Radici nervose. Significato del termine medico 'Radici nervose' presente nel dizionario medico online gratuito.   
Dizionario medico online

Significato termine medico Radici nervose

Ciascuno dei due fasci di fibre nervose, l’anteriore e il posteriore, che emergono dal sistema nervoso centrale e si uniscono a formare un tronco nervoso.

Commenti

Altri termini medici nel dizionario medico che iniziano con la 'R'

  • Rickettsìosi
  • Gruppo di malattie infettive causate da microrganismi parassiti della famiglia delle Rickettsiae. Le malattie causate da questi microrganismi sono molte, alcune di esse però sono strettamente limitate a determinate zone geografiche. Si possono suddividere in tre gruppi: gruppo delle febbri esantematiche; gruppo delle febbri tifoidi; altre varietà. Tutte sono caratterizzate da interessamento polmonare. [...]
  • Ritmo circadiano
  • Ritmo biologico giornaliero, caratterizzato cioè da una periodicità di 24 ore. In sincronia col ritmo circadiano vengono regolati molti dei fenomeni che avvengono nell’organismo quali il ritmo cardiaco, le secrezioni ormonali, la pressione sanguigna o l’escrezione renale. È determinato da fattori ereditari insiti nell’organismo, ma è anche soggetto a fattori geofisici quali il campo magnetico o la rotazione della Terra. Le variazioni dei parametri vitali sono ritmi circadiani indotti dall’alternarsi del giorno e della notte: in funzione della variazione di questi [...]
  • Radiologìa
  • Disciplina medica che si occupa delle applicazioni diagnostiche e terapeutiche [...]
  • Rettocele
  • (o proctocele), alterazione della parete anteriore del retto, che si sfianca e si spinge in avanti [...]
  • Rosolìa
  • (o rubeola), malattia infettiva causata da un RNA virus (della famiglia Togaviridae). Il contagio avviene per via diretta mediante le goccioline di saliva disperse nell’aria; l’incubazione dura 2-3 settimane, mentre l'infettività va da alcuni giorni prima a 7 giorni dopo l'esantema. Esordisce con febbricola, dolori articolari, esantema molto tenue e di breve durata, arrossamento della faringe. L’esantema esordisce al volto e al padiglione auricolare, poi si diffonde agli arti e al tronco, e scompare dopo uno o due giorni; nel 50% dei casi è associato a tumefazione dei linfonodi. La malattia è soggetta a denuncia. Nel bambino, generalmente, non ha complicazioni e lascia un’immunità permanente. La terapia è solo sintomatica e prevede la somministrazione di antipiretici e il riposo a letto. Se sopravvengono complicazioni batteriche [...]
  • RMN
  • Sigla di risonanza magnetica nucleare (vedi [...]
  • Raptus
  • Impulso improvviso, assai intenso e di breve durata, a compiere azioni generalmente violente o aggressive dirette verso sé stessi o gli altri. Il raptus ansioso è una manifestazione subitanea e intensa di grave ansia, che può indurre il soggetto [...]
  • Radioisòtopo
  • (o radionuclide), isotopo radioattivo ottenuto artificialmente da elementi che in natura esistono sotto forma di isotopi generalmente non radioattivi. La produzione di radioisòtopi ha permesso notevoli progressi in campo medico: come traccianti radioattivi sono [...]
  • Radiale, arteria
  • Ramo laterale dell’arteria omerale; transita tra i muscoli anteriori dell’avambraccio per formare al palmo della [...]
  • Rigetto
  • Indice:Le reazioni di rigettocomplesso di fenomeni immunologici che si verificano in seguito a un trapianto di organi o tessuti e che rendono impossibile la riuscita del trapianto stesso. Alla base del rigetto di un trapianto c’è un meccanismo per cui il sistema immunitario del ricevente riconosce particolari molecole che si trovano sulla superficie delle cellule del tessuto od organo trapiantato (HLA). Queste molecole sono diverse e peculiari in ogni soggetto: il sistema immunitario del ricevente le considera come estranee, non essendo mai venuto in contatto con esse, e determina contro il tessuto trapiantato una risposta immunologica che porta alla sua distruzione. La riuscita di un trapianto, quindi, dipende dalla possibilità di trovare un donatore le cui molecole HLA siano quanto più possibile simili a quelle del ricevente. Siccome le molecole HLA vengono espresse sotto il controllo genetico, i gemelli omozigoti esprimono sulla superficie delle loro cellule molecole identiche di istocompatibilità, condividendo lo stesso patrimonio genetico. Quando non è disponibile come donatore un gemello monozigote si ricerca, con esami di tipizzazione tissutale, il donatore che condivide con il ricevente il maggior numero di determinanti HLA. Poiché anche le differenze minori degli antigeni HLA determinerebbero una risposta immunitaria, al fine di non pregiudicare il buon [...]
Seguici
facebook twitter google+ rss
Ricerca termini medici
Seguici su facebook
Questi termini medici li conosci?
Altri dizionari medici
do you network?