Mucoviscidosi. Significato del termine medico 'Mucoviscidosi' presente nel dizionario medico online gratuito.   
Dizionario medico online

Significato termine medico Mucoviscidosi

(o malattia fibrocistica, o fibrosi cistica), malattia su base genetica, a ereditarietà autosomica recessiva (il gene responsabile è localizzato sul braccio lungo del cromosoma 7), che colpisce diffusamente le ghiandole esocrine, le quali secernono un muco eccessivamente denso e viscoso, provocando con il tempo la distruzione fibrotica degli organi interessati. A fronte di molteplici ipotesi, è stata senz'altro dimostrata - dal punto di vista patogenetico - la presenza di un difetto nel riassorbimento elettrolitico, e del cloro in particolare, a livello delle ghiandole sudoripare di questi pazienti. La malattia colpisce prevalentemente l'intestino e l'apparato respiratorio, danneggiandone le funzioni in egual misura o diversamente; nella sua espressione 'completa', può comportare grave insufficienza pancreatica con manifestazioni intestinali (fin dalle prime settimane di vita, il bambino presenta addome voluminoso, ipotrofia e arresto della crescita dovuti a diarrea cronica e malnutrizione: si instaura progressivamente un malassorbimento con steatorrea, enteropatia protido-disperdente, edema oncotico generalizzato; possibile, inoltre, l'ostruzione intestinale precoce, in forma di ileo da meconio, o tardiva, qualora sia presente stipsi favorita dalle secrezioni particolarmente dense e tenaci) e malattie polmonari croniche (tosse e dispnea insorgono precocemente, con frequenti infezioni bronchiali e polmonari anche asmatiformi, atelettasia lobare, lesioni bronchiectasiche e sviluppo successivo di una vera e propria broncopneumopatia cronica ostruttiva). Complicazioni sono rappresentate da: ittero neonatale prolungato, colestasi con eventuale cirrosi biliare, steatosi epatica, sindrome da perdita di sali, diabete mellito, poliposi nasale, mucocele e altro ancora. La diagnosi può essere oggi già prenatale nelle gravidanze con rischio noto, attraverso lo studio dei villi coriali e l'amniocentesi; dopo la nascita, i criteri fondamentali per porre diagnosi sono l'aumento della concentrazione di sodio e cloro nel sudore (test del sudore), l'insufficienza pancreatica, l'interessamento polmonare cronico e la positività dell'anamnesi familiare. Esistono falsi positivi al test del sudore, che va sempre eseguito e valutato in laboratori specializzati e da personale altamente qualificato. Nei casi dubbi, il test va ripetuto dopo alcuni giorni di dieta priva di sodio: in caso di mucoviscidosi, i valori non si modificano sostanzialmente. Anche il sondaggio duodenale dopo stimolazione pancreatica, mostrando un deficit nella secrezione di bicarbonati da parte di quest'organo, aiuta a chiarire la diagnosi. L'individuazione del gene responsabile aprirà la strada a nuovi possibili interventi diagnostico-terapeutici. Per il momento la terapia, sostitutiva della secrezione pancreatica, consiste nell’assunzione di enzimi digestivi, di cloruro di sodio e di vitamine. È indicato poi un regime dietetico ad alto contenuto calorico, iperproteico e con scarso apporto di lipidi. Inoltre sono indispensabili: aerosol, mucolitici, drenaggi e quanto serve a liberare l’albero respiratorio; fisioterapia quotidiana con drenaggio posturale e ginnastica respiratoria; antibioticoterapia delle infezioni, che può diventare continuativa in caso di cronicizzazioni infettive respiratorie. Complessivamente, la prognosi è oggi migliore rispetto al passato e la maggioranza dei pazienti può superare i 20 anni d'età, purché la diagnosi sia precoce e la terapia adeguata.(o malattia fibrocistica, o fibrosi cistica), malattia su base genetica, a ereditarietà autosomica recessiva (il gene responsabile è localizzato sul braccio lungo del cromosoma 7), che



