Reumatòide, fattore. Significato del termine medico 'Reumatòide, fattore' presente nel dizionario medico online gratuito.   
Dizionario medico online

Significato termine medico Reumatòide, fattore

Immunoglobulina che può essere della classe G, M o A e che riconosce in modo specifico le immunoglobuline della classe G, alle quali si lega (è, quindi, un anticorpo anti-anticorpo). Il fattore reumatòide si riscontra in modo particolare nell’artrite reumatoide, ma anche in molte malattie caratterizzate da uno stimolo cronico del sistema immunitario, o in persone anziane sane.Immunoglobulina che può essere della classe G, M o A e che riconosce in modo specifico le immunoglobuline della classe G, alle quali si lega (è,



quindi, un anticorpo anti-anticorpo). Il fattore reumatòide si riscontra in modo particolare nell’artrite reumatoide, ma anche in molte malattie caratterizzate da uno stimolo cronico del sistema immunitario, o in persone anziane sane.

Commenti

Altri termini medici nel dizionario medico che iniziano con la 'R'

  • Rosacea
  • Particolare tipo di acne caratterizzata da sviluppo di telangectasie [...]
  • Rimozione
  • In psicoanalisi, meccanismo di difesa inconscio, attraverso il quale a impulsi inaccettabili per l’Io o il Super-Io viene impedito l’accesso alla sfera della coscienza; [...]
  • Richiamo
  • In medicina, somministrazione di un vaccino in un organismo che ha già subito una prima vaccinazione contro lo stesso [...]
  • Rigidità
  • In patologia, resistenza di segmenti corporei ai movimenti attivi o passivi, determinata da ipertonia muscolare o da condizioni patologiche delle articolazioni. Per la rigidità extrapiramidale vedi ipertonia extrapiramidale. La rigidità da decerebrazione consiste nell’ipertonia dei muscoli antigravitari (ipertonia estensoria dei quattro arti). Si osserva nelle crisi toniche di origine cerebellare (cerebellar tonic fits), in rapporto con un improvviso aumento della pressione endocranica della fossa cranica posteriore (per esempio, da tumori del cervelletto). La rigidità decorticata, che [...]
  • Reye, sìndrome di
  • Malattia caratterizzata da encefalopatia acuta e degenerazione degli organi interni; spesso insorge dopo alcune infezione virali acute (varicella, influenza, coxsackie, ecovirus). L’origine non è conosciuta, ma sono stati chiamati in causa deficit enzimatici, fattori tossici, infezioni virali, ma soprattutto l'assunzione di farmaci (acido acetilsalicilico). È di solito riscontrata in soggetti di età inferiore ai 15 anni. Il sintomo iniziale è il vomito, accompagnato da progressivo deterioramento dello stato mentale, sino al coma. Si instaurano: insufficienza epatica, insufficienza renale, ipoglicemia grave. La morte può sopravvenire per edema cerebrale, quattro [...]
  • Raggi
  • Termine usato spesso come [...]
  • Referto mèdico
  • Relazione scritta rilasciata dal medico sulle risultanze di indagini diagnostiche, fisiche o strumentali. In medicina legale, il referto mèdico consiste nella denuncia fatta all’autorità giudiziaria da parte del medico che nell’esercizio della professione viene a conoscenza di situazioni in cui si profila un’ipotesi di delitto perseguibile d’ufficio. Il medico è obbligato [...]
  • Rinostenosi
  • Ostruzione parziale o totale delle fosse nasali. È un sintomo comune a molte [...]
  • Rabbia
  • Malattia infettiva causata da un virus della famiglia dei Rhabdovirus; interessa gli animali e occasionalmente anche la specie umana. Si può contrarre con il morso di un animale infetto mediante l’inoculo della saliva, contenente il virus in alta concentrazione. La malattia è diffusa in tutto il mondo e, dopo anni di diminuzione, dal 1972 si è verificata una ripresa dei focolai di rabbia animale con conseguente maggior rischio di rabbia umana. Gli animali responsabili oggi della diffusione della malattia in Italia sono prevalentemente le volpi, che dall’Austria stanno estendendo l’infezione a tutta la fascia alpina. Il virus penetrato con il morso si diffonde lungo i nervi sensitivi e arriva al sistema nervoso centrale, dove determina la morte dei neuroni delle corna posteriori del midollo, del mesencefalo e dei gangli della base. L’incubazione è molto variabile, a seconda della distanza fra il punto del morso e il sistema nervoso centrale, e può durare anche alcuni mesi (mediamente 20-90 giorni). La malattia si manifesta con sintomi da iperstimolazione del sistema nervoso sensitivo (idrofobia, aerofobia, disturbi della deglutizione, [...]
  • Retinocoroidite
  • Processo infiammatorio o degenerativo a carico della retina e della coroide. Si riscontra nelle coroiditi da tubercolosi, sifilide, [...]
Seguici
facebook twitter google+ rss
Ricerca termini medici
Seguici su facebook
Questi termini medici li conosci?
Altri dizionari medici
do you network?