Poplìtea, arteria. Significato del termine medico 'Poplìtea, arteria' presente nel dizionario medico online gratuito.   
Dizionario medico online

Significato termine medico Poplìtea, arteria

Ramo terminale dell’arteria femorale che, attraversata la regione del poplite, si biforca nelle due arterie tibiale anteriore e tibioperoniera; irrora l’articolazione del ginocchio e i muscoli connessi.connessi.

Commenti

Altri termini medici nel dizionario medico che iniziano con la 'P'

  • Pedidio, mùscolo
  • Muscolo estensore breve delle prime quattro dita del piede; appiattito [...]
  • Penicillina
  • (o penicillina G, o benzilpenicillina), farmaco antibiotico prodotto da colture della muffa Penicillium notatum, capostipite degli antibiotici e del gruppo delle penicilline, caratterizzate tutte dallo stesso meccanismo d’azione, che interferisce nella sintesi proteica della membrana cellulare batterica, di cui impedisce i normali scambi biologici. Esistono penicilline naturali e semisintetiche: chimicamente sono beta-lattamine che agiscono inibendo la sintesi della parete batterica. La penicillina naturale più usata in terapia è appunto la benzilpenicillina o penicillina G: ha azione batteriostatica e, per concentrazioni più elevate, battericida. Ha uno spettro d’azione limitato: non agisce infatti contro la maggior parte dei batteri gram-negativi; è efficace invece nelle infezioni da streptococco beta-emolitico, pneumococco, meningococco, gonococco, germi della gangrena gassosa, bacillo difterico e treponema pallido. Non può essere somministrata per via orale perché è distrutta dall’acidità gastrica; è inattivata dalla penicillasi. In passato è stata molto usata per le [...]
  • Petting
  • L’insieme delle pratiche eterosessuali che escludono la penetrazione vaginale. Contrariamente a quanto comunemente si pensa, il petting non è immune da rischi di fecondazione: anche senza penetrazione, nel caso di stretto contatto tra [...]
  • Plasminogeno
  • Precursore della plasmina, che viene liberata [...]
  • Piombo
  • Metallo pesante, presente naturalmente nella crosta terrestre e impiegato in diversi settori industriali. Date le sue caratteristiche di grande stabilità chimica, il piombo utilizzato (sotto forma di piombo tetraetile) come antidetonante in alcune benzine è in grado di diffondersi e di accumularsi nell’ambiente in modo ubiquitario. È pertanto considerato un inquinante dell’aria, dell’acqua e del suolo [...]
  • Panuveite
  • Sinonimo di uveite diffusa [...]
  • Piede cavo
  • Malformazione congenita o acquisita della volta della pianta del piede, dovuta a un alterato equilibrio funzionale dei muscoli del piede e della gamba. Si presenta con una piegatura dell’avampiede verso l’avanti e con l’incurvamento della volta perché le ossa del metatarso si trovano [...]
  • Pirazinamide
  • Farmaco antitubercolare con potente azione battericida, particolarmente efficace in associazione con isoniazide, rifampicina o [...]
  • Polmone, tumori del
  • Indice:Tipi di tumore e quadro clinicoTerapiatumori che si sviluppano primitivamente nei polmoni. Sono i tumori più frequenti nel maschio, di cui rappresentano anche la prima causa di morte per cancro (la quinta nelle femmine). Il rapporto nei due sessi è di 4:1 e il picco di massima incidenza è fra i 55 e i 65 anni. Fattori di rischio per i tumori del polmone sono considerati il fumo di sigaretta sia attivo sia passivo, l’esposizione a prodotti industriali (per esempio, asbesto, cromo, nichel), a radiazioni, a inquinanti ambientali. Più discussa, ma postulata, una predisposizione genetica.Tipi di tumore e quadro clinicoDal punto di vista istologico se ne distinguono diversi tipi. I più importanti sono: il carcinoma epidermoide o squamoso, che rappresenta circa un terzo dei casi, è tipico dei maschi e strettamente associato al fumo; l’adenocarcinoma, più frequente nelle femmine, che rappresenta il 25% circa del totale e si associa spesso a condizioni infiammatorie croniche o a fibrosi polmonari; il carcinoma a grandi cellule, reperibile circa nel 15% dei casi; il carcinoma a piccole cellule, o microcitoma, che costituisce circa un quarto del totale, e che è più spesso associato all’anomala espressione di alcuni oncogeni e presenta caratteristiche embriologiche, biochimiche e di comportamento biologico fondamentalmente diverse dagli altri tipi. Sulla base di questo assunto si classificano sommariamente i tumori del polmone in due grandi categorie: tumori a piccole cellule e non a piccole cellule. La differente classificazione riflette in linea di massima due diverse modalità di stadiazione, prognosi e terapia. I segni e i sintomi dipendono dalla sede e dal tipo istologico. Nelle forme a sviluppo intrabronchiale il tumore si manifesta con difficoltà di respirazione, tosse persistente, dolori toracici, escreato striato di sangue, broncopolmoniti recidivanti o versamenti pleurici. Nelle forme a sviluppo extrabronchiale il tumore può restare asintomatico per un lungo periodo; poi l’invasione della parete toracica può determinare dolori costali e versamenti pleurici. L’infiltrazione delle catene nervose all’apice della spalla nel caso di tumori localizzati nei segmenti superiori può essere responsabile della sindrome di Bernard-Horner (esoftalmo, miosi, ptosi palpebrale), dovuta alla lesione delle fibre nervose simpatiche localizzate nel distretto cervicale; l’ostruzione vascolare intratoracica può invece portare a una sindrome della vena cava; è possibile anche il coinvolgimento del sistema linfatico polmonare con linfangite. Rare ma tipiche del tumore del polmone, in particolare del microcitoma polmonare, sono le sindromi paraneoplastiche che [...]
  • Pachionichìa
  • Ispessimento della lamina dell’unghia, in genere a [...]
Seguici
facebook twitter google+ rss
Ricerca termini medici
Seguici su facebook
Questi termini medici li conosci?
Altri dizionari medici
do you network?