colpisce diffusamente le ghiandole esocrine, le quali secernono un muco eccessivamente denso e viscoso, provocando con il tempo la distruzione fibrotica degli organi interessati. A fronte di molteplici ipotesi, è stata senz'altro dimostrata - dal punto di vista patogenetico - la presenza di un difetto nel riassorbimento elettrolitico, e del cloro in particolare, a livello delle ghiandole sudoripare di questi pazienti. La malattia colpisce prevalentemente l'intestino e l'apparato respiratorio, danneggiandone le funzioni in egual misura o diversamente; nella sua espressione 'completa', può comportare grave insufficienza pancreatica con manifestazioni intestinali (fin dalle prime settimane di vita, il bambino presenta addome voluminoso, ipotrofia e arresto della crescita dovuti a diarrea cronica e malnutrizione: si instaura progressivamente un malassorbimento con steatorrea, enteropatia protido-disperdente, edema oncotico generalizzato; possibile, inoltre, l'ostruzione intestinale precoce, in forma di ileo da meconio, o tardiva, qualora sia presente stipsi favorita dalle secrezioni particolarmente dense e tenaci) e malattie polmonari croniche (tosse e dispnea insorgono precocemente, con frequenti infezioni bronchiali e polmonari anche asmatiformi, atelettasia lobare, lesioni bronchiectasiche e sviluppo successivo di una vera e propria broncopneumopatia cronica ostruttiva). Complicazioni sono rappresentate da: ittero neonatale prolungato, colestasi con eventuale cirrosi biliare, steatosi epatica, sindrome da perdita di sali, diabete mellito, poliposi nasale, mucocele e altro ancora. La diagnosi può essere oggi già prenatale nelle gravidanze con rischio noto, attraverso lo studio dei villi coriali e l'amniocentesi; dopo la nascita, i criteri fondamentali per porre diagnosi sono l'aumento della concentrazione di sodio e cloro nel sudore (test del sudore), l'insufficienza pancreatica, l'interessamento polmonare cronico e la positività dell'anamnesi familiare. Esistono falsi positivi al test del sudore, che va sempre eseguito e valutato in laboratori specializzati e da personale altamente qualificato. Nei casi dubbi, il test va ripetuto dopo alcuni giorni di dieta priva di sodio: in caso di mucoviscidosi, i valori non si modificano sostanzialmente. Anche il sondaggio duodenale dopo stimolazione pancreatica, mostrando un deficit nella secrezione di bicarbonati da parte di quest'organo, aiuta a chiarire la diagnosi. L'individuazione del gene responsabile aprirà la strada a nuovi possibili interventi diagnostico-terapeutici. Per il momento la terapia, sostitutiva della secrezione pancreatica, consiste nell’assunzione di enzimi digestivi, di cloruro di sodio e di vitamine. È indicato poi un regime dietetico ad alto contenuto calorico, iperproteico e con scarso apporto di lipidi. Inoltre sono indispensabili: aerosol, mucolitici, drenaggi e quanto serve a liberare l’albero respiratorio; fisioterapia quotidiana con drenaggio posturale e ginnastica respiratoria; antibioticoterapia delle infezioni, che può diventare continuativa in caso di cronicizzazioni infettive respiratorie. Complessivamente, la prognosi è oggi migliore rispetto al passato e la maggioranza dei pazienti può superare i 20 anni d'età, purché la diagnosi sia precoce e la terapia adeguata.

Commenti

Altri termini medici nel dizionario medico che iniziano con la 'M'

