Perforazione, sindrome da. Significato del termine medico 'Perforazione, sindrome da' presente nel dizionario medico online gratuito.   
Dizionario medico online

Significato termine medico Perforazione, sindrome da

Quadro clinico che compare in occasione della perforazione di un organo, solitamente i visceri addominali; in questo caso si manifesta con dolori talvolta molto acuti al ventre, accompagnati da stato di shock: vi è anche presenza di contrattura addominale. Le cause sono numerose; tra esse si possono citare: le perforazioni traumatiche, che sono la conseguenza di ferite da arma da fuoco o da punta; le perforazioni infettive, che possono manifestarsi in corso di dissenterie bacillari o di tifo; le perforazioni ulcerose, solitamente originatesi nella parete anteriore del duodeno come complicanza di ulcere peptiche; le perforazioni da farmaci, che si possono manifestare dopo trattamenti prolungati con acido acetilsalicilico o con cortisonici.Quadro clinico che compare in occasione della perforazione di un organo, solitamente i visceri addominali; in questo caso si manifesta con dolori talvolta molto acuti al



ventre, accompagnati da stato di shock: vi è anche presenza di contrattura addominale. Le cause sono numerose; tra esse si possono citare: le perforazioni traumatiche, che sono la conseguenza di ferite da arma da fuoco o da punta; le perforazioni infettive, che possono manifestarsi in corso di dissenterie bacillari o di tifo; le perforazioni ulcerose, solitamente originatesi nella parete anteriore del duodeno come complicanza di ulcere peptiche; le perforazioni da farmaci, che si possono manifestare dopo trattamenti prolungati con acido acetilsalicilico o con cortisonici.

Commenti

Altri termini medici nel dizionario medico che iniziano con la 'P'

  • Policitemìa vera
  • (o malattia di Vaquez-Osler), malattia mieloproliferativa, più frequente nei soggetti di sesso maschile dai 40 ai 60 anni, che si manifesta con un aumento assoluto dei globuli rossi. L’affezione, che molto spesso ha un decorso lungo, esordisce in maniera subdola; produce tipici arrossamenti e congestione del viso e delle estremità. Sono frequenti i disturbi vascolari conseguenti all’iperviscosità del sangue, facili le manifestazioni emorragiche al naso, alle gengive, allo stomaco, alla retina. Si osserva un’aumentata incidenza di ulcera [...]
  • Paràlisi cerebrali infantili
  • Vasto ed eterogeneo gruppo di patologie neuromotorie precoci che hanno in comune un disturbo motorio di origine cerebrale, esito di un danno al sistema nervoso centrale verificatosi in un periodo che va da quello prenatale a 6 mesi dopo la nascita. La frequenza nella popolazione è molto alta (2-7 per mille). Caratteristiche sono la precocità della sintomatologia, più o meno grave, e la non progressività della lesione. Le cause sono molteplici e possono dare quadri con sintomatologia di accompagnamento molto diversi. Tra questi ricordiamo: ipoglicemia; ipocalcemia e ipomagnesiemia; iposodiemia con iperpotassiemia; ipopotassiemia con ipersodiemia; alterazioni dell’equilibrio acido-base; ipotiroidismo. Anche i neonati di madre tossicodipendente possono rientrare in questo quadro patologico. La diagnosi si basa sull’esame obiettivo neurologico e su esami strumentali: radiografia del cranio e del bacino; esame oftalmoscopico e, appena possibile, una valutazione del campo visivo; elettroencefalogramma, TAC per valutare sede ed entità della lesione. Possono essere associati accertamenti specifici in relazione [...]
  • Polluzione
  • Emissione involontaria di liquido seminale al difuori del coito o dell’autoerotismo. Avviene in genere di notte (polluzione notturna) nel maschio adolescente, in relazione a sogni e a erezioni riflesse, ma può verificarsi talora anche nell’adulto, legata a forte eccitamento o a [...]
  • Platelminti
  • Vermi di forma generalmente allungata e piatta, a simmetria bilaterale, appartenenti alle [...]
  • Pòlipo
  • Proliferazione circoscritta, sessile o peducolata, della mucosa. In superficie il pòlipo è ricoperto da un epitelio a differenziazione ghiandolare. In genere si sviluppa sulle mucose di naso, utero o intestino, più raramente stomaco. Può insorgere a qualsiasi età. I pòlipi nasali sono quelli più frequenti; riconoscono cause diverse (riniti allergiche, infezioni croniche) e sono responsabili di ostruzione respiratoria cronica e saltuariamente di sanguinamenti. In qualche caso possono regredire con l’applicazione di spray a base di cortisonici, ma la terapia elettiva è l’asportazione chirurgica. I pòlipi uterini compaiono in genere tra i 35 e i 40 anni in seguito a squilibri ormonali associati a stimoli infiammatori cronici. Più spesso sono localizzati al fondo [...]
  • Plasminogeno
  • Precursore della plasmina, che viene liberata [...]
  • Purkinje, cèllule di
  • Cellule nervose multipolari, presenti nello strato [...]
  • Ptosi
  • Spostamento verso il basso di un organo o di una struttura anatomica. Quando si tratta di visceri addominali, la ptosi colpisce con maggior frequenza soggetti longilinei; può anche instaurarsi a seguito di rapide e notevoli perdite di peso corporeo. Organi colpiti con maggior frequenza sono lo stomaco [...]
  • PPD
  • Sigla di Purified Protein Derivative, frazione proteica complessa purificata dal terreno di una coltura di Mycobacterium tuberculosis. Viene ottenuta mediante complesse procedure di purificazione e ha attività [...]
  • Parto cesàreo
  • Estrazione chirurgica del feto attraverso un’apertura praticata nell’utero attraverso l’addome. È indicato quando il parto non può avvenire o è rischioso che avvenga per via naturale e cioè nei casi di placenta previa, sproporzione tra la testa del feto e la pelvi della madre, tumori pelvici, distacco di placenta, presentazione [...]
Seguici
facebook twitter google+ rss
Ricerca termini medici
Seguici su facebook
Questi termini medici li conosci?
Altri dizionari medici
do you network?