Pachidermìa laringea. Significato del termine medico 'Pachidermìa laringea' presente nel dizionario medico online gratuito.   
Dizionario medico online

Significato termine medico Pachidermìa laringea

Processo infiammatorio cronico della laringe, costituito da un accrescimento dello spessore dell'epitelio di rivestimento delle corde vocali. Esistono una pachidermìa laringea semplice, o rossa, con papille ipertrofiche; una pachidermìa laringea bianca, se sono presenti processi di corneificazione (detta anche cheratinizzazione); e una pachidermìa laringea verrucosa, se la corneificazione ha condotto la mucosa laringea a irregolarità della superficie. Se c’è corneificazione, si parla anche di leucoplachia, che viene considerata una lesione precancerosa, quindi potenzialmente pericolosa.Processo infiammatorio cronico della laringe, costituito da un accrescimento dello spessore dell'epitelio di rivestimento delle corde vocali. Esistono una pachidermìa laringea semplice, o rossa, con papille



ipertrofiche; una pachidermìa laringea bianca, se sono presenti processi di corneificazione (detta anche cheratinizzazione); e una pachidermìa laringea verrucosa, se la corneificazione ha condotto la mucosa laringea a irregolarità della superficie. Se c’è corneificazione, si parla anche di leucoplachia, che viene considerata una lesione precancerosa, quindi potenzialmente pericolosa.

Commenti

Altri termini medici nel dizionario medico che iniziano con la 'P'

  • Profilassi
  • Sinonimo di [...]
  • Parto psicoprofilàttico
  • Sinonimo di parto [...]
  • Pigmenti
  • Sostanze colorate contenute nell’organismo: per esempio, l’emoglobina (pigmento del sangue), la [...]
  • Priapismo
  • Termine che indica l’erezione spontanea, protratta e talora dolorosa, non legata al piacere, di natura generalmente patologica o iatrogena. Il priapismo può essere causato da alcune malattie neurologiche o ematologiche (per esempio la drepanocitosi) o da neoplasie, essere conseguenza di alcuni farmaci (idralazina, prazosin ecc.) o afrodisiaci, o dell’uso intracavernoso di farmaci [...]
  • Prostatite
  • Infezione della prostata causata da batteri (stafilococchi, streptococchi, enterococchi, enterobacteriacee come l'Escherichia coli) o, eccezionalmente, da virus. Di solito sono contemporaneamente colpite le vescichette seminali. Generalmente i microrganismi raggiungono l’organo attraverso il sangue; più raramente provengono da un’infezione dell’uretra. Si distinguono due forme di prostatite, una acuta e una cronica. La prostatite acuta si manifesta con febbre, dolore della regione rettale, disturbi nell’eliminazione dell’urina e disturbi sessuali: diminuzione della libido, coito molto doloroso. La terapia si basa sulla somministrazione di antibiotici (chinolonici, cotrimoxazolo, aminoglicosidi). Tale terapia va continuata per 4-6 settimane e controlli colturali vanno eseguiti dopo 1 e 3 mesi. La prostatite cronica, [...]
  • Piretanide
  • Farmaco diuretico che blocca il riassorbimento di sodio e cloro nel tratto ascendente dell’ansa di Henle e nei tubuli renali, aumentando quindi l’escrezione di sodio, cloro e potassio. Può [...]
  • Prematuro
  • In ostetricia, sinonimo [...]
  • Pròtesi
  • Dispositivo usato per sostituire almeno parzialmente una porzione del corpo umano che non sia più in grado di operare correttamente. Le varie pròtesi realizzabili si possono raggruppare secondo il tipo di funzione che esse compiono in ausilio o in sostituzione di organi la cui funzione è compromessa o perduta. Anzitutto, le pròtesi possono essere esterne o interne: le prime sono permanenti quando vengono impiantate sul corpo o comunque vengono utilizzate in continuità (per esempio, le pròtesi sensoriali, gli arti artificiali), oppure temporanee quando sostituiscono la funzione di un organo per un periodo di tempo più o meno breve; le pròtesi interne, generalmente permanenti, sono passive quando sostituiscono una parte di tessuto (per esempio, vene) o servono a rafforzare una struttura anatomica (per esempio, chiodi o graffe inseriti in ossa fratturate), oppure attive, quando sostituiscono o aiutano la funzionalità di un organo (per esempio, cuore artificiale). Le pròtesi più diffusamente impiegate sono quelle sensoriali, ortopediche e ortodontiche. Le pròtesi esterne temporanee sono dispositivi di diverso genere con funzioni per lo più terapeutiche o legate a particolari momenti degli atti chirurgici. Le pròtesi interne passive sono costituite da materiali [...]
  • Pirògeno
  • Si dice di agente chimico o biologico che introdotto nell’organismo provoca l’aumento della temperatura corporea. Tale proprietà è caratteristica di alcuni componenti proteici e polisaccaridici dei batteri patogeni, i quali provocano ipertermia e dilatazione dei vasi sanguigni agendo sia a livello dei [...]
  • Parietale, osso
  • Osso della volta cranica, di forma quadrilatera incurvata a concavità rivolta in basso e medialmente; superiormente viene a contatto diretto [...]
Seguici
facebook twitter google+ rss
Ricerca termini medici
Seguici su facebook
Questi termini medici li conosci?
Altri dizionari medici
do you network?