  • Melancolìa
  • (o malinconia), sintomo psicopatologico caratterizzato da profonda depressione, scarsa autostima, rallentamento ideativo, difficoltà nei rapporti interpersonali. La melancolìa [...]
  • Mixedema
  • Particolare aspetto e consistenza della cute caratteristico degli stati di alterata funzionalità tiroidea, e in particolare dell’ipotiroidismo: in conseguenza del rallentato metabolismo osservabile in questa endocrinopatia, che compromette primariamente le funzioni cataboliche, tendono infatti ad accumularsi le sostanze a ricambio più lento, tra cui i mucopolisaccaridi. La loro infiltrazione di cute e tessuto sottocutaneo provoca il caratteristico ispessimento della cute, che si mostra pallida, fredda, secca, mal sollevabile in pieghe e di colore tendente al giallo; l'edema determinato da questo accumulo è di consistenza duro-elastica, con mancata formazione della fovea (impronta) alla pressione digitale. Negli stadi avanzati si osserva una diffusa cheratosi perifollicolare; la sudorazione è assente. Nell’ipotiroidismo il mixedema si [...]
  • Membrana
  • In anatomia, termine di largo uso per indicare formazioni od organi sottili, di varia [...]
  • Monoplegìa
  • Paralisi di un solo arto, superiore o inferiore. La monoplegìa centrale è dovuta a una lesione circoscritta della corteccia cerebrale (tipica è la monoplegìa crurale da stenosi-occlusione dell’arteria cerebrale anteriore); spesso interessa [...]
  • Metanolo
  • Sinonimo di alcol [...]
  • Mùscoli
  • Indice:I muscoli del corpo umanoContrazione e tono muscolareStruttura anatomicaorgani capaci di contrarsi, in seguito a uno stimolo adeguato, determinando il movimento del corpo o di sue parti. Costituiti da tessuto muscolare, sono avvolti da una membrana elastica che li mantiene in sede durante la contrazione.I muscoli del corpo umanoConsideriamo inizialmente i mùscoli volontari: secondo i loro rapporti si dividono in mùscoli scheletrici (o profondi), quando presentano le loro inserzioni tendinee su ossa, e mùscoli pellicciai (o superficiali), quando almeno uno dei punti d’attacco è sulla cute. Liberi nella loro parte mediana, i mùscoli si fissano con le loro estremità a superfici (punti di attacco o d’inserzione) che possono essere ossa fisse o mobili, ovvero cute o mucosa; taluni si inseriscono da un lato a un osso e dall’altro alla cute. Contraendosi i mùscoli provocano allora modificazioni nelle posizioni delle ossa o delle parti molli e cutanee interessate. In base alla forma possono essere classificati in: mùscoli lunghi, cioè quelli molto sviluppati in lunghezza (per esempio, il bicipite del braccio o il semitendinoso della coscia); mùscoli larghi, cioè quelli sviluppati in larghezza (per esempio, il grande o il piccolo pettorale dalla forma triangolare, o il grande retto addominale, quadrato); mùscoli brevi, cioè quelli situati attorno ad articolazioni o alla colonna vertebrale, dalla forma assai diversa: mùscoli brevi sono anche quelli che circondano orifici del corpo, come gli orbicolari e gli sfinteri. Sono considerati annessi dei mùscoli altre formazioni anatomiche, quali i tendini, le fasce o aponeurosi, i legamenti vaginali o guaine fibrose, le guaine e le borse mucose o sinoviali. I mùscoli volontari prendono nomi convenzionali, che tuttavia si riferiscono o all’azione che essi svolgono (flessori, estensori, pronatori, adduttori, abduttori ecc.), o al numero dei capi d’inserzione (bicipiti, tricipiti, quadricipiti), o alla loro direzione (obliqui, retti, trasversi) o alla forma (quadrato, romboide, trapezio ecc.), ovvero all’organo servito o alle ossa alle quali sono inseriti. I mùscoli possono essere tra loro agonisti od antagonisti, a seconda dell'azione esercitata (per esempio, a livello dell'arto superiore, i muscoli flessori sono tra loro agonisti, risultando invece antagonisti dei muscoli estensori ecc.). L’insieme dei mùscoli volontari forma la muscolatura o sistema muscolare. I mùscoli lisci invece, o involontari, rientrano nella costituzione stessa di visceri e organi e con questi vengono abitualmente descritti.Contrazione e tono muscolareI mùscoli si contraggono sotto l’azione del sistema nervoso o per stimoli diretti. La singola fibra muscolare si contrae solo quando lo stimolo (dato da un neurone di moto che termina nella placca motrice) abbia raggiunto una certa intensità (soglia d’azione), né la contrazione aumenta se lo stimolo supera il valore della soglia (legge del tutto o niente). Nel mùscolo considerato nel suo insieme, invece, la contrazione aumenta con l’intensità dello stimolo, a soglia superata, perché entrano in reazione più fibre. Stimoli ripetuti oltre una certa frequenza provocano uno stato di contrazione persistente detto tetania muscolare; se la frequenza non è tale da determinare una fusione completa delle singole contrazioni si ha la tetania incompleto o clono, che è una risposta ondulatoria a scatti. Cessata la contrazione, il mùscolo non si rilascia mai completamente, ma mantiene un certo grado di [...]
  • Mikulicz, malattìa di
  • Scialoadenosi di origine immunitaria, caratterizzata da ipertrofia delle ghiandole parotidi, sottomascellari e lacrimali; è la forma di passaggio dalla semplice ipertrofia parotidea (lesione linfoepiteliale di Godwin) all’ipotrofia, o atrofia, delle ghiandole salivari (sindrome di Sjörgren). [...]
  • Metformina
  • Farmaco antidiabetico orale del gruppo delle biguanidi. Viene usato in genere associato alle sulfaniluree. Agisce aumentando il numero e l’affinità dei recettori per l’insulina sulle membrane cellulari. Viene eliminato per via renale, pertanto durante la terapia va controllata periodicamente la [...]
  • Muscolare, tessuto
  • Tessuto specializzato per la funzione della contrazione, costituito da elementi di forma allungata, detti fibre muscolari, che possiedono elettivamente la capacità di contrarsi. Esistono due tipi di tessuto muscolare, quello liscio e quello striato, differenti sia per la struttura delle fibre sia per l’organizzazione di queste nel tessuto. Nel tessuto muscolare liscio le cellule sono allungate, con nucleo centrale allungato e citoplasma con piccoli mitocondri e granuli di glicogeno, e un sistema di miofilamenti microscopici allungati nella direzione della fibra e uniformi, cioè non striati trasversalmente. Le fibre possono unirsi a formare fascetti (muscoli lisci) più o meno ricchi di connettivo, o lamine, anche spesse, dette tonache muscolari, talora, per la consistenza del connettivo interposto, molto robuste. Nel connettivo decorrono in genere i vasi sanguigni. L’innervazione è data da fibre simpatiche o parasimpatiche amieliniche. Il tessuto muscolare liscio forma i muscoli lisci preposti alle funzioni vegetative. Il tessuto muscolare striato è formato da fibre muscolari striate trasversalmente. Ogni fibra è un sincizio (più cellule unite insieme) di forma cilindrica con diametro che dipende dalla specie di appartenenza e dall’esercizio muscolare, e lunghezza fino [...]
  • Mucosa, borsa
  • Cavità costituita da tessuto connettivale, contenente liquido sinoviale e deputata a garantire [...]
Seguici
facebook twitter google+ rss
Ricerca termini medici
Seguici su facebook
Questi termini medici li conosci?
Altri dizionari medici
do you network?