Poliposi. Significato del termine medico 'Poliposi' presente nel dizionario medico online gratuito.   
Dizionario medico online

Significato termine medico Poliposi

Presenza di un gran numero di polipi lungo tutto il tubo digerente (specie nel colon e nello stomaco). Spesso familiare, questa patologia presenta un notevole rischio di evoluzione tumorale in età relativamente giovanile, dopo un periodo caratterizzato dalla comparsa sempre più frequente di sangue nelle feci. La terapia è chirurgica, per via endoscopica, oppure con colectomia totale, seguita da anastomosi ileo-ano, se la poliposi del grosso intestino è molto diffusa. Nel caso di poliposi gastrica (piuttosto rara) o di una poliposi giovanile, data la bassa percentuale di degenerazioni tumorali, si preferisce eseguire controlli endoscopici a intervalli regolari, con eventuale asportazione, sempre per via endoscopica, dei polipi via via che si formano.Presenza di un gran numero di polipi lungo tutto il tubo digerente (specie nel colon e nello stomaco). Spesso familiare, questa patologia presenta un notevole rischio



di evoluzione tumorale in età relativamente giovanile, dopo un periodo caratterizzato dalla comparsa sempre più frequente di sangue nelle feci. La terapia è chirurgica, per via endoscopica, oppure con colectomia totale, seguita da anastomosi ileo-ano, se la poliposi del grosso intestino è molto diffusa. Nel caso di poliposi gastrica (piuttosto rara) o di una poliposi giovanile, data la bassa percentuale di degenerazioni tumorali, si preferisce eseguire controlli endoscopici a intervalli regolari, con eventuale asportazione, sempre per via endoscopica, dei polipi via via che si formano.

Commenti

Altri termini medici nel dizionario medico che iniziano con la 'P'

  • Prognatismo
  • Malocclusione dentaria, detta [...]
  • Proliferative, malattie
  • Il termine indica in genere le malattie tumorali, caratterizzate dall’accelerazione del [...]
  • Psicofàrmaci
  • Farmaci che agiscono principalmente sui processi mentali determinando modificazioni del comportamento, sia normale sia patologico, con effetti sedativi o stimolanti. Gli psicofàrmaci vengono impiegati in psichiatria per scopi terapeutici. L’uso risale agli anni Cinquanta con l’introduzione nella terapia psichiatrica della reserpina e della clorpromazina. L’azione è soprattutto sintomatica, cioè diretta ai sintomi e non alle cause della malattia; spesso non è selettiva, per cui possono verificarsi effetti collaterali, talora rilevanti; inoltre risente non di rado del contesto (ambientale, familiare, sociale) [...]
  • Piromìdico, àcido
  • Indice:farmaco chemioterapico ad ampio spettro, impiegato nelle infezioni delle vie urinarie e delle [...]
  • Palatoplastica
  • Intervento chirurgico che viene praticato per ricostruire il palato nei diversi casi di palatoschisi. Consiste nell’allungamento del palato in senso anteroposteriore, per consentire un miglior [...]
  • Pèlvica, cintura
  • Parte dello scheletro formata dalle ossa iliache e dal tratto sacrale della colonna vertebrale; [...]
  • Parènchima
  • Termine generico con cui si indica il tessuto proprio e funzionalmente differenziato di un organo (parènchima epatico, parènchima polmonare, parènchima renale), in contrapposizione al tessuto di sostegno (o stroma), che costituisce invece la trama di [...]
  • Pleiomorfismo
  • (o polimorfismo), caratteristica di alcune cellule, che possono assumere diversità [...]
  • Parto prematuro
  • (o parto pretermine), parto che avviene tra il 180° e il 265° giorno a partire dall’ultima mestruazione. La frequenza oscilla tra il 6% e il 15% di tutti i parti. È responsabile dell’85% delle malattie prenatali e della mortalità neonatale. Il rischio di mortalità neonatale è molto alto fino a 230 giorni e diventa di poco superiore a quello dei nati a termine dopo 242 giorni. Il parto prematuro può essere dovuto a cause materne (malattie acute o croniche come diabete, ipertensione, gestosi del 3° trimestre, malattie infettive), oppure ad alterazioni strutturali dell’utero (insufficienza cervico-segmentaria e fibromi), o a cause fetali (gemellarità, situazione trasversa, morte intrauterina del feto) [...]
  • Probenecid
  • Farmaco uricosurico, in grado di bloccare la secrezione tubulare della penicillina e delle cefalosporine con conseguente aumento dei loro tassi nel [...]
Seguici
facebook twitter google+ rss
Ricerca termini medici
Seguici su facebook
Questi termini medici li conosci?
Altri dizionari medici
do you network?