Resistenze orgàniche. Significato del termine medico 'Resistenze orgàniche' presente nel dizionario medico online gratuito.   
Dizionario medico online

Significato termine medico Resistenze orgàniche

Complesso di meccanismi di difesa di cui dispone l’organismo umano per combattere l’aggressione da parte degli agenti nocivi esterni, in modo particolare i microrganismi patogeni (virus ecc.). Contribuiscono a formare le difese organiche: la barriera cutanea con i suoi poteri chimico-fisici, le secrezioni del tratto respiratorio e di quello gastrointestinale, i meccanismi di depurazione meccanica (come le ciglia dell’albero respiratorio), ma soprattutto i fattori di difesa immunitaria, quali gli anticorpi, i diversi tipi di leucociti, il complemento, le interleuchine ecc. Le resistenze orgàniche dipendono da un’ampia serie di fattori, essenzialmente dalle condizioni generali dell’organismo e dal suo stato di salute: le malattie croniche e debilitanti, la denutrizione, l’esposizione a fattori ambientali tossici (radiazioni, inquinamento ecc.), la somministrazione di farmaci immunodepressori e di cortisonici minano profondamente le capacità dell’organismo di offrire una valida resistenza contro l’aggressione degli agenti patogeni, facilitando lo sviluppo di infezioni di particolare gravità.Complesso di meccanismi di difesa di cui dispone l’organismo umano per combattere l’aggressione da parte degli agenti nocivi esterni, in modo particolare i microrganismi patogeni (virus



ecc.). Contribuiscono a formare le difese organiche: la barriera cutanea con i suoi poteri chimico-fisici, le secrezioni del tratto respiratorio e di quello gastrointestinale, i meccanismi di depurazione meccanica (come le ciglia dell’albero respiratorio), ma soprattutto i fattori di difesa immunitaria, quali gli anticorpi, i diversi tipi di leucociti, il complemento, le interleuchine ecc. Le resistenze orgàniche dipendono da un’ampia serie di fattori, essenzialmente dalle condizioni generali dell’organismo e dal suo stato di salute: le malattie croniche e debilitanti, la denutrizione, l’esposizione a fattori ambientali tossici (radiazioni, inquinamento ecc.), la somministrazione di farmaci immunodepressori e di cortisonici minano profondamente le capacità dell’organismo di offrire una valida resistenza contro l’aggressione degli agenti patogeni, facilitando lo sviluppo di infezioni di particolare gravità.

Commenti

Altri termini medici nel dizionario medico che iniziano con la 'R'

  • Rubèola
  • Sinonimo di [...]
  • Ronco
  • Rumore secco di origine bronchiale, udibile all’ascoltazione toracica; è generato dal passaggio dell’aria attraverso il lume dei bronchi ristretto per l’ingombro di secreto denso e viscoso, per edema della mucosa o per broncospasmo. A seconda [...]
  • Rh, sistema
  • Sistema di antigeni di natura proteica presente alla superficie dei globuli rossi, comprendente come antigeni principali CDEcde. D è l’antigene più immunogeno del sistema Rh; ma, al contrario di quanto avviene nel sistema AB0, non dà origine ad anticorpi preformati negli individui che non lo posseggono, ed è controllato da due alleli, D e d; questi possono dare origine a tre genotipi diversi: DD, Dd e dd, cui corrispondono due soli fenotipi, in quanto D è dominante e pertanto l’antigene d si esprime soltanto in omozigosi, dd. [...]
  • Rene
  • Indice:Struttura anatomicaFunzioni fisiologicheciascuno dei due organi escretori dell’urina, posti nella fossa lombare, ai lati della colonna vertebrale, in posizione retroperitoneale; il rene sinistro è situato qualche centimetro più in alto di quello destro.Struttura anatomicaIl rene ha forma ovoidale, con l’asse maggiore verticale; il lato interno presenta una concavità (ilo renale) attraverso cui entra l’arteria renale ed escono la vena renale e l’uretere. È lungo circa 10 cm, largo 7 cm, spesso 3-4 cm, a superficie liscia, rivestito da una capsula di origine connettivale, sormontato dalla capsula surrenale, o surrene. Oltre che dai vasi sopra ricordati, il rene è tenuto in loco dalla fascia renale di natura connettiva che lo avvolge con due foglietti, risultando così ospitato in una loggia ricca di materiale adiposo. Posteriormente il rene è a contatto con i muscoli della parete addominale, ventralmente con gli organi della cavità addominale, da cui però è separato dalla fascia renale e dalle formazioni peritoneali. Nella sezione del rene si notano dall’esterno all’interno la capsula del rene, uno spesso parenchima corticale granuloso, di colore rossastro; lo strato midollare, più scuro e striato longitudinalmente, suddiviso in esterno, medio e interno, formato da canali collettori, raggruppati in formazioni coniche dette piramidi di Malpighi, in numero di 7 o 8 con base verso l’esterno. Le piramidi sboccano nel bacinetto renale, o pelvi renale, cavità interna del rene posta in corrispondenza dell’ilo, da cui parte l’uretere. Ogni piramide termina con un apice che porta da 10 a 30 forellini, sbocchi dei canali collettori papillari (o tubuli retti di Bellini), ed è circondata da un calice, o papilla renale, che abbraccia i calici minori. Ogni piramide è divisa in lobuli, ciascuno formato da un raggio midollare e dalle sue ramificazioni. La sostanza corticale è formata dalle parti periferiche del nefrone e s’insinua anche fra le piramidi di Malpighi formandovi le colonne di Bertin; a sua volta la sostanza midollare invia propaggini entro la sostanza corticale formando le piramidi di Ferrein, avviluppate dalla parte della sostanza corticale (labirinto) che contiene i tubuli contorti. Il nefrone (unità funzionale del rene) inizia con la capsula di Bowman, che avvolge il glomerulo vascolare detto corpuscolo di Malpighi, derivato da un’arteriola; si continua con un tubulo contorto di I ordine, con l’ansa di Henle, [...]
  • Rafe
  • Linea che segna i margini di contatto o di fusione di due parti di [...]
  • Recettore
  • Struttura atta a ricevere segnali o stimoli e a produrre una risposta biologica a essi. Ci sono recettori sensoriali, strutture nervose unicellulari o pluricellulari, distinti, a seconda [...]
  • Ruota dentata, rigidità a
  • Sintomo di alterazione del sistema extrapiramidale, in cui il movimento passivo di un arto, per esempio, di estensione del braccio rispetto all’avambraccio, fa percepire alla palpazione un cedimento brusco, [...]
  • Rima òssea
  • Fessura esistente tra i due monconi [...]
  • Retto
  • Porzione terminale dell’intestino crasso, compresa tra il colon sigmoideo e l’orifizio anale. È lungo circa 12 cm, di calibro non uniforme, distinto in un tratto endopelvico di forma ampollare, per cui è detto anche ampolla rettale, e in un segmento perineale che attraversa il piano del perineo. La sua superficie esterna è liscia, a volte con 1-3 solchi trasversali ai quali corrispondono internamente altrettante pieghe, dette valvole rettali, anche se prive di qualsiasi funzione regolatrice sul passaggio delle feci. Nel tratto più prossimo all’orifizio anale la superficie interna del retto presenta 5-10 rilievi longitudinali (colonne del [...]
  • Radiale, nervo
  • Ramo terminale del plesso brachiale, formato da fibre dei nervi cervicali VI, VII, VIII; attraversa la regione ascellare, percorre [...]
Seguici
facebook twitter google+ rss
Ricerca termini medici
Seguici su facebook
Questi termini medici li conosci?
Altri dizionari medici
do you network?