatura o sistema muscolare. I mùscoli lisci invece, o involontari, rientrano nella costituzione stessa di visceri e organi e con questi vengono abitualmente descritti.Contrazione e tono muscolareI mùscoli si contraggono sotto l’azione del sistema nervoso o per stimoli diretti. La singola fibra muscolare si contrae solo quando lo stimolo (dato da un neurone di moto che termina nella placca motrice) abbia raggiunto una certa intensità (soglia d’azione), né la contrazione aumenta se lo stimolo supera il valore della soglia (legge del tutto o niente). Nel mùscolo considerato nel suo insieme, invece, la contrazione aumenta con l’intensità dello stimolo, a soglia superata, perché entrano in reazione più fibre. Stimoli ripetuti oltre una certa frequenza provocano uno stato di contrazione persistente detto tetania muscolare; se la frequenza non è tale da determinare una fusione completa delle singole contrazioni si ha la tetania incompleto o clono, che è una risposta ondulatoria a scatti. Cessata la contrazione, il mùscolo non si rilascia mai completamente, ma mantiene un certo grado di [...]
  • Mielofibrosi
  • (o fibrosi midollare), patologia caratterizzata dalla progressiva sostituzione del tessuto emopoietico del midollo osseo con tessuto fibroso. Si osserva nella [...]
  • Medicina legale
  • Branca della medicina che affronta temi biologici e medico-chirurgici in relazione alle questioni giudiziarie e più in generale alle scienze giuridiche e sociali. Per esempio, compito della medicina legale è quello di analizzare lo sviluppo psichico dell’individuo per determinare le sue capacità giuridiche di fronte a responsabilità penali e a esigenze civili contrattuali, testamentarie, matrimoniali, familiari ecc. La medicina legale ha due campi distinti di applicazione: la medicina giuridica che tende a definire la parte teorica a cui il diritto [...]
  • Metacarpali, ossa
  • Le cinque ossa lunghe del metacarpo che si articolano prossimalmente con il [...]
  • Microscopio
  • Strumento che permette di ottenere immagini ingrandite di oggetti molto piccoli o di dettagli strutturali, spesso non visibili a occhio nudo. Il microscopio ottico è costituito da un sistema di lenti e da un dispositivo di illuminazione del campo. Una variante è il microscopio operatorio (usato in microchirurgia), a doppio oculare, che consente la visione binoculare. [...]
  • Monocitosi
  • Aumento patologico del numero assoluto dei monociti circolanti. È possibile riscontrarla in numerose patologie: 1. infettive (endocardite batterica subacuta, tubercolosi, brucellosi, rickettsiosi, malaria, leishmaniosi); 2. granulomatose (sarcoidosi, morbo di Crohn); 3. [...]
  • Mento
  • La parte mediana inferiore della faccia, corrispondente alla parte centrale [...]
  • Mieloma
  • Indice:EziologiaFisiopatologiaClinicaDiagnosiStadiazioneDecorso e prognosiTerapiao mieloma multiplo o plasmocitoma: tumore delle plasmacellule. Il tumore è localizzato nel midollo osseo, più o meno diffusamente infiltrato da plasmacellule che producono una immunoglobulina monoclonale intatta più un eccesso di catene leggere libere. Nel mieloma tipico le immunoglobuline monoclonali appartengono alla classe IgG nel 50-60%% dei casi, alla classe IgA nel 20%; più raramente ad altre classi (ricordiamo che la produzione di IgM è invece caratteristica di un'altra malattia immunoproliferativa: la macroglobulinemia di Waldenström). In una minoranza di casi, l'immunoglobulina consiste solo di catene leggere; nell'1% dei casi non si ha secrezione di immunoglobuline (mieloma non secernente). EziologiaL'eziologia è sconosciuta.FisiopatologiaIn questa neoplasia si osserva: mielosostituzione fino alla mieloftisi; tossicità renale causata dalle catene leggere che passano il filtro glomerulare, con loro successiva eliminazione nelle urine (proteinuria di Bence-Jones); osteoporosi secondaria alla liberazione da parte delle plasmacellule di fattori attivanti gli osteoclasti: interleuchine(IL-1 e soprattutto IL-6), tumor necrosis factor ecc.; ipercalcemia da riassorbimento osseo e insufficienza renale; deficit immunitario anticorpale e globale; presenza nel plasma della componente monoclonale ('componente M') che provoca emorragie e sindrome da iperviscosità; possibili localizzazioni extramidollari. Caratteristicamente, i mielomi IgG hanno maggior tendenza all'immunodepressione, gli IgA all'ipercalcemia.ClinicaEsordio in età avanzata, mediamente dopo i 60 anni, con sintomatologia dolorosa di origine scheletrica, da osteoporosi, osteolisi o fratture patologiche; le sedi più colpite sono quelle che maggiormente contengono midollo emopoietico: cranio, vertebre, coste, clavicole, scapole, bacino, estremità delle ossa lunghe. Sono presenti, inoltre, astenia da anemia, sintomi neurologici (che vanno dall'irritabilità fino all'encefalopatia e al coma ipercalcemico), insufficienza renale cronica da proteinuria di Bence-Jones aggravata dall'ipercalcemia e da frequenti infezioni delle vie urinarie favorite dall'immunodepressione. Manifestazioni emorragiche da piastrinopatia e inibizione dei fattori emocoagulativi. Sindrome da iperviscosità fino al coma paraproteinemico e allo scompenso cardiocircolatorio. Amiloidosi. Splenomegalia, epatomegalia, linfoadenopatie.DiagnosiOrientata dalla clinica, deve soddisfare diversi criteri. Bisogna infatti dimostrare la presenza di: a) un tessuto neoplastico mielomatoso mediante biopsia osteomidollare; b) una proteina monoclonale nelle urine delle 24 ore; c) lesioni osteolitiche e/o insufficienza renale e/o anemia. Non sempre, però, il quadro è così netto, dal momento che si hanno stadi precoci o scarsamente evolutivi che restano invariati per anni, quadri iperaggressivi e infine quadri del tutto particolari: 1) smoldering mieloma: [...]
  • Mesocardio
  • Piega dorsale del mesoderma, che fissa il cuore del feto alla parete del corpo. La sua porzione ventrale è destinata [...]
Seguici
facebook twitter google+ rss
Ricerca termini medici
Seguici su facebook
Questi termini medici li conosci?
Altri dizionari medici
do you network?