Secondamento. Significato del termine medico 'Secondamento' presente nel dizionario medico online gratuito.   
Dizionario medico online

Significato termine medico Secondamento

Ultima fase del parto, caratterizzata dall’espulsione della placenta e delle membrane annessiali. Il secondamento segue, dopo una pausa di circa 10 minuti, la nascita del feto, quando riprendono le contrazioni dell’utero, determinando il distacco della placenta dalla parete uterina, perlopiù nella sua parte centrale. Nella zona del distacco, tra placenta e parete uterina, si ha versamento di sangue che a mano a mano, aumentando di quantità, contribuisce all’ulteriore progressivo scollamento della placenta dalla sua parte centrale verso i margini. Questi fatti avvengono nello spazio di circa 10-15 minuti. Nei casi di mancata espulsione della placenta, trascorsa un’ora dal parto, o anche prima se la ritenzione placentare è accompagnata da emorragia, si deve eseguire il secondamento manuale, cioè l’estrazione della placenta mediante una mano introdotta nella cavità uterina.Ultima fase del parto, caratterizzata dall’espulsione della placenta e delle membrane annessiali. Il secondamento segue, dopo una pausa di circa 10 minuti, la nascita del feto,



quando riprendono le contrazioni dell’utero, determinando il distacco della placenta dalla parete uterina, perlopiù nella sua parte centrale. Nella zona del distacco, tra placenta e parete uterina, si ha versamento di sangue che a mano a mano, aumentando di quantità, contribuisce all’ulteriore progressivo scollamento della placenta dalla sua parte centrale verso i margini. Questi fatti avvengono nello spazio di circa 10-15 minuti. Nei casi di mancata espulsione della placenta, trascorsa un’ora dal parto, o anche prima se la ritenzione placentare è accompagnata da emorragia, si deve eseguire il secondamento manuale, cioè l’estrazione della placenta mediante una mano introdotta nella cavità uterina.

Commenti

Altri termini medici nel dizionario medico che iniziano con la 'S'

  • Sifiloderma
  • Manifestazione cutanea provocata da sifilide [...]
  • Splenomegalìa
  • Aumento di volume patologico [...]
  • Sfenoidite
  • Infiammazione del seno sfenoidale. Questo tipo di sinusite si associa spesso a quella del seno etmoidale (o [...]
  • Scaleno
  • Nome di tre muscoli (anteriore, medio, posteriore) situati profondamente nella regione laterale del collo. Sono inseriti da un lato alle apofisi trasverse delle vertebre cervicali [...]
  • Sinòvia
  • (o liquido sinoviale), liquido contenuto in piccole quantità nelle cavità articolari. È viscoso, filante, giallastro, trae origine dalla membrana [...]
  • Sviluppo neuromotorio e psìchico
  • Indice:Lo sviluppo delle capacità neuropsichichematurazione del sistema nervoso centrale e periferico e progressivo sviluppo e affinamento delle funzioni motorie che iniziano nel feto e possono dirsi completi alla fine dell’infanzia. Il bambino a termine di gravidanza possiede una serie di capacità motorie che gli consentono di favorire il travaglio e il parto (riconoscibili nei riflessi della marcia automatica e della risposta di sostegno positiva), di sopravvivere nel nuovo ambiente grazie al riflesso di suzione e di ricerca del capezzolo (riflesso dei punti cardinali). Alla nascita egli presenta un’ipertonia flessoria generalizzata, che dopo le prime settimane scompare lentamente per lasciare il posto alla funzione di raddrizzamento: verso il secondo-terzo mese inizia il controllo del capo. Poi, man mano, la colonna vertebrale si raddrizza e verso il quinto-sesto mese il bambino messo in posizione prona si solleva sulle braccia e raddrizza capo e tronco. Verso il settimo-ottavo mese il raddrizzamento è giunto alle prime vertebre lombari e il bambino può stare seduto da solo, ha acquisito la capacità di parare le cadute allargando le braccia in basso, in avanti e lateralmente, inizia a rotolare su se stesso, afferra gli oggetti con una mano e li avvicina alla bocca per ispezionarli, coordinando correttamente, con il controllo degli occhi, la traiettoria della mano. La marcia a quattro zampe comincia verso l’ottavo-decimo mese, la marcia bipede verso il dodicesimo-tredicesimo mese. Alcuni bambini acquisiscono prima la marcia bipede e solo dopo quella quadrupede, ma ciò non costituisce un problema. Contemporaneamente compaiono le reazioni d’equilibrio (indispensabili per poter effettuare tutti gli spostamenti di carico, per i cambiamenti di posizione e per la marcia bipede senza appoggio), che si completano verso il terzo-quarto anno.Lo sviluppo delle capacità neuropsichicheLa coordinazione motoria migliora man mano, affinando i movimenti, cosa che permette al bambino di acquisire nuove esperienze. Esso apprende sperimentando, e nei primi anni di vita l’apprendimento e le funzioni visiva, [...]
  • Splenomegalìa congestizia
  • Sinonimo di Banti, [...]
  • Sottomandibolari, ghiàndole
  • Ghiandole salivari (localizzate sulla fascia mediale del corpo della mandibola) il cui [...]
  • Sebàcee, ghiàndole
  • Piccole ghiandole annesse alla cute, ricche di granuli di grasso, che si trasforma in sebo; sono costituite da un grappolo di cellule e [...]
  • Sanguìfero
  • Si dice dei vasi deputati [...]
Seguici
facebook twitter google+ rss
Ricerca termini medici
Seguici su facebook
Questi termini medici li conosci?
Altri dizionari medici
do you network?