Pneumonectomìa. Significato del termine medico 'Pneumonectomìa' presente nel dizionario medico online gratuito.   
Dizionario medico online

Significato termine medico Pneumonectomìa

Intervento chirurgico di asportazione di un lobo o segmento polmonare o di un intero polmone (pneumonectomìa totale). È indicata elettivamente nel caso di tumori maligni. Più il soggetto è giovane, più il polmone residuo ha la capacità di adattarsi e compensare la nuova situazione.il soggetto è giovane, più il polmone residuo ha la capacità di adattarsi e compensare la nuova situazione.

Commenti

Altri termini medici nel dizionario medico che iniziano con la 'P'

  • Paraffina lìquida
  • (o olio di vaselina), farmaco (liquido trasparente, incolore, inodore, oleoso, insolubile in acqua) che agisce come lubrificante delle feci rendendole di consistenza molle. Deve essere usato con cautela nei pazienti anziani e nei bambini. È preferibile l’assunzione a stomaco vuoto, perché si ha [...]
  • Puntura esplorativa
  • Puntura di una cavità naturale o di una cisti o di un ascesso per estrarre una piccola parte del liquido in essi contenuto e sottoporlo a esame (batteriologico, microscopico, chimico). Se ne distinguono vari tipi: toracentesi (per indagare la cavità pleurica), paracentesi (evacuazione di liquidi patologici dalle [...]
  • Pòrtio
  • Sostantivo latino che, in anatomia, in senso lato indica una porzione di organo; in [...]
  • Pleuropolmonite
  • Polmonite complicata da pleurite, detta anche pleurite metapneumonica. Si tratta quasi sempre di polmoniti acute purulente, provocate da pneumococchi, strepto - e [...]
  • Pertosse
  • Malattia infettiva causata, nella maggior parte dei casi, dal batterio Bordetella pertussis, ma anche da Haemophilus parapertussis e Bordetella bronchiseptica. Poiché non c’è immunità crociata verso questi tre batteri, la malattia può essere contratta più di una volta. È una tipica malattia dell’età scolare, a contagio diretto attraverso goccioline di saliva e secrezioni nasali. La sintomatologia è caratteristica solo dopo i 12 mesi di età; nel lattante può manifestarsi in maniera variabile (forma asfittica, sincopale, soffocante), sempre con grave difficoltà respiratoria e talora arresto cardiaco e respiratorio. Il quadro tipico è invece caratterizzato da una fase di incubazione che dura 6-20 giorni, seguita da una fase catarrale della durata di due settimane, e infine da una fase accessionale di altre due o tre settimane. La fase catarrale si manifesta con tosse prevalentemente notturna, con espettorato bianco filante. Se riconosciuta e curata con adeguati antibiotici (eritromicina, azitromicina, claritromicina) in questa fase, la malattia ha decorso breve, senza complicazioni, e la fase accessionale può essere ridotta o assente. La fase accessionale è dominata da [...]
  • Penicilline
  • Gruppo di antibiotici, derivati di sintesi della penicillina, preparati per migliorare lo spettro antibatterico, esteso ai germi gram - (per esempio l’ampicillina), per renderne possibile l’assunzione per via orale, o per aumentarne la resistenza alla penicillasi(per esempio la meticillina). Sono dette anche penicilline semisintetiche, e sono ottenute facendo reagire l’acido 6-amino-penicillinico con varie sostanze. Gli effetti collaterali sono analoghi a quelli della [...]
  • Pediatrìa
  • Disciplina che ha per oggetto quanto concerne la salute fisica [...]
  • Precancerosi
  • Condizione patologica con elevata probabilità di evolvere in un tumore maligno. In alcuni casi lesioni definite come precancerose sono in realtà dei carcinomi in stadio preinvasivo (in situ): il concetto di precancerosi è quindi un concetto statistico, di probabilità di evoluzione maligna, e perciò suscettibile di differenti interpretazioni cliniche. A livello cutaneo le più importanti precancerosi sono: il morbo di Bowen, un carcinoma in situ con elevata tendenza all’evoluzione in epitelioma (la forma a carico delle mucose è denominata eritroplasia di Queyrat e si localizza frequentemente al glande); la cheratosi senile, tipica delle zone cutanee a lungo esposte al sole; le dermatiti da radiazioni; le leucoplachie, localizzate alle mucose delle labbra e della bocca o del collo dell’utero, con l’aspetto di placche biancastre più o meno rilevate. Nella mammella la malattia di Paget del capezzolo è considerata una grave precancerosi, simile a una forma di eczema cronico; più benigna la comune mastopatia fibrocistica, pur tuttavia considerata da alcuni una condizione pretumorale. La presenza di isole di mucosa gastrica nell’esofago o nell’intestino, di tessuto uterino nell’ovaio, di aree cellulari di origine pancreatica nello stomaco o nell’intestino viene [...]
  • Psoas
  • Muscolo addominale e della zona anteriore della coscia; si inserisce da un lato sulle vertebre lombari e dall’altro [...]
  • Psicopatologìa
  • Studio delle funzioni psichiche alterate che sono alla base delle malattie mentali. La psicopatologìa, attraverso l’analisi e [...]
Seguici
facebook twitter google+ rss
Ricerca termini medici
Seguici su facebook
Questi termini medici li conosci?
Altri dizionari medici
do you network?