Palioencefalo. Significato del termine medico 'Palioencefalo' presente nel dizionario medico online gratuito.   
Dizionario medico online

Significato termine medico Palioencefalo

(o paleoencefalo), la parte dell’encefalo, filogeneticamente più antica, costituita dal rinencefalo, dal mesencefalo e, in senso estensivo, dal diencefalo e dal midollo allungato.

Commenti

Altri termini medici nel dizionario medico che iniziano con la 'P'

  • Polidattilìa
  • Malformazione congenita caratterizzata dalla presenza di un [...]
  • Psoas
  • Muscolo addominale e della zona anteriore della coscia; si inserisce da un lato sulle vertebre lombari e dall’altro [...]
  • Pityrìasis ròsea
  • Dermatosi eritemato-desquamativa a carattere eruttivo. La causa è sconosciuta; si sospetta un’origine virale. L’incidenza della malattia è maggiore tra i 10 e i 40 anni e nelle stagioni autunnali e primaverili. Inizia di solito con una singola chiazza eritemato-squamosa localizzata in genere al tronco (chiazza madre), alla quale segue, dopo alcuni giorni o anche settimane, un’eruzione di molteplici elementi eritemato-desquamativi di [...]
  • Pilorospasmo
  • Condizione patologica in cui si ha un’esagerata contrazione dello sfintere del piloro. Il fenomeno, riscontrabile radiologicamente ed endoscopicamente, accompagna spesso gastriti e ulcere peptiche situate nell’ultimo tratto dello stomaco o nel bulbo duodenale; altra possibile causa è la nevrosi d’ansia, con somatizzazioni a livello gastrointestinale. Ben diverso è lo spasmo ipertrofico del piloro nei lattanti (vedi piloro, ipertrofia del): si tratta di un esagerato sviluppo della muscolatura liscia del piloro, con tendenza alla stenosi e alla progressione verso un ileo meccanico. La sintomatologia, in entrambi i casi, è caratterizzata dalla [...]
  • Penicillamina
  • Indice:farmaco impiegato nelle forme gravi di artrite reumatoide, che non rispondano ai trattamenti con antinfiammatori. Per ridurre al minimo l’incidenza dei molti possibili effetti collaterali si inizia sempre con dosi molto basse, che vengono poi aumentate gradualmente. Presenta parecchi effetti collaterali: anoressia, dolori gastrici, nausea, vomito, diarrea, abolizione del senso del gusto [...]
  • Prolina
  • Uno degli aminoacidi [...]
  • Polmone, tumori del
  • Indice:Tipi di tumore e quadro clinicoTerapiatumori che si sviluppano primitivamente nei polmoni. Sono i tumori più frequenti nel maschio, di cui rappresentano anche la prima causa di morte per cancro (la quinta nelle femmine). Il rapporto nei due sessi è di 4:1 e il picco di massima incidenza è fra i 55 e i 65 anni. Fattori di rischio per i tumori del polmone sono considerati il fumo di sigaretta sia attivo sia passivo, l’esposizione a prodotti industriali (per esempio, asbesto, cromo, nichel), a radiazioni, a inquinanti ambientali. Più discussa, ma postulata, una predisposizione genetica.Tipi di tumore e quadro clinicoDal punto di vista istologico se ne distinguono diversi tipi. I più importanti sono: il carcinoma epidermoide o squamoso, che rappresenta circa un terzo dei casi, è tipico dei maschi e strettamente associato al fumo; l’adenocarcinoma, più frequente nelle femmine, che rappresenta il 25% circa del totale e si associa spesso a condizioni infiammatorie croniche o a fibrosi polmonari; il carcinoma a grandi cellule, reperibile circa nel 15% dei casi; il carcinoma a piccole cellule, o microcitoma, che costituisce circa un quarto del totale, e che è più spesso associato all’anomala espressione di alcuni oncogeni e presenta caratteristiche embriologiche, biochimiche e di comportamento biologico fondamentalmente diverse dagli altri tipi. Sulla base di questo assunto si classificano sommariamente i tumori del polmone in due grandi categorie: tumori a piccole cellule e non a piccole cellule. La differente classificazione riflette in linea di massima due diverse modalità di stadiazione, prognosi e terapia. I segni e i sintomi dipendono dalla sede e dal tipo istologico. Nelle forme a sviluppo intrabronchiale il tumore si manifesta con difficoltà di respirazione, tosse persistente, dolori toracici, escreato striato di sangue, broncopolmoniti recidivanti o versamenti pleurici. Nelle forme a sviluppo extrabronchiale il tumore può restare asintomatico per un lungo periodo; poi l’invasione della parete toracica può determinare dolori costali e versamenti pleurici. L’infiltrazione delle catene nervose all’apice della spalla nel caso di tumori localizzati nei segmenti superiori può essere responsabile della sindrome di Bernard-Horner (esoftalmo, miosi, ptosi palpebrale), dovuta alla lesione delle fibre nervose simpatiche localizzate nel distretto cervicale; l’ostruzione vascolare intratoracica può invece portare a una sindrome della vena cava; è possibile anche il coinvolgimento del sistema linfatico polmonare con linfangite. Rare ma tipiche del tumore del polmone, in particolare del microcitoma polmonare, sono le sindromi paraneoplastiche che [...]
  • Potenziale d’azione
  • Registrazione della fase di eccitazione elettrica della cellula [...]
  • Policistosi ovàrica
  • (o sindrome di Stein-Leventhal), condizione morbosa caratterizzata dall’associazione di sterilità, amenorrea, irsutismo e obesità. Le ovaie, aumentate di volume, presentano numerose piccole cisti a contenuto liquido. La terapia è di tipo [...]
  • Purganti
  • Vedi lassativi. [...]
Seguici
facebook twitter google+ rss
Ricerca termini medici
Seguici su facebook
Questi termini medici li conosci?
Altri dizionari medici
do you network?