Spermaturìa. Significato del termine medico 'Spermaturìa' presente nel dizionario medico online gratuito.   
Dizionario medico online

Significato termine medico Spermaturìa

Presenza di liquido seminale nelle urine.

Commenti

Altri termini medici nel dizionario medico che iniziano con la 'S'

  • Smagliatura
  • (o stria atrofica), zona lineare di atrofia del tessuto cutaneoche si localizza elettivamente alla superficie interna delle cosce, alla parte esterna delle regioni glutee, ai fianchi, all’addome: quindi in regioni sottoposte, in situazioni particolari, a maggiore distensione. Inizialmente le smagliature si presentano di colorito rosso-violaceo [...]
  • Scialoadenosi
  • Processo di degenerazione a carico delle cellule secernenti delle ghiandole salivari. Se persiste nel tempo, conduce all’atrofia del tessuto ghiandolare, che viene sostituito da tessuto adiposo. La scialoadenosi può insorgere per cause farmacologiche (iodio, mercurio), tossiche (piombo), carenziali (proteine o vitamine), disprotidemiche (cirrosi), allergiche, [...]
  • Seno
  • Formazione anatomica o parte di organo caratterizzati da cavità, infossamenti, dilatazioni, perlopiù contenente liquido [...]
  • Sacco lacrimale
  • Vedi lacrimale, [...]
  • Stasi intestinale
  • Rallentamento o arresto del passaggio nel tubo intestinale del suo [...]
  • Salmonella paratyphi
  • (famiglia Enterobacteriaceae), bacillo gram-negativo, asporigeno, aerobio facoltativo, [...]
  • Sarcolemma
  • Sottile membrana di origine connettivale che avvolge ciascuna [...]
  • Sventramento
  • Sinonimo di [...]
  • Sonno
  • Indice:Funzioni psicofisiologiche del sonnoI centri regolatori del sonnoI cicli del sonnofenomeno biologico ciclico caratterizzato dalla perdita della coscienza e dall’interruzione dei rapporti sensomotori che tengono unito il soggetto al suo ambiente.Funzioni psicofisiologiche del sonnoTutte le specie animali provviste di un sistema nervoso centralizzato presentano, secondo un ritmo più o meno regolare, un’alternanza di periodi di veglia e di periodi di sonno. Durante il sonno i centri nervosi entrano in uno stato di apparente quiescenza, che consente però il mantenimento delle fondamentali funzioni fisiologiche, quali la respirazione, la circolazione del sangue, l’attività delle ghiandole endocrine, la termoregolazione ecc.; anche l’apparato muscolo-scheletrico mantiene un certo grado di attività durante il sonno: un vero rilasciamento muscolare, infatti, si ha solo durante il sonno profondo. Il ritmo con cui insorge il sonno è generalmente correlato con l’alternanza del giorno e della notte (ritmo circadiano); in verità, tale coincidenza è osservabile soprattutto nell’uomo adulto, mentre in epoca neonatale e infantile il sonno e la veglia si alternano di solito più volte durante il giorno. Circa la finalità, il sonno favorisce il restauro dell’organismo affaticato dalle più intense attività fisiche e mentali dello stato di veglia. Accanto alla fase di riposo nelle attività dei centri cerebrali corticali (soprattutto quelle legate all’apprendimento e all’elaborazione degli stimoli sensoriali provenienti dal mondo esterno), il sonno favorisce il processo di riordino di tutte le informazioni acquisite durante la veglia, in modo da consentirne la memorizzazione in forma definitiva. Ciò sembra dimostrato dal fatto che la privazione del sonno determina nell’uomo non solo disturbi psichici ma anche disordini della memoria. Nonostante la perdita della coscienza, durante il sonno la capacità di percezione sensoriale è ancora presente, anche se in forma molto attenuata. Infatti se un soggetto addormentato viene sottoposto a stimolazioni sensoriali di una certa intensità si ottiene il risveglio, a differenza di quanto si osserva nella narcosi e negli stati di coma. Si deve ammettere che, almeno in certe fasi del sonno, permangono anche le funzioni psichiche elevate. Di esse è espressione l’attività onirica che, indiscutibilmente, richiede una certa capacità di sviluppare il pensiero.I centri regolatori del sonnoL’alternarsi dello stato di veglia e di sonno è regolato da due sistemi cerebrali antagonisti: la stimolazione dei neuroni [...]
  • Sodio
  • Indice:elemento chimico (simbolo Na) che riveste la maggiore importanza nel controllo del volume dei liquidi extracellulari dell’organismo e della loro pressione osmotica Risulta pertanto intimamente correlato al metabolismo idrico dell’organismo: in presenza di eccesso di sodio compare edema e, al contrario, in caso di deficit si ha diminuzione del volume del liquido interstiziale e del sangue. In questa evenienza il soggetto presenta una sintomatologia caratterizzata da nausea, anoressia, apatia profonda, crampi muscolari, abbassamento della pressione arteriosa che nei casi più gravi può condurre a morte per collasso cardiocircolatorio. La quantità totale di sodio dell’organismo è stata valutata sui 90 g per una persona adulta: il 44% di esso è presente nel settore extracellulare, il 9% in quello intracellulare e il restante 47% nelle ossa. Il sodio nel plasma sanguigno presenta [...]
Seguici
facebook twitter google+ rss
Ricerca termini medici
Seguici su facebook
Questi termini medici li conosci?
Altri dizionari medici
do you network?