Parto cesàreo. Significato del termine medico 'Parto cesàreo' presente nel dizionario medico online gratuito.   
Dizionario medico online

Significato termine medico Parto cesàreo

Estrazione chirurgica del feto attraverso un’apertura praticata nell’utero attraverso l’addome. È indicato quando il parto non può avvenire o è rischioso che avvenga per via naturale e cioè nei casi di placenta previa, sproporzione tra la testa del feto e la pelvi della madre, tumori pelvici, distacco di placenta, presentazione podalica, nonché in tutte le situazioni in cui si verifica una sofferenza del feto durante il travaglio. Attualmente la frequenza dei parti cesàrei varia dal 5 al 10% dei parti totali. I rischi per la madre e il neonato sono bassi; la prognosi per le successive gravidanze è buona.Estrazione chirurgica del feto attraverso un’apertura praticata nell’utero attraverso l’addome. È indicato quando il parto non può avvenire o è rischioso che avvenga per via naturale



e cioè nei casi di placenta previa, sproporzione tra la testa del feto e la pelvi della madre, tumori pelvici, distacco di placenta, presentazione podalica, nonché in tutte le situazioni in cui si verifica una sofferenza del feto durante il travaglio. Attualmente la frequenza dei parti cesàrei varia dal 5 al 10% dei parti totali. I rischi per la madre e il neonato sono bassi; la prognosi per le successive gravidanze è buona.

Commenti

Altri termini medici nel dizionario medico che iniziano con la 'P'

  • Pórpora retìnica
  • Sinonimo di [...]
  • Pachipleurite
  • Reazione di ispessimento fibrotico della pleura in seguito a processi infiammatori cronici. Ne conseguono [...]
  • Presbiopìa
  • Diminuzione del potere di accomodazione dell’occhio dovuta a rigidità del cristallino, il quale, nonostante l’integrità del muscolo ciliare, ha difficoltà a modificare il raggio di curvatura per variare il suo potere rifrattivo. È particolarmente accentuata quando si [...]
  • Pròtesi
  • Dispositivo usato per sostituire almeno parzialmente una porzione del corpo umano che non sia più in grado di operare correttamente. Le varie pròtesi realizzabili si possono raggruppare secondo il tipo di funzione che esse compiono in ausilio o in sostituzione di organi la cui funzione è compromessa o perduta. Anzitutto, le pròtesi possono essere esterne o interne: le prime sono permanenti quando vengono impiantate sul corpo o comunque vengono utilizzate in continuità (per esempio, le pròtesi sensoriali, gli arti artificiali), oppure temporanee quando sostituiscono la funzione di un organo per un periodo di tempo più o meno breve; le pròtesi interne, generalmente permanenti, sono passive quando sostituiscono una parte di tessuto (per esempio, vene) o servono a rafforzare una struttura anatomica (per esempio, chiodi o graffe inseriti in ossa fratturate), oppure attive, quando sostituiscono o aiutano la funzionalità di un organo (per esempio, cuore artificiale). Le pròtesi più diffusamente impiegate sono quelle sensoriali, ortopediche e ortodontiche. Le pròtesi esterne temporanee sono dispositivi di diverso genere con funzioni per lo più terapeutiche o legate a particolari momenti degli atti chirurgici. Le pròtesi interne passive sono costituite da materiali [...]
  • Plasmocito
  • Sinonimo di [...]
  • Pregnandiolo
  • Ormone sessuale a struttura steroidea e attività simile al progesterone; è il prodotto finale del metabolismo di tale ormone e viene eliminato con le urine (pregnandioluria). La misurazione della quantità di pregnandiolo presente [...]
  • Pìa madre
  • La più interna e la più sottile delle tre membrane che formano le meningi; aderisce intimamente alla superficie dell’encefalo e del [...]
  • Polluzione
  • Emissione involontaria di liquido seminale al difuori del coito o dell’autoerotismo. Avviene in genere di notte (polluzione notturna) nel maschio adolescente, in relazione a sogni e a erezioni riflesse, ma può verificarsi talora anche nell’adulto, legata a forte eccitamento o a [...]
  • Pseudomonas aeruginosa
  • (famiglia Pseudomonadaceae), bacillo gram-negativo, asporigeno, aerobio, mobile; comune saprofita di cute e mucose dell’uomo. Può provocare diverse malattie, anche molto gravi, tra cui: lesioni gangrenose, congiuntiviti purulente, riniti, laringotracheobronchiti stenosanti nel lattante, broncopolmoniti, uretriti, cistiti, [...]
  • Palato ogivale
  • Malformazione della parte anteriore del palato, detta anche palato duro o [...]
Seguici
facebook twitter google+ rss
Ricerca termini medici
Seguici su facebook
Questi termini medici li conosci?
Altri dizionari medici
do you network?