Plessi corioidei. Significato del termine medico 'Plessi corioidei' presente nel dizionario medico online gratuito.   
Dizionario medico online

Significato termine medico Plessi corioidei

Nell’encefalo, rete venosa ricca di villi che si dirama dalla pia madre e dall’ependima (epitelio monostratificato) per invaginazione nel vetricolo cerebrale. Tramite i plessi corioidei (o tela corioidea) avviene la produzione e il riassorbimento del liquor.tela corioidea) avviene la produzione e il riassorbimento del liquor.

Commenti

Altri termini medici nel dizionario medico che iniziano con la 'P'

  • Polidattilìa
  • Malformazione congenita caratterizzata dalla presenza di un [...]
  • PES
  • Sigla di potenziali evocati sacrali, con cui si indica l’indagine diagnostica neurologica mediante l’analisi [...]
  • Peptidasi
  • (o esopeptidasi), enzimi facenti parte del gruppo delle proteasi, che esplicano [...]
  • Polisierosite
  • Processo infiammatorio che interessa contemporaneamente più membrane sierose (pleura, pericardio, peritoneo). Si manifesta con febbre, dolori toracici, retrosternali e addominali, tosse, accumulo di liquido (versamento) nelle cavità pleuriche, pericardica e peritoneale. Se non si interviene con terapia adeguata, si possono formare in queste cavità aderenze fibrose, che [...]
  • Ponte (anatomia)
  • Forma abbreviata per indicare la struttura encefalica detta [...]
  • Puntura
  • Infissione in una parte del corpo di un ago cavo, collegato a una siringa, allo scopo [...]
  • Protopàtica, sensibilità
  • Tipo di sensibilità che permette la percezione di stimoli cutanei dolorosi o tattili, e di variazioni estreme di caldo e freddo. La via nervosa responsabile termina a livello talamico, dove avverrebbe il riconoscimento sensitivo. La [...]
  • Palatino
  • Osso corto, sito nella parte più interna dello scheletro della faccia; è [...]
  • Prostatite
  • Infezione della prostata causata da batteri (stafilococchi, streptococchi, enterococchi, enterobacteriacee come l'Escherichia coli) o, eccezionalmente, da virus. Di solito sono contemporaneamente colpite le vescichette seminali. Generalmente i microrganismi raggiungono l’organo attraverso il sangue; più raramente provengono da un’infezione dell’uretra. Si distinguono due forme di prostatite, una acuta e una cronica. La prostatite acuta si manifesta con febbre, dolore della regione rettale, disturbi nell’eliminazione dell’urina e disturbi sessuali: diminuzione della libido, coito molto doloroso. La terapia si basa sulla somministrazione di antibiotici (chinolonici, cotrimoxazolo, aminoglicosidi). Tale terapia va continuata per 4-6 settimane e controlli colturali vanno eseguiti dopo 1 e 3 mesi. La prostatite cronica, [...]
  • Pityrìasis ròsea
  • Dermatosi eritemato-desquamativa a carattere eruttivo. La causa è sconosciuta; si sospetta un’origine virale. L’incidenza della malattia è maggiore tra i 10 e i 40 anni e nelle stagioni autunnali e primaverili. Inizia di solito con una singola chiazza eritemato-squamosa localizzata in genere al tronco (chiazza madre), alla quale segue, dopo alcuni giorni o anche settimane, un’eruzione di molteplici elementi eritemato-desquamativi di [...]
Seguici
facebook twitter google+ rss
Ricerca termini medici
Seguici su facebook
Questi termini medici li conosci?
Altri dizionari medici
do you network?