Pallore. Significato del termine medico 'Pallore' presente nel dizionario medico online gratuito.   
Dizionario medico online

Significato termine medico Pallore

Assenza del colorito tipico della cute, dovuto a scarsezza di sangue nei capillari o ad anemia.

Commenti

Altri termini medici nel dizionario medico che iniziano con la 'P'

  • PAS
  • (para-aminosalicilico), vedi aminosalicilico, [...]
  • Pizotifene
  • Farmaco impiegato nella terapia dell’emicrania per lunghi periodi, oggi quasi abbandonato. Può determinare nausea, vomito, [...]
  • Plèura
  • Membrana sierosa, sottile e trasparente, che avvolge i polmoni indipendentemente l’uno dall’altro, racchiudendoli come in un sacco. Ogni plèura, ripiegandosi su sé stessa, in corrispondenza dell’ilo polmonare, risulta costituita da due foglietti: quello più interno, o viscerale, è intimamente accollato alla superficie del polmone; quello esterno, o parietale, tappezza invece le pareti interne della cassa toracica e, secondo i suoi rapporti con altre formazioni anatomiche, viene distinto in tre porzioni: costosternale, diaframmatica, mediastinica. Fra i due foglietti pleurici è compresa una cavità virtuale (cavità pleurica) contenente una piccola quantità di liquido sieroso (liquido pleurico). Nella [...]
  • Pancreatina
  • Farmaco che si estrae dal pancreas di bue o di maiale, costituito da una mescolanza di enzimi pancreatici che intervengono nella digestione dei grassi, [...]
  • Pap-test
  • (o test di Papanicolau), esame microscopio delle cellule della vagina e dell’utero raccolti con uno striscio vaginale per la diagnosi precoce e per l’identificazione dei soggetti a rischio di carcinoma uterino. Nel corso di una visita ginecologica, il secreto vaginale, contenente cellule desquamate dalle pareti della vagina e dalla cervice, viene raccolto con una spatolina e strisciato su un vetrino (striscio vaginale); viene poi colorato con ematossilina e fissato in alcol. La lettura del vetrino permette di valutare lo stato delle cellule [...]
  • Pipemìdico, àcido
  • Farmaco chemioterapico ad ampio spettro, impiegato nelle infezioni delle vie urinarie. Può determinare disturbi digestivi e allergici, [...]
  • Placenta previa
  • Patologica inserzione della placenta all’estremo inferiore del corpo uterino. È favorita dalle gravidanze numerose, dalla presenza di fibromi uterini, da endometriti pregresse; interessa una gravidanza su 200. Il sintomo fondamentale è l’improvvisa perdita di sangue di colore rosso vivo dall’utero (metrorragia), non accompagnata da dolore, durante il terzo trimestre di gestazione. Se le metrorragie [...]
  • Palatoplastica
  • Intervento chirurgico che viene praticato per ricostruire il palato nei diversi casi di palatoschisi. Consiste nell’allungamento del palato in senso anteroposteriore, per consentire un miglior [...]
  • Perdite vaginali
  • Si distinguono in base al contenuto. Le perdite bianche sono in genere espressione di infiammazione vaginale, mentre la presenza di secrezione giallo-verdastra è indice di [...]
  • Pancreatite
  • Indice:La pancreatite acutaLa pancreatite cronicaprocesso infiammatorio acuto o cronico del pancreas.La pancreatite acutaLa pancreatite acuta è dovuta a varie cause: la più comune è rappresentata dalle malattie delle vie biliari, e precisamente dalle calcolosi della colecisti e del coledoco; in questi casi il passaggio di un calcolo nel duodeno porta a un aumento della pressione nelle vie biliari, con conseguente passaggio di bile nel dotto di Wirsung e una forte reazione infiammatoria. Altre cause di pancreatite acuta sono: l’abuso cronico di alcol da parte di pazienti già affetti da pancreatite cronica; gli interventi chirurgici a carico di organi vicini al pancreas (per esempio, stomaco, duodeno e vie biliari); la presenza di malattie duodenali, come diverticoli, tumori duodenali e della papilla, che possono ostacolare il deflusso del succo pancreatico dal dotto di Wirsung; le iperlipoproteinemie; l’iperparatiroidismo, in quanto l’eccesso di calcio favorisce nel pancreas l’attivazione degli enzimi, con conseguente aggressione del pancreas stesso; l’ERCP (colangiopancreatografia retrograda endoscopica) se non eseguita correttamente; alcuni tipi di infezione, soprattutto virale; alcuni farmaci, come l’azatioprina, i diuretici tiazidici, gli estrogeni, le tetracicline, i cortisonici. Nel 25% dei casi non si riesce a individuare alcuna causa di pancreatite: si parla in questi casi di pancreatite acuta idiopatica. Nella pancreatite acuta si ha morte delle cellule pancreatiche, edema e spesso emorragie, causati dalla attivazione degli enzimi digestivi all’interno dell’organo: la morte cellulare e la liquefazione del tessuto pancreatico portano alla formazione di cavità (pseudocisti), che possono infettarsi e formare ascessi. Il sintomo principale della pancreatite acuta è un forte dolore addominale a pugnalata, diffuso a tutto l’addome o localizzato ai quadranti superiori, spesso irradiato posteriormente; il dolore raggiunge il massimo progressivamente, resta intenso per lungo tempo, e diminuisce gradualmente nel corso di giorni o settimane: il movimento e la respirazione lo esacerbano, mentre la posizione seduta o la flessione del busto lo alleviano. Nei primi giorni si può sviluppare febbre fino a 39 °C, e uno stato di shock, con diminuzione della pressione arteriosa e aumento della frequenza cardiaca. Indizi utili per la diagnosi sono l’aumento dell’amilasi e della lipasi nel siero, l’abbassamento della calcemia, la leucocitosi; talora si può avere ittero, aumento della bilirubinemia, iperglicemia, aumento dell’LDH e dell’aspartato transferasi sierica o AST (SGOT) e ipertrigliceridemia. A scopo diagnostico si utilizzano inoltre l’ecografia e la TAC. La pancreatite acuta, a differenza di quella cronica, ha tendenza alla guarigione se la causa viene eliminata. La terapia si prefigge di mettere il pancreas a riposo, evitando l’alimentazione orale e impiegando un sondino naso-gastrico per evitare che [...]
Seguici
facebook twitter google+ rss
Ricerca termini medici
Seguici su facebook
Questi termini medici li conosci?
Altri dizionari medici
do you